Nuovo esame del sangue molto preciso per rilevare l'Alzheimer

22 Set 2023 | Ricerche

Un nuovo esame del sangue chiamato p-tau217 si dimostra promettente come biomarcatore dell'Alzheimer e, se usato in un f...

Pazienti di Alzheimer possono sviluppare comportamenti OCD, come grattarsi eccessivamente

22 Set 2023 | Esperienze & Opinioni

Noto che mio padre si gratta molto la testa; questo comportamento è comune nell'Alzheimer e/o nella demenza?

<...

Anziani con lieve decadimento cognitivo faticano a prendere decisioni

22 Set 2023 | Ricerche

Ricercatori dell'Università del Sud California hanno scoperto che la condizione, che può essere un precursore della deme...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21 Set 2023 | Ricerche

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro.

Un nu...

Identificata nuova mutazione genica che altera il rischio di Alzheimer

21 Set 2023 | Ricerche

Uno studio rivoluzionario condotto da esperti della Indiana University ha fatto luce sulle basi genetiche de...

Una mela al giorno toglie davvero il medico di torno? Cosa dice il nutrizionista

21 Set 2023 | Esperienze & Opinioni

Abbiamo sentito tutti che una mela al giorno toglie il medico di torno, ma quanto è vero? Le mele non sono r...

Cellule T specializzate nel cervello rallentano la progressione dell'Alzheimer

20 Set 2023 | Ricerche

Scienziati del St. Jude Children's Research Hospital hanno scoperto che un sottoinsieme di cellule T CD8+ nel cervello r...

Per i malati di Alzheimer ricevere delle cure è sempre più difficile

20 Set 2023 | Denuncia & advocacy

Fondi al lumicino, nessuna programmazione, personale e centri insufficienti. Crescono solo le Rsa, spesso inadeguate a g...

Prossimi eventi

Gio, 19 Ott 2023   17:00 18:30   Caffe' Alzheimer
[CA Pedemontano] Le nuove sfide nell'ambito del decadimento cognitivo
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno ...
Centro Polifunzionale Pro Loco "La Vidorese", Via Andrea Palladio, Vidor (TV)
Gio, 16 Nov 2023   17:00 18:30   Caffe' Alzheimer
[CA Pedemontano] Prendersi cura della propria salute mentale per evitare la demenza
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno ...
Villa Carraro, Via Schiavonesca 13, Riese Pio X (TV)

Da non perdere

Come dormiamo oggi può prevedere quando inizia l'Alzheimer

8.09.2020 | Ricerche

Cosa faresti se sapessi quanto tempo hai prima che insorga il morbo di Alzheim...

Relazioni personali ricche migliorano il funzionamento del cervello

22.06.2020 | Ricerche

Come interagiscono gli individui, come si percepiscono uno con l'altro, e i pe...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 | Ricerche

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anoma...

Pensaci: tenere attivo il cervello può ritardare l'Alzheimer di 5 anni

21.07.2021 | Ricerche

Mantenere il cervello attivo in vecchiaia è sempre stata un'idea intelligente...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019 | Ricerche

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nell...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020 | Ricerche

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo d…

17.04.2020 | Ricerche

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrion...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023 | Normativa

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? ...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame t…

28.02.2020 | Esperienze & Opinioni

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un ac...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 | Ricerche

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotro...

L'Alzheimer inizia all'interno delle cellule nervose?

25.08.2021 | Ricerche

Uno studio sperimentale eseguito alla Lund University in Svezia ha rivelato ch...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019 | Ricerche

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzhei...

Puoi distinguere il delirium dalla demenza? È solo questione di tempi

17.06.2021 | Esperienze & Opinioni

Quante volte hai sentito qualcuno esclamare "Tu deliri!" o "Sei un demente!", ...

L'Alzheimer è composto da quattro sottotipi distinti

4.05.2021 | Ricerche

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato dall'accumulo anomale e dalla diff...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023 | Ricerche

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Al…

30.01.2015 | Ricerche

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e f...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di n…

20.05.2022 | Ricerche

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Fran...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017 | Ricerche

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018 | Ricerche

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbi...

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'Alz…

24.03.2022 | Ricerche

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diab...

exercise against depression

Diversi studi randomizzati controllati hanno dimostrato che nel trattamento della depressione l'esercizio fisico è efficace come i farmaci, in particolare rispetto al trattamento con antidepressivi di seconda generazione.


Il meccanismo di efficacia dell'esercizio può avere a che fare con l'aumento della neuroplasticità nell'ippocampo, una caratteristica incorporata nel lobo frontale responsabile dell'apprendimento e della memoria, dell'umore e dell'appetito (Ref. 1). L'atrofia nell'ippocampo è associata a molte condizioni neurologiche, come l'Alzheimer e l'epilessia.


Dato che la depressione è spesso associata a stati sedentari ed è anche associata all'ippocampo, è logico che l'attività fisica possa contribuire a invertire i suoi effetti.


Anche se i farmaci sono certamente efficaci per molte persone, altri potrebbero non rispondere al trattamento farmacologico o scoprire che gli antidepressivi hanno gravi effetti collaterali. Secondo una meta-analisi del 2017, "quasi tutte le revisioni che esaminano l'esercizio rispetto ad altri trattamenti di depressione, inclusi gli antidepressivi, supportano l'uso dell'esercizio nel trattamento della depressione, almeno come terapia aggiuntiva" (Ref. 3).


Lo studio sulla coorte HUNT di 33.908 adulti (Ref. 2), seguiti per oltre 11 anni, ha rilevato che l'esercizio fisico ha effettivamente una funzione protettiva quando si tratta di salute mentale. Lo studio ha rilevato che anche una minima quantità di attività fisica - appena un'ora alla settimana - potrebbe impedire il 12% dei casi futuri di depressione.


Nessuna di queste ricerche è davvero così sorprendente: sappiamo tutti che dovremmo fare esercizio quotidiano, e sappiamo che ci sentiamo meglio quando passiamo il tempo all'aperto o andando in palestra. Il problema arriva quando proviamo a mettere in pratica questo consiglio. Dopo tutto, la depressione ci fa sentire come .... non fare nulla.


C'è un paradosso qui: la depressione ci rende letargici, ma, per sentirci meglio, dobbiamo muoverci. Interrompere questo ciclo sembrerebbe richiedere una sorta di interruzione nei legami della catena del comportamento sedentario che porta a un umore basso e quindi a un comportamento più sedentario.


Fare molta attività fisica va contro la società dei consumi, che incoraggia o richiede molto tempo davanti allo schermo e seduti al volante di una macchina.


Nel mio libro The Boundless Life Challenge, (La sfida della vita senza confini) offro 90 giorni di suggerimenti per invertire il ciclo del comportamento sedentario. Aiuta a trasformare la pausa pranzo in una pausa esercizio, a usare almeno un po' di tempo durante il giorno per fare alcuni passi.


Possiamo anche far funzionare la tecnologia a nostro vantaggio usando le app per la dieta e l'esercizio. Anche meditazione e visualizzazione possono aiutare a liberare i blocchi mentali che ci tengono bloccati nelle nostre vecchie e zoppicanti routine. Essere attivi ci aiuta a sentirci più in controllo della nostra vita, il che porta naturalmente ad un umore più luminoso. Questo ha poi effetti di ricaduta per una maggiore felicità al lavoro e a casa.


Si dovrebbero implementare molti cambiamenti a livello sociale per combattere la depressione, e questa nuova ricerca suggerisce che un'enfasi sull'attività fisica aiuterebbe. Le città devono fare di più per creare sentieri per camminare, correre e andare in bicicletta. Molte più strade urbane dovrebbero avere marciapiedi e piste ciclabili.


I datori di lavoro non dovrebbero avere solo una palestra in loco, ma anche incoraggiare attivamente i dipendenti a fare frequenti passeggiate o fare riunioni camminando. Possiamo anche passare più tempo a uscire nella natura con la nostra famiglia e i nostri amici piuttosto che stare seduti in casa.


Sembra che la depressione sia una malattia interna, un disturbo che prospera sul comportamento sedentario. Il legame tra inattività e depressione è un dilemma gallina-uovo: le persone depresse sono depresse perché sedentarie o sedentarie perché depresse?


Nota: questo non vuol dire che le persone depresse non possano essere molto attive nelle loro scelte di vita, solo che la connessione tra salute mentale e forma fisica deve essere compresa meglio.


E' indubbio che la depressione è un fenomeno molto complesso che coinvolge molti fattori, tra cui la predisposizione genetica e le varianti individuali. Sarebbe troppo semplice dire che possiamo curare la depressione semplicemente facendo più esercizio. I farmaci rimarranno parte del pacchetto di trattamento, ma l'esercizio dovrebbe essere incluso come una parte importante del recupero.

 

 

 


Fonte: D. B. Dillard-Wright PhD, professore associato alla University of South Carolina di Aiken.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze
:

  • Kuljeet Singh Anand, Vikas Dhikav. Hippocampus in health and disease: an overview. Annals of Indian Academy of Neurology, 5 Dec 2012, DOI: 10.4103/0972-2327.104323
  • Samuel B. Harvey, Simon Øverland, Stephani L. Hatch, Simon Wessely, Arnstein Mykletun, Matthew Hotopf. Exercise and the prevention of depression: Results of the HUNT cohort study. American Journal of Psychiatry, 3 Oct 2017, DOI: 10.1176/appi.ajp.2017.16111223
  • Yael Netz. Is the Comparison between Exercise and Pharmacologic Treatment of Depression in the Clinical Practice Guideline of the American College of Physicians Evidence-Based? Frontiers in Pharmacology, 15 May 2017, doi: 10.3389/fphar.2017.00257

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.