Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

L'MCI (lieve decadimento cognitivo) non porta inevitabilmente alla demenza

normal, mci and alzheimer's affected brain scansScansioni cerebrali di un cervello normale (sx), con MCI - lieve decadimento cognitivo (centro) e con Alzheimer (dx).

Caro dott. Camardi,

qualche tempo fa, abbiamo portato mia madre nella sua clinica quando abitavamo a Roanoke. Lei stava cominciando a comportarsi in modo un po' bizzarro. Con lo staff la avete esaminata a fondo e lei ha detto che non aveva l'Alzheimer, ma che sembrava che fosse sulla strada. L'ha chiamato qualcosa come 'MCI'. Poi ci ha detto cosa fare con i suoi farmaci, il fumo e la birra, e persino ha scritto tutto per assicurarsi che avessimo capito e fosse fatto correttamente. Bene, non abbiamo fatto nulla perché abbiamo traslocato e perché mia sorella voleva provare la via olistica. Ora, la mamma è decisamente oltre il limite e peggiora molto velocemente. L'abbiamo portata da un nuovo dottore qui, dove viviamo, e voleva sapere cosa ha detto lei. Avevamo ancora una pagina di ciò che ci ha scritto allora e gliela abbiamo mostrata, e lui ha detto che voleva anche il resto. Poi, ha iniziato a parlare di MCI come lei. Può ripetere di cosa si tratta? - Morgantown, West Virginia

 

Bene, facciamo un respiro profondo e mettiamoci al lavoro.


MCI (Mild Cognitive Impairment) sta per 'lieve deterioramento cognitivo'. Può rappresentare un periodo di transizione tra il momento in cui un paziente - o chi sta attorno - nota un declino della funzione di memoria, che non ha ancora iniziato ad avere un impatto completo sulle attività quotidiane, come ripetere domande o frasi.


È importante sapere che fino al 20% delle persone con più di 65 anni ha MCI. Anche se è vero che quelli con MCI hanno maggiori probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), l'MCI non conduce inevitabilmente alla demenza. Ho visto molti casi ritornare alla funzione cerebrale normale o rimanere stabili a seguito di cambiamenti nei farmaci e/o nello stile di vita.


Molti sono intimiditi da tutto ciò; tuttavia, io ne sono incoraggiato. Perché? Perché ci offre l'opportunità di fare qualcosa, se vogliamo approfittarne.


Ricordo dalla tua precedente visita che la tua risposta al mio piano di assistenza era che tua madre non avrebbe cambiato il suo comportamento in termini di fumo o di alcol. Nella mia esperienza, queste due abitudini di vita sono le associazioni più comuni con l'MCI che portano alla demenza.


Il modo in cui viviamo negli anni spesso ci porta sulla via della demenza. Trasformare il nostro stile di vita può portare a significativi miglioramenti nella qualità della nostra vita. Tuttavia, può essere una sfida scoraggiante a causa del danno graduale della demenza, che può sembrare molto sottile negli anni iniziali, fino a quando non si porta via completamente la memoria e la vita.


Tra il 2014 e il 2016, il tasso di mortalità per la demenza di MA è aumentato quasi del 20%. Di nuovo, se c'è una cosa che desidero sottolineare dopo i miei anni sul campo, è che la base per l'insorgenza del MA è stabilita decenni prima che inizino i sintomi della perdita di memoria.


Il tempo per 'ottenere benefici' nella prevenzione della demenza, penso, inizia nei nostri anni dell'adolescenza. Lo dico perché gli schemi di abitudine di fumare e bere spesso iniziano durante quegli anni e vanno avanti e avanti finché non c'è il danno reale.


Detto questo, quando consideriamo l'MCI come un modello di patologia, cerchiamo come il processo di pensare è influenzato dai due tipi. Il primo è chiamato MCI amnestico, nel quale vengono dimenticati i punti di informazione che erano ricordi quotidiani comuni di eventi recenti. Il secondo è l'MCI non amnestico, che influisce, ad esempio, sul processo decisionale, sul pensiero sequenziale o sulla simbologia interpretativa (come nel non capire cosa significa un segnale di stop).


L'MCI inizia come una diagnosi clinica basata sul giudizio di un medico di come si presenta il paziente. Questo giudizio viene dopo un'accurata anamnesi e un esame fisico in concomitanza con un esame neurologico; valutazione della funzione indipendente e delle attività quotidiane con il paziente insieme al contributo familiare; e stato mentale e analisi dell'umore nel contesto dei risultati di laboratorio e di scansione.


Questa impressione può essere confermata con un'ulteriore valutazione in una clinica specializzata che fornisce test neuropsicologici per valutare le capacità cognitive del paziente. Dopo la diagnosi, viene creato e discusso un piano di trattamento per il gruppo di cura multidisciplinare con il paziente e la sua famiglia. È importante sottolineare che tutto ciò dovrebbe essere fatto in una clinica che ha le strutture per fornire una tale valutazione. Non tutti gli studi medici lo fanno.


Per concludere, ancora una cosa: per favore non guardare indietro. Ora non è il momento delle recriminazioni di ciò che avrebbe dovuto essere fatto, perché, ti garantisco, non ci sono garanzie riguardo alla demenza. Questo è il momento di unire le fila e fare della situazione attuale il meglio che possa essere fatto, per la tua famiglia e tua madre.


Ogni anno, in questo periodo, ricordo le parole immortali dell'allenatore di basket Jim Valvano di fronte a un problema davvero scoraggiante: "Non arrenderti. Non arrenderti mai". Tieni queste parole nel tuo cuore e fai ciò che puoi per rendere migliore il domani.

 

 

 


Fonte: Dr. Michael Camardi in The Roanoke Times (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.