Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Restiamo in contatto per migliorare le nostre connessioni neurali

two ladies laughing Foto: iStock

Siamo fondamentalmente cablati per cercare interazione sociale, e la maggior parte di noi socializza con gli altri su base regolare in molti modi diversi. Nel tempo pre-pandemia, gli incontri sociali potevano includere conversazioni improvvisate al supermercato con un vicino o un amico, chiacchierate brevi con i colleghi tra una riunione, o recuperare con una persona cara alla fine della giornata.


Forse per te erano più comuni le cene di famiglia a casa o in città, il volontariato, il coinvolgimento in un gruppo comunitario, o gli incontri con i colleghi. Anche se la nostra modalità di socializzazione è cambiata per necessità, dato lo stato attuale del mondo, la ricerca di interazioni è una parte di ciò che ci rende umani.


Dal punto di vista della salute mentale, la linea di fondo è questa: gli scienziati hanno capito solo poco tempo fa che le interazioni sociali positive fanno davvero bene per il cervello. La frequenza della nostra attività sociale, la dimensione della nostra rete sociale, e il nostro senso di sostegno sociale impattano tutte le abilità cognitive e la salute del cervello.


Al contrario, l'isolamento sociale, la solitudine, e le interazioni sociali negative possono essere dannose per il cervello. E tanto per essere chiari: l'attuale enfasi sul distanziamento sociale non significa isolamento sociale! Essere fisicamente distanti dagli altri in questo momento è questione di buon senso, ma possiamo comunque trovare molti modi per interagire in modo sicuro con i nostri amici, colleghi e familiari.


In effetti, quando consideriamo le molte opzioni di comunicazione offerte dalla tecnologia attuale, è senza dubbio il tempo più semplice (e più importante) della storia umana per connettersi con gli altri.


Al di là dei benefici evidenti per la qualità della vita e della salute fisica, una maggiore attività sociale è legata a un funzionamento esecutivo migliore, a un pensiero più veloce e a miglioramenti in alcuni tipi di memoria. Questi risultati si vedono lungo tutto l'arco della vita, anche se la maggior parte delle ricerche pubblicate è stata condotta negli anziani.


Il cervello si arricchisce particolarmente quando ci impegniamo in molteplici attività sociali piuttosto che una sola; una chiacchierata settimanale con un amico fa bene, ma è meglio aggiungere del tempo con un gruppo comunitario (in questo momento, forse tramite videoconferenza). C'è anche la prova cruciale che essere socialmente attivi riduce il rischio di sviluppare demenza.


La spinta all'umore data dall'attività sociale potrebbe essere uno dei motivi principali dei benefici mentali quando ci riuniamo con gli altri. Quando lo stato d'animo è più luminoso abbiamo meno cortisolo (l'ormone potenzialmente nocivo) che circola nel corpo, e socializzare in modo regolare mantiene scoppiettante su tutti i cilindri il nostro sistema immunitario. Inoltre, il supporto emotivo degli altri acquieta le parti del cervello che si accendono quando ci sentiamo minacciati e aumenta l'attività nelle aree del cervello che rispondono quando ci sentiamo al sicuro.


Che dire della dimensione complessiva della nostra rete sociale? Uno studio ha cercato di capire se un grande clan sociale è legato a un minor numero di problemi cognitivi nei ​​soggetti studiati per circa 5 anni. Gli scienziati hanno scoperto che le persone con molte connessioni sociali avevano quasi il 40% in meno di probabilità di avere declino cognitivo rispetto a chi aveva un legame sociale primario.


Altre ricerche hanno dimostrato che il rischio di demenza è piuttosto elevato in chi ha pochi contatti sociali continui, o nessuno, e che ogni persona in più aggiunta alla tua rete sociale diminuisce ulteriormente il rischio di deterioramento cognitivo invecchiando, purché queste relazioni siano soddisfacenti e di sostegno.


Al di là del tempo che passiamo a socializzare, o della dimensione della nostra rete, anche il senso di supporto che avvertiamo dalle persone con cui interagiamo è importante. Quando siamo supportati da altri, ci viene del conforto sapendo che c'è qualcuno su cui possiamo contare.


E la scienza indica chiaramente che più ci sentiamo supportati, meglio sembra funzionare il nostro cervello. Le persone che si sentono più supportate da altri vanno meglio su diversi test cognitivi; quelli che sentono di essere in gran parte soli mostrano evidenze di una salute più carente del cervello.


Tutto sommato, nonostante il bisogno attuale di strategie creative per rimanere in contatto, l'attività sociale è un potente fattore di stile di vita che ha un impatto significativo sulla salute fisica, emotiva e del cervello. Data la scienza a sostegno di questa affermazione, una potente strategia per potenziare il cervello è riservare del tempo ogni giorno per interagire con amici, familiari e colleghi.

 

 

 


Fonte: John Randolph PhD/ABPP (neuropsicologo clinico) in Pscychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  • Amieva, H. et al. (2010). What aspects of social network are protective for dementia? Not the quantity but the quality of social interactions is protective up to 15 years later. Psychosomatic Medicine, 72, 905-911.
  • Barnes, L.L. et al. (2004). Social resources and cognitive decline in a population of older African Americans and whites. Neurology, 63, 2322-2326.
  • Bennett, D.A. et al. (2006). The effect of social networks on the relation between Alzheimer’s disease pathology and level of cognitive function in old people: A longitudinal cohort study. Lancet Neurology, 5, 406-412.
  • deFrias, C.M. & Dixon, R.A. (2014). Lifestyle engagement affects cognitive status differences and trajectories on executive functions in older adults. Archives of Clinical Neuropsychology, 29, 16-25.
  • Donovan, N.J. et al. (2017). Loneliness, depression and cognitive function in older U.S. adults. International Journal of Geriatric Psychiatry, 32, 564-573.
  • Eisenberger, N.I. (2013). An empirical review of the neural underpinnings of receiving and giving social support: Implications for health. Psychosomatic Medicine, 75, 545-556.
  • James, B.D. et al. (2011). Late-life social activity and cognitive decline in old age. Journal of the International Neuropsychological Society, 17, 998-1005.
  • Seeman, T.E. et al. (2011). Histories of social engagement and adult cognition: Midlife in the U.S. study. Journals of Gerontology, Series B: Psychological Sciences and Social Sciences, 66B, i141-i152.
  • Zahodne, L.B. et al. (2014). Which psychosocial factors best predict cognitive performance in older adults? Journal of the International Neuropsychological Society, 20, 487-495.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.