Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

E allora che cosa è la memoria, esattamente?

E allora che cosa è la memoria, esattamente?E' autunno, le foglie cadono a terra, l'inverno è nell'aria. Sono dalla parrucchiera, per tagliarmi i capelli. La mia «shampoo guru» preferita, che è sulla sessantina, mi sta spiegando perché lei va in palestra ogni mattina: "Perché mia madre mi diceva che posso morire dall'essere pigra".


"Sembra proprio mia madre", dico io. "Lei ha sempre detto che la «fretta fa danno»". Posso sentire l'odore di mandorle, deve essere dallo shampoo. "Un'immagine vale più di mille parole", spara ancora Minnie.


Entrambe spariamo proverbi a turno, come cecchini. La bellezza è negli occhi di chi guarda. Fate come dico, non come faccio. Tieni duro, non mollare. Non stare per conto tuo.


Finisco gli adagi prima di Minnie. Lei, per aggiungere la beffa al danno, ne snocciola molti altri. Sembra che lei possa andare avanti all'infinito. Si calma. Poi: "Quei vecchi proverbi, sai, ci hanno dato delle basi. Ci hanno dato qualcosa su cui vivere".

 

La memoria culturale

La mia shampoo guru ha ragione. Anch'io ringrazio per la memoria culturale. Tendiamo a pensare alla memoria come ad una funzione del cervello che si snoda indietro e recupera quello che ci è successo nel passato. A noi. Ognuno di noi trae ricordi dal nostro pozzo personale. Posso ancora sentire nel mio polso l'homerun (1)  in sesta (2).


Ma questo tipo di memoria è fragile. Forse non ho fatto un homerun. O forse è accaduto in seconda elementare. Forse ho solo sognato di farlo. Mi sono trasferita da Lincoln nel Nebraska, dove è successo, e non c'è nessuno in giro a confermare il mio ricordo.


Per documentare la nostra vita, salviamo le foto e le mettiamo in album. Scriviamo e leggiamo biografie. Tendiamo a dimenticare che esiste un altro tipo di memoria: la memoria condivisa. Si pensi, per esempio, a quello che si impara nel corso di aritmetica, quello che sappiamo per merito di leggende familiari, barzellette, testi sacri, filastrocche, e adagi. Pensiamo alle informazioni che ci scambiamo sui campi da gioco, prima come bambini, poi come genitori. Pensiamo alle canzoni: "Blue Moon", "Rock of Ages", "Let It Be".


La saggezza culturale è spesso confezionata in modo che possa restare con noi. Viviamo secondo essa. Trenta giorni ha settembre. E' difficile trovare un uomo giusto. Un rabbino e un prete e un avvocato entrano in un bar. Non mollare mai. In principio Dio creò il cielo e la terra. Uno sciocco e il suo denaro fanno presto a separarsi. La memoria culturale ci libera dai nostri mondi idiosincratici interamente privati. Ci offre la comunità, la conoscenza comune, il linguaggio condiviso.

 

La capacità di resistenza della memoria culturale

La memoria culturale è spesso radicata in noi più profondamente, o per lo meno diversamente, dai nostri ricordi personali. E' un salvavita per i pazienti che stanno annegando nella demenza. Ho guardato malati di Alzheimer che contavano, i loro volti gioiosi per ricordare. Li ho visti guardare il baseball in TV, riconoscere il campo da gioco, entusiasti per il «crack of the bat» [il suono della mazza che colpisce la palla]. Li ho visti fare la fila alla mensa per abitudine, sedersi al tavolo per mangiare. Li ho sentiti dire le preghiere che hanno imparato quando erano bambini.


E ciò che è più notevole è con quanta forza sono fissate le canzoni. The Navy Hymn, Auld Lang Syne, Row Row Row Your Boat, America the Beautiful. Ho sentito pazienti che richiedono le canzoni per nome. Ho sentito pazienti che riescono a malapena a parlare, cantare insieme, a volte ogni parola.


Ricordo mia madre a 90 anni gorgheggiare con noi in chiesa, anche se era già ben dentro l'Alzheimer: "Amazing grace, how sweet the sound that saved a wretch like me! I once was lost, but now am found, was blind, but now I see" (3).

 

 

 

************
(1) Colpo con il quale il battitore di baseball fa un giro completo del campo e guadagna un punto.
(2) Ultima classe delle elementari in alcuni stati USA.
(3) Uno dei più famosi inni cristiani in lingua inglese, deriva da San Paolo, Lettera agli Efesini 2,8-9:
Amazing Grace(Fonte: Creative Commons)

 

 

 


Fonte:  Jeanne Murray Walker, PhD, in Psychology Today  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: