Iscriviti alla newsletter

La demenza non è democrazia: cercare la libertà nella casa dei vecchi

dementia resident in HogeweykAll'interno del negozio di alimentari del villaggio per malati di Alzheimer di Hogeweyk, nei Paesi Bassi

"Chi sono io?" sta chiedendo Betsy dall'altra parte del corridoio. A volte è "Dove sono?". Le domande arrivano allo stesso tempo, insieme all'interrogativo preoccupato su come pagherà il pranzo. Quando il personale infermieristico le chiede cosa vuole, Betsy ha una risposta: "Voglio andare a casa". "Ma questa è casa tua", è la risposta di infermieri e caregiver.


È triste, ma no, non lo è. La casa per vecchi, ovvero una struttura per anziani, è solo 'casa' per definizione predefinita. Le persone che vivono dentro, troppo spesso sentono la mancanza della loro vera vita domestica. A volte la supplica di essere accompagnati a casa è una forma malinconica di sfida.


Probabilmente ora senti le dita gelide lungo la colonna vertebrale, che accompagna il pensiero della demenza. Sappiamo che c'è una crescente probabilità che la avremo anche noi visto che viviamo più a lungo.


Nonostante ciò, è curioso quanto sia acuta la paura della demenza, rispetto a quella della morte. Un'infermiera esperta mi dice di aver visto diverse persone alla fine della loro vita. Tutti hanno detto "era ora" di morire. Questa risposta calma contrasta con il terrore associato alla demenza.


Questo ha bisogno di spiegazioni. A prima vista, la prospettiva dovrebbe essere meno terribile, dato che la vita almeno rimane. Ma ciò che si perde è l'identità. Perché il pensiero di perdere l'identità spaventa di più del pensiero di perdere la vita stessa?


*

Quando le persone cercano di andarsene, non è casuale. Ero seduto a un'estremità della sala da pranzo mentre un operatore gridava che un certo residente stava "cercando di uscire dall'edificio". Anche se non è irragionevole che il personale urli queste cose, ho trovato il tutto inquietante, come lo è stata l'apparente quiete dei residenti.


Come Betsy, molti di noi spesso vogliono andare a casa. Questo desiderio non è solo sentimentale, ed è più probabile che si verifichi durante le ore di lavoro precedenti della persona. Tipo dalle 8 alle 17. Alle 5 del pomeriggio, si vedono i numeri dello staff assottigliarsi e l'illuminazione che si attenua. Per lunga esperienza, questo è associato con l'andare a casa.


È allettante vederlo come un impulso liberatorio, ma so cosa succede se segui questo impulso. Alla fine del 2016, ho trascorso dei giorni in uno stato di delirio al Royal Melbourne Hospital, con ogni sorta di avventura che girava nella mia testa, e la mia identità - come la mia posizione - molto dubbia.


Pensavo che le infermiere stessero cercando di imprigionarmi, così ho cercato di scappare dall'edificio dell'ospedale. Se ci fossi riuscito, sarei probabilmente entrato nel traffico, mettendo in pericolo me stesso e le persone intorno a me.


Il delirio non è democrazia. Nemmeno la demenza. Né può esserlo, almeno non nel suo nucleo. Le persone che interpretano male la realtà non dovrebbero prendere decisioni. Il che non vuol dire che non si possa fare nulla. Possiamo rendere la società circostante più democratica. Possiamo rendere il territorio circostante meno ostile. Possiamo fornire finanziamenti migliori. Ad esempio: gli ospedali devono essere costruiti accanto al traffico?


*

Poco dopo il mio arrivo nella mia attuale unità di assistenza residenziale, è arrivato il Remembrance Day. Come internazionalista, l'evento prossimo mi ha reso nervoso. Di solito, schivare le occasioni imbarazzanti è facile se hai altre cose da fare, ma non ne avevo nessuna.


Dato che ero così nuovo, sentivo che non potevo permettermi di antagonizzare le persone. Quando tutti si sarebbero alzati, mi sarei esposto se non partecipavo, così ho deciso che mi sarei alzato. L'evento è iniziato, un gruppo ha resistito alle tensioni di God Save the Queen. Poi i toni soavi di Advance Australia Fair. Ecco il momento esistenziale. Ho aspettato un momento e nessuno si è alzato in piedi! La pressione dei pari non poteva funzionare: troppe persone su sedia a rotelle.


*

Dylan Thomas ha scritto:

Non entrare dolcemente in quella buona notte,
La vecchiaia dovrebbe bruciare e infuriare a fine giornata;
Rabbia, rabbia contro il morire della luce.


Non auguro a nessuno una morte conflittuale, ma vedo anche il potere del poema. Barry, tanto per dirne uno, non è felice di andarsene dolcemente. Barry è un combattente. Al suo peggio, combatte per la sua sedia preferita, bloccando il corridoio e alzando la voce. Al suo meglio, si alza per opporsi all'ingiustizia, come ha fatto quando io, ospite appena arrivato, ho saltato la colazione. Barry protestò a voce alta e mi salvò da una mattina affamata.


La colazione è un campo di battaglia i cui posti sono contesi. Allo stesso tempo, la consegna del cibo è un sistema di controllo e pacificazione.


Un'ingiustizia non si può evitare e Barry ne parla mentre la maggior parte di noi mantiene un silenzio discreto. È la morte. Eppure quasi nessuno sembra preoccuparsene. È così, per una struttura di assistenza per anziani inevitabilmente focalizzata sulla morte. Nel tentativo di mitigarla, i manager assumono persone empatiche che sanno come diffondere gioia. Tuttavia, non c'è modo di schivarla quando vorresti trasferirti in una nuova stanza, che al momento è occupata.


I deambulatori hanno un effetto di status. Nella nostra mente possiamo ancora muoverci liberamente, ma ora ci troviamo improvvisamente appesantiti da una struttura per camminare, che deve andare ovunque con molti di noi. Se lasci la tua stanza senza di essa, voci persistenti echeggiano: "Dov'è il tuo deambulatore!"


*

Ci sono uomini e donne qui, molti di loro sono single. Quando per un po' ho trovato qualcuno con cui collegarmi, c'era una domanda semplice ma imbarazzante: dove andare? Guardandomi intorno, mi trovo su un campo grande come un aeroporto di unità abitative per single.


Anche se la prospettiva dell'innamoramento all'inizio sembra non complicata e il pregiudizio nei confronti del sesso tra gli anziani sta svanendo, c'è ancora un dilemma date le varie questioni mediche che abbiamo: il campo minato del consenso. Come stabiliamo il consenso se non possiamo ricordare?


*

Gli orari sono basati sulla maggior parte dei residenti che vanno a dormire verso le otto di sera. Tornare nelle nostre stanze fa parte della conta. È il controllo del tempo e dello spazio. Tuttavia, sono passati molti mesi da quando qualcuno ha cercato di farmi andare a letto alle otto di sera.


Una democrazia nella cura degli anziani avrebbe bisogno di lavorare attraverso una serie di strati. La società che ci circonda dovrebbe essere più giusta. Cercherebbe modi migliori per finanziare il sistema.


Ma soprattutto troverebbe un modo per coinvolgere maggiormente i residenti nelle decisioni su come funziona la struttura. Forse un giorno le 'case [di riposo]' saranno davvero più simili a case.

 

 

 


Fonte: Tom O'Lincoln, attivista sociale e politico, scrittore di libri e articoli di giornali e riviste per oltre 50 anni.

Pubblicato su Overland literary journal (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.