Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Rapporto Alzheimer 2009: qualche progresso dopo 10 anni?

elderly man walking and shadow Foto: Getty

Girando nel caos nel nostro garage quest'inverno, sono incappato in una scatola traboccante di artefatti dei miei quarant'anni da giornalista a Washington. Proprio davanti a me c'era la copertina di uno di quei rapporti di commissione rilegato di blu, il tipo che sta raccogliendo polvere in tutta la capitale della nazione.


Ma questo, il National Alzheimer’s Strategic Plan: The Report of the Alzheimer’s Study Group, rilasciato 10 anni fa, era diverso. Non solo ha messo in moto alcuni importanti cambiamenti politici, ma è anche molto personale.


Mio padre e sua madre sono stati colpiti dal morbo di Alzheimer (MA), ora la malattia più temuta tra gli ultrasessantacinquenni e la seconda (dopo il cancro) tra tutti gli americani. Naturalmente, mia sorella e io, come milioni di altri in una famiglia di MA, siamo consapevoli dei possibili legami genetici con la demenza e se sono in arrivo trattamenti efficaci e una cura.

Nuovo sguardo al rapporto 10 anni dopo

La rilettura del rapporto del gruppo di studio sul MA (ASG, Alzheimer's Study Group) mi ha fatto riflettere sui progressi compiuti dal 2009. Ho quindi esaminato gli sforzi compiuti dai produttori di farmaci e dal governo e ho parlato con esperti di MA, compresi due membri del gruppo che ha redatto la relazione, per ascoltare le loro intuizioni.


Ora, a 10 anni dalla pubblicazione del rapporto, trattamento e cura per il MA rimangono poco o tanto lontani, in parte a causa di due parole: 'tristemente sottofinanziato'. Così il rapporto descriveva l'investimento della ricerca federale nel MA, che nel 2009 era già la 3a malattia per costo della nazione. A quel tempo, costava al governo federale 100 miliardi di dollari all'anno.


E il rapporto faceva questa allarmante previsione: "Se non riusciamo a ... rompere le attuali tendenze ... nei prossimi 40 anni, i costi Medicare e Medicaid relativi al MA da soli saranno di $ 20 trilioni a dollari costanti, crescendo di oltre $ 1 trilione all'anno entro il 2050".


Con l'invecchiamento dei baby boomer - il più vecchio ha ora 73 anni e il più giovane 55 - il numero dei casi di MA è stato previsto in crescita dai 5,3 milioni del 2009 ai 14 del 2050, minacciando di mandare in bancarotta il sistema sanitario. (Quando fu scritto il rapporto dell'ASG, la proiezione del 2050 degli americani che avrebbero avuto il MA era più bassa, circa 13 milioni).

 

Tutta la posta su una teoria

Robert Egge, allora direttore esecutivo dell'ASG e ora capo della politica pubblica dell'Alzheimer's Association, afferma che la mancanza di fondi obbligava i ricercatori a "mettere tutta la posta" sulla teoria di MA meglio concepita in quel momento: l'ipotesi-amiloide, secondo la quale la malattia deriva dall'accumulo di placche di amiloide-beta e di grovigli di tau, che sono i principali cambiamenti cerebrali nella malattia.


Ma tutti i tentativi di convertire la ricerca [basata sulla teoria amiloide] in farmaci efficaci per combattere o prevenire il MA non sono andati a buon fine. "Tutti i fallimenti farmaceutici che stiamo vedendo derivano da quelle scommesse", ha detto Egge.


Una grande battuta d'arresto è arrivata la scorsa settimana. I produttori di farmaci Biogen ed Eisai hanno detto che stavano interrompendo due studi clinici di ultima fase sul farmaco di MA aducanumab. Le aziende hanno concluso che ciò che si sperava fosse un trattamento promettente per rallentare la progressione del MA non avrebbe aiutato i pazienti.

Dubbio sulla teoria prevalente

La loro decisione getta ulteriori dubbi sulla teoria che il MA sia causato dall'accumulo di amiloide-beta, facendo crollare le speranze di molti, tra cui l'Alzheimer's Association, che ha espresso "delusione" ma ha cercato di far buon viso a dispetto delle notizie: "Gran parte delle conoscenze acquisite in merito a potenziali nuove terapie e al modo di condurre correttamente gli studi clinici nelle persone con, e a rischio di, MA, è derivata da studi clinici che non hanno raggiunto i loro obiettivi", ha detto il gruppo in una nota.


L'anno scorso la casa farmaceutica Pfizer ha abbandonato i suoi sforzi di ricerca per scoprire nuovi farmaci contro MA e Parkinson e ha licenziato 300 dipendenti. Ma altre aziende continuano a lavorare su trattamenti che si concentrano su obiettivi oltre l'amiloide-beta, come la proteina tau che si trova anch'essa nel cervello dei malati di MA [in forma anomala].


Ironia della sorte, lo stesso giorno in cui sono scoppiate le notizie sconcertanti che le prove cliniche di aducanumab erano fallite, c'era una nota ottimistica sull'Alzheimer da Pew Research Survey: più della metà degli americani intervistati si aspetta una cura per il MA entro il 2050.

 

Cambiare stile di vita per prevenire la demenza

Negli ultimi dieci anni, mentre gli scienziati stavano lavorando a un farmaco di MA, c'è stata una nuova enfasi sui cambiamenti dello stile di vita come mezzo per aiutare a prevenire la demenza: evitare lesioni cerebrali, [fare esercizio fisico regolare, socializzare,] avere sonno di qualità e partecipare all'istruzione formale a qualsiasi età.


In questo spirito, la senatrice Susan Collins (R-Maine), co-presidente della Task Force del Congresso sull'Alzheimer e presidente del Comitato per l'invecchiamento del Senato, ha introdotto la legge infrastruttura bipartisan Building Our Largest Dementia (BOLD) approvata alla fine del 2018. Stabilirà Centri di Eccellenza per informare il pubblico sul MA, sul declino cognitivo e sulla salute del cervello. La legge istruisce anche i Centers for Disease Control a concedere finanziamenti ai dipartimenti sanitari locali per dare supporto agli americani che vivono con MA e ai loro caregiver.


"È un tentativo di guardare al MA dal punto di vista della salute pubblica, non semplicemente di cercare una soluzione farmaceutica", afferma la Collins. "Sono entrambi aspetti importanti. Ma questo è un approccio per ridurre il declino cognitivo attraverso i fattori dello stile di vita e fornire un maggiore sostegno alle famiglie e ai caregiver".

 

Scommettere su nuove teorie per nuovi farmaci

Ciò che gli scienziati hanno appreso dopo il rapporto ASG è che il MA inizia da 15 a 20 anni prima dei sintomi e ciò potrebbe richiedere una strategia diversa da quella prevista dal gruppo che ha redatto il rapporto citato all'inizio.


E con i budget quintuplicati dei National Institutes of Health (NIH) per la ricerca di MA e demenze correlate dal 2011 al 2019, Egge dice che gli scienziati ora hanno abbastanza posta da scommettere su un intero gruppo di teorie, aumentando le probabilità di scoprire questo farmaco miracoloso.


Il rapporto ASG è stato rilasciato con questo avvertimento: "Il MA rappresenta una sfida grave e crescente per la nostra nazione. Dobbiamo agire subito". E le nuove statistiche del National Center for Health Statistics confermano questo allarme solo oggi: il tasso di morti per demenza negli Stati Uniti è più che raddoppiato negli ultimi dieci anni.

 

Cosa preoccupa e incoraggia gli esperti

Quindi, 10 anni dopo, ecco cosa mi hanno detto alcuni di coloro che sono coinvolti nella battaglia contro il MA, compresi i membri del gruppo ASG,  circa le cose che preoccupano e dove credono che ci sia un barlume di speranza.

Bob Kerrey, ex senatore democratico del Nebraska, co-presidente del gruppo ASG e ora presidente esecutivo del Minerva Institute:

"La malattia non ottiene il rispetto che merita. C'è un pezzo che non ho potuto inserire nel rapporto che credevo sarebbe stata buona cosa da fare: aggiungere un dollaro al mese ai premi Medicare Part B e dedicare tutto alla ricerca sul MA. Ciò avrebbe significato centinaia di milioni di dollari. È stato visto come un aumento delle tasse, quindi non abbiamo potuto farlo.

"La sfida è che, dato lo tsunami dei pensionati - diecimila al giorno che compiono sessantacinque anni - una volta che la coorte raggiunge ottant'anni, il numero di casi e costi potrebbe salire bruscamente.

"Ma sono fiducioso nell'entusiasmo che vedo tra i ricercatori in luoghi come l'Università Rockefeller che stanno cercando di trovare una risposta su ciò che sta causando questa malattia".

 

Dott. David Satcher, membro ASG, ex Surgeon General con Clinton e Bush e ora direttore fondatore del Satcher Health Leadership Institute della Morehouse School of Medicine. Sua suocera è morta di MA e sua moglie è ricoverata in ospedale dopo aver ricevuto la diagnosi di MA 18 anni fa:

"Sono preoccupato che non ci siano abbastanza persone a sapere che ogni anno trecentomila bambini vengono al pronto soccorso, con diagnosi di commozione cerebrale. Dobbiamo renderci conto che esiste una relazione tra commozione cerebrale e demenza, non solo nel football professionistico, ma nei bambini. Non penso che prestiamo abbastanza attenzione alla salute del cervello, che include la demenza e il MA.

"Sono fiducioso che gli atteggiamenti stanno cambiando. Quando i giocatori NFL vengono messi fuori per fallo intenzionale, questo è un affare serio. Ma gli operatori sanitari devono testare i loro pazienti per la perdita di memoria".

 

Senatrice Susan Collins, che rappresenta lo stato con la popolazione mediamente più anziana e quindi un'alta incidenza di MA, e che ha perso suo padre per questa malattia un anno fa:

"Se non abbiamo una svolta, credo che la traiettoria di questa malattia sia spaventosa. Ciò che farà ai programmi Medicare e Medicaid è altrettanto devastante. Anche se non si viene mossi da ragioni umanitarie, il Congresso dovrebbe essere molto preoccupato per le implicazioni finanziarie.

"Ciò che mi dà più speranza è il cambiamento nelle attitudini pubbliche. Dieci anni fa, le persone erano ancora piuttosto riluttanti a parlare di MA, come se ci fosse vergogna. Mi ricorda che le persone non volevano dire 'cancro' quando stavo crescendo. Lo chiamavano 'parola-C'. [Le discussioni pubbliche sul MA sono] un'enorme scoperta, perché quando la gente inizia a parlare della malattia chiede più fondi che ritengo siano essenziali per una svolta".

 

Dott.ssa Maria Carrillo, responsabile scientifico dell'Alzheimer's Association ed ex assistente professore della Rush University:

"Dal punto di vista scientifico, la mia più grande preoccupazione è che non siano studiate le popolazioni sottorappresentate di tutto il paese. Non ci sono abbastanza persone di colore che vanno alle cliniche di memoria. Rimangono dal loro medico di base ... Non solo non vedono uno specialista, ma non vengono indirizzati a studi clinici per capire meglio cosa sta succedendo nella malattia.

"Tuttavia, c'è un lato positivo e un'enorme opportunità. Per le persone di razza nera e latina che hanno più fattori di rischio cardiovascolare, anche con una diagnosi di MA, puoi iniziare a combattere stili di vita con pressione alta, colesterolo e un'alimentazione non sana, così potresti ritardare o addirittura prevenire gran parte di quella demenza. È stimolante e mi dà una grande speranza".

 

 

 


Fonte: Richard Harris in Forbes (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...