Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Senti di ricordare meno? La colpa potrebbe essere della pandemia

stress and memory

Le conversazioni sono iniziate l'ultimo autunno. Amici e colleghi che erano troppo giovani per essere preoccupati della demenza legata all'età hanno iniziato a menzionare la loro crescente incapacità di ricordare. Come mi ha confessato un'amica, "Camille, ho bisogno di un esame per un inizio precoce di demenza. Ieri, tenevo un pezzo di carta in mano, e mi ci sono voluti alcuni momenti per ricordare perché l'avevo preso. Cosa sta succedendo?"


L'aumento della dimenticanza è sempre allarmante. Se sei un trentenne o un quarantenne sano e non riesci a ricordare perché hai preso un pezzo di carta, potrebbe anche essere una spia rossa. Ma nemmeno questi tempi sono normali. Infatti, c'è un crescente corpo di ricerca che suggerisce che mesi di aumentato stress e isolamento sociale hanno un impatto sul nostro cervello, compresa la nostra capacità di ricordare.

 

Come la pandemia ha influenzato la nostra memoria

Innanzitutto, per chiarire, è essenziale distinguere ciò che sto descrivendo qui come 'dimenticanza da Covid' dalla 'nebbia mentale da Covid'. A differenza della nebbia mentale da Covid, il deterioramento cognitivo sperimentato da alcune, ma non tutte, le persone che hanno avuto il Covid-19, la dimenticanza da Covid non è causata dal Covid-19 ma piuttosto da circostanze legate alla pandemia, che comprendono stress elevato e distanziamento sociale.


Pur non ancora decisiva, ricerca emergente suggerisce che mesi di stress e isolamento continuo stanno avendo un effetto misurabile sul nostro cervello e, in particolare, sulla nostra capacità di ricordare. Studi effettuati prima della pandemia avevano scoperto che l'isolamento sociale aumenta il declino della memoria. La ricerca suggerisce inoltre che anche se lo stress moderato può impattare positivamente sulla memoria, lo stress cronico continuo può avere un impatto negativo sulla memoria.


Durante la pandemia, sono aumentati sia l'isolamento sociale che lo stress. Alcuni rapporti recenti suggeriscono che questa combinazione sta già prendendo il suo pedaggio, anche sui giovani che in precedenza si vantavano per avere una memoria eccezionale. Anche altri fattori possono essere al lavoro.


Poiché la pandemia ha costretto sia le scuole che i luoghi di lavoro a spostarsi online dalla sera alla mattina, il multitasking (passare di continuo da un compito all'altro) sui media è aumentato vertiginosamente. Esistono prove considerevoli che il multitasking cronico sui media ha un impatto negativo sulla memoria. Molti studi hanno anche scoperto che la pandemia ha comportato un aumento almeno moderato del consumo di alcol, che è anche comune associarlo alla perdita di memoria.

 

Conseguenze legate al lavoro

Mentre dimenticare cosa dovevi prendere al supermercato o dove hai messo le chiavi potrebbe non avere un impatto considerevole sul posto di lavoro, l'impatto negativo della pandemia sui nostri ricordi può avere conseguenze più gravi. Per iniziare, c'è un aumento del rischio di abbandonare la palla su un problema importante (es.: mancare una scadenza o trascurare un dettaglio critico). Ci sono anche altre conseguenze.


Quello decisionale è un processo che richiede di attingere alle esperienze e alle competenze passate. In effetti, i migliori decisori sono le persone che hanno vaste esperienze e competenze da cui attingere e la capacità di elaborare rapidamente queste informazioni per selezionare l'azione migliore possibile.


Quando i nostri ricordi sono compromessi, possiamo lottare per richiamare esperienze e conoscenze passate, e a sua volta, questo può compromettere la nostra capacità di prendere le decisioni migliori. Ciò comporta conseguenze particolarmente preoccupanti per i leader.


Peggio ancora, la dimenticanza potrebbe essere sintomo di un problema più ampio. Il burnout (esaurimento psico-fisico), che per l'Organizzazione Mondiale della Sanità è l'incapacità di gestire lo stress cronico, è associato a una serie di disfunzioni cognitive, dalla fatica e l'ansia, ai problemi di memoria e di concentrazione.


Alcuni studi hanno scoperto che i problemi di memoria e di concentrazione potrebbero anche essere presenti nelle forme non cliniche del burnout. Poiché la pandemia continua a normalizzare condizioni lontane dal normale, molte persone non riescono a riconoscere che stanno avendo il burnout. Dimenticare potrebbe essere un segno che sei a rischio, o già soffri, di burnout.

 

Strategie di prevenzione e mitigazione

Questo mi porta a una domanda pressante: mentre continuiamo ad avere di fronte livelli più intensi di stress, isolamento sociale e la necessità di multitasking tra i media, c'è qualcosa che possiamo fare per prevenire la dimenticanza da Covid? Se sei un leader, magari ti stai chiedendo se puoi fare una qualsiasi cosa per prevenire la dimenticanza da Covid nel tuo gruppo. La buona notizia è che ci sono cose che possiamo fare almeno per mitigare gli effetti della dimenticanza da Covid.

  • Sii gentile con te stesso

    Se ti senti attualmente più smemorato di quanto eri pre-pandemia, probabilmente non hai segni di demenza precoce ma piuttosto soffri di sovraccarico cognitivo e affaticamento. Quindi rallenta un po'. Accetta il fatto che hai lavorato in condizioni eccezionali per mesi e la tua memoria potrebbe essere compromessa.



  • Ricostruisci la tua larghezza di banda

    Prima di marzo 2020, quasi ogni dirigente con cui ho lavorato si lamentava dei problemi di gestione della larghezza di banda. C'erano troppe cose che richiedevano tempo, energia e attenzione, e stavano lottando per mettere la giusta attenzione alle priorità giuste al momento giusto. Costruiamo larghezza di banda (e messa a fuoco) riducendo il nostro carico cognitivo (cioè, tensioni, drena-risorse e distrazioni).

    Con l'arrivo della pandemia, alcuni dirigenti hanno trovato più tempo (es.: una lunga pausa nei viaggi). Ma poiché alcune attività si sono fermate, altre sono diventate più complesse e affamate di tempo. Peggio ancora, le strategie di gestione della larghezza di banda che potrebbero aver funzionato pre-pandemia potrebbero non essere più fattibili una volta che il lavoro e quasi tutti gli altri aspetti della vita si sono spostati online.

    Mentre la pandemia continua, è essenziale ricostruire la tua larghezza di banda (cioè, prendere provvedimenti per ridurre intenzionalmente tensioni, drena-risorse e distrazioni nella tua vita). Costruisci larghezza di banda iniziando con tre passaggi chiave:

    • Consapevolezza: costruisci la prospettiva necessaria per capire come aumentare tempo, energie e attenzione.
    • Agilità: l'agilità è la capacità di fare le cose tramite percorsi multipli; quando hai agilità, sei equipaggiato meglio per rispondere a tutto ciò che ti arriva sulla strada.
    • Azione: metti i filtri per limitare la quantità di informazioni che devi elaborare ogni giorno; questo potrebbe significare alterare il tuo ambiente per ridurre ciò che drena risorse (es.: limitando il numero di piattaforme di lavoro online che stai usando). Impegnati a creare le migliori condizioni possibili di lavoro per concentrarti e prosperare.

  • Gestire lo stress latente

    Lo stress latente è lo stress che è presente ma non sempre completamente visibile. Con la continua normalizzazione dei livelli alti di stress durante la pandemia, lo stress latente è in aumento. È cruciale riconoscere che potremmo soffrire di più stress di quanto ci rendiamo conto e che ciò potrebbe avere effetti collaterali a lungo termine.

    Le azioni intraprese ora per ridurre lo stress possono aiutarci a mitigare gli effetti collaterali mentali e fisici a lungo termine. In parole semplici, gestire il nostro stress latente ora è un modo per prepararci a una crescita post-traumatica.


Quindi, cosa dovresti fare la prossima volta che prendi un pezzo di carta e ti servono diversi momenti per ricordare perché? Primo, non preoccuparti. Se il tuo ricordo non è così forte come lo era un anno fa, la pandemia potrebbe essere responsabile.


Secondo, riconosci che il richiamo più lento del normale dei ricordi può essere un dolce promemoria che devi fare un lavoro migliore a prenderti cura di te stesso, mentre continui a lavorare e vivere sotto queste condizioni eccezionalmente difficili.

 

 

 


Fonte: Camille Preston PhD in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • A. Golkar, et al. The Influence of Work-Related Chronic Stress on the Regulation of Emotion and on Functional Connectivity in the Brain. PloS one, 2014, DOI
  • W. Lechner, et al. Effects of alcohol-induced working memory decline on alcohol consumption and adverse consequences of use. Psychopharmacology, 2016, DOI
  • A. Redish, et al. Memory and decision making. Neurobiology of learning and memory, 2015, DOI
  • C. Sandi. Memory Impairments Associated with Stress and Aging. In: Bermúdez-Rattoni F, editor. Neural Plasticity and Memory: From Genes to Brain Imaging. Boca Raton (FL): CRC Press/Taylor & Francis; 2007. Chapter 12. nih.gov
  • Sanna Read, et al. Social Isolation and Memory Decline in Later-life, J. of Geront.: Series B, Feb 2020, DOI
  • M. Uncapher, et al. Media multitasking and memory: Differences in working memory and long-term memory. Psychonomic bulletin & review, 2016, DOI
  • D. van Dijk, et al. Cognitive functioning, sleep quality, and work performance in non-clinical burnout: The role of working memory. PloS one, 2020, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.