Iscriviti alla newsletter

Le sfide del caregiving a domicilio degli anziani

senior in home caregiving

Dato che così tanti adulti preferiscono invecchiare a casa il più a lungo possibile, l'assistenza degli aiutanti sanitari a domicilio è diventata una delle principali industrie e mezzo per aiutare le persone a rimanere a casa loro più a lungo. Ma è un settore dell'assistenza agli anziani che è visto più spesso per le sue difficoltà, invece che un modo per consentire alle famiglie di vivere una vita migliore.


Matt Perrin, co-fondatore del sito di revisione indipendente di strutture per anziani Ro & Steve, sia come fruitore di servizi di assistenza domiciliare che come addetto del settore dell'assistenza agli anziani, dice che la sfida che le famiglie devono affrontare quando organizzano i servizi di assistenza domiciliare stabile e qualificata è pressante e molto reale.


"Per noi consumatori, si tratta solo di un problema di stabilità", dice, spiegando che organizzare un'adeguata assistenza per il padre di sua moglie, che vive con loro nel New Hampshire, è un processo continuo che richiede flessibilità e molta dedizione. Dalla semplice logistica per assicurarsi che la famiglia Perrin sia coperta quando ne ha bisogno, all'assicurarsi che i caregiver con cui lavora siano adatti al temperamento e alle condizioni mediche di suo suocero, l'intero sforzo è un processo continuo che coinvolge il lavoro con diverse agenzie e molti caregiver diversi.


Questa è una trama comune per le famiglie che si occupano di una persona anziana che ha bisogno di assistenza a domicilio, e Pamela D. Wilson, esperta di caregiver, attivista e conferenziere di Golden/Colorado, dice che è probabile che peggiori nel futuro immediato. "Non so se c'è una soluzione", dice la Wilson.

 

Cause della carenza di caregiver

Sonya Hinds, direttrice amministrativa di Interim HealthCare, la più antica società di franchising sanitario del paese, afferma che i dati demografici sono un motore importante delle attuali pressioni nel settore dell'assistenza sanitaria a domicilio. "Ci sono 10.000 baby boomer che compiono 65 anni ogni giorno. Non abbiamo abbastanza caregiver qualificati e formati per prendersi cura di quelle 10.000 persone che hanno rapidamente bisogno di cure a domicilio. Non stiamo tenendo il passo tra domanda e offerta".


Mentre la popolazione degli Stati Uniti continua ad invecchiare e aumenta la richiesta di aiutanti sanitari a domicilio, nascono più imprese per fare cassa sul boom. Non tutte sono focalizzate sul caregiving; alcune sono più interessate a fare soldi, dice la Wilson. "Così tanti franchisee vedono un'industria in piena espansione e non hanno esperienza (di caregiving)". Parte del problema è che "le agenzie fanno soldi in base al volume. Hai bisogno di un certo numero di clienti e di ore per coprire i costi generali, e le agenzie che sono in giro da più tempo e hanno una base di entrate migliore tendono ad andare meglio di quelle più nuove".


Anche l'esperienza dei caregiver che lavorano per queste organizzazioni scarseggia, dice la Hinds. "Ci sono molte scuole e certificazioni e opportunità per i caregiver di ottenere le credenziali necessarie, ma non hanno necessariamente l'esperienza", di lavorare effettivamente con gli anziani che hanno bisogno di tale assistenza, dice la Hinds. L'esperienza viene solo dal fare il lavoro di prendersi cura di qualcuno.


E forse la cosa più importante, è semplicemente un duro lavoro che non è sempre una scelta di carriera a lungo termine per i caregiver. "Non è un lavoro facile e non è per tutti", dice la Hinds. "Aggiungi questa realtà al fatto che molti caregiver stanno ricevendo solo un salario minimo", e questo significa che i caregiver sono inclini a subire il burnout (esaurimento psico-fisico) più velocemente. Anche la concorrenza nel settore è aumentata, il che rende difficile per alcune agenzie tenere i buoni caregiver. Questo a sua volta genera un giro d'affari dei gruppi di personale.

 

La carenza di personale ha un costo

A causa delle varie pressioni in questo spazio, "le persone che hanno più bisogno delle cure purtroppo non possono averne accesso", dice la Hinds. La sfida di trovare la persona giusta per assistere una persona cara che invecchia, che si tratti di fare il bagno e di assistere nei servizi igienici o di andare al supermercato, è vasta per molte famiglie, soprattutto perché alcune persone sono riluttanti a chiedere aiuto e potrebbero non essere a loro agio con estranei invitati nella loro casa.


"Cercare di trovare quella persona che è competente e qualificata e che vuole farlo e che sarà in grado di costruire una relazione con mamma o papà, è una situazione molto dinamica"
, dice la Hinds. "Molte persone sono molto selettive su chi invitare nella loro casa, e a volte è molto difficile chiedere quell'aiuto. Quindi, quando arriviamo a quel punto, vogliamo essere sicuri che siano allineati" con la persona giusta.


Perrin racconta la storia di una caregiver particolarmente brava che ha lavorato con la sua famiglia. La persona non si è presentata al lavoro un certo giorno, avendo improvvisamente lasciato l'agenzia per un altro lavoro che offriva una paga leggermente più alta e alcuni benefit. "Non la biasimiamo per questo; ha avuto qualche dollaro in più all'ora e un sussidio in utilità. Ma ogni volta che crediamo di aver fatto tombola", con il giusto mix di caregiver e copertura, "succede qualcosa".


Parte della sfida risiede nella natura del caregiving - "Non è solo trovare un corpo caldo per riempire un vuoto di quattro ore di un martedì", dice Perrin. Piuttosto, è fondamentale assicurarsi che suo suocero, che ha la demenza da Corpi di Lewy, sia a suo agio con il caregiver e che il caregiver stia lavorando tranquillamente con lui. Questo processo richiede tempo e richiede un intenso sviluppo di relazioni.


Quando un bravo caregiver lascia improvvisamente un'agenzia, può infliggere un colpo emotivo a un anziano e alla famiglia che avevano fatto affidamento sul suo aiuto. "Arrivi a conoscere queste persone. Ci prendiamo cura di loro. Sentiamo parlare della loro vita. Fanno questo duro lavoro che è un valore incommensurabile per noi come famiglia", ma spesso non ricevono molto di più del salario minimo e per semplici ragioni economiche, potrebbe essere necessario cambiare.

 

Formazione, riconoscimento e costruzione delle relazioni

Detto questo, la soluzione probabilmente non è semplicemente aumentare la retribuzione per i caregiver, anche se questo fa probabilmente parte della risposta. Il modello di business standard utilizzato da molte agenzie consiste nel pagamento da parte delle famiglie di un importo orario, spesso compreso tra $ 25 e $ 30. Parte di quel costo potrebbe essere coperto da assicurazione o da Medicare, ma spesso, in gran parte non lo è. Di quella tariffa, l'agenzia di solito usa la metà o più per coprire i costi generali.


La Wilson afferma che maggiore è la formazione di un caregiver, in genere maggiore è il costo addebitato alla famiglia, il che può significare prezzi alti per le famiglie a seconda delle esigenze dei loro cari. Molte famiglie faticano a permettersi tali tariffe, quindi l'aumento dei tassi potrebbe impedire a molte famiglie di potersi permettere aiutanti sanitari in casa.


Quindi la soluzione è che le agenzie chiedano prezzi più bassi, giusto? Non necessariamente. Dal canto loro, può essere difficile per alcune agenzie trasferire più salari agli operai o offrire un benefit qualsiasi o migliore, perché molti stanno già operando su margini molto sottili. Un business deve fare un po' di soldi per rimanere attivo. Certamente, non tutte le aziende in questo spazio sono gestite allo stesso modo e alcune hanno senza dubbio clienti e operatori incerti. Ma molti stanno tirando fuori il meglio che possono da clienti e dipendenti in un mercato difficile. È una brutta gatta (finanziaria) da pelare.


Perrin esorta le agenzie a considerare come possono trovare altri modi per aggiungere valore ai dipendenti, nella speranza di mantenere la propria forza lavoro. "Ci sono modi in cui potrebbero fornire opportunità di sviluppo di carriera o qualche benefit sanitario?". Dice che, pensando in modo più ampio alle sfide e trovando modi creativi per affrontarle, le agenzie potrebbero scoprire di avere meno fatturato ma clienti più felici.


"Ci sono modi in cui possono guardare alla loro torta (finanziaria) e riallocare e incanalare parte di quel capitale a una parte forse più d'impatto", come trovare modi per ridurre i costi generali o trovare un modo per aggiungere valore all'esperienza dei dipendenti che non deve necessariamente essere di natura monetaria. Dice che pensa che il progresso incrementale sarà la chiave per migliorare la situazione nel campo dell'assistenza domiciliare, e che riconoscere il duro lavoro svolto da molti caregiver deve essere parte dell'accordo.


La Hinds concorda sul fatto che riconoscere ai caregiver il loro duro lavoro è importante. "È una professione così gratificante e nobile, che si prende cura di persone che potrebbero non essere in grado di occuparsi di se stesse. Ma questa è una forza lavoro che non ottiene sempre i riflettori o il riconoscimento. Non sono dottori. Non sono infermieri. Ma sono le persone in prima linea a fare lavori straordinari e coraggiosi ogni giorno". Dice che, riconoscendo meglio i loro sforzi in una varietà di modi, più persone potrebbero essere inclini ad entrare in questa professione stimolante, che potrebbe alleviare la carenza di caregiver che così tante famiglie stanno attualmente affrontando come meglio possono.


Anche una migliore formazione dovrebbe essere parte della soluzione. "Non tutte le agenzie sono create uguali e non tutte le agenzie offrono lo stesso livello di credenziali, formazione e supervisione", afferma la Hinds. La Wilson incoraggia le agenzie a offrire ai dipendenti una maggiore formazione, in particolare per quanto riguarda la definizione dei confini, in modo che le famiglie non cerchino di superare i termini delle relazioni di assistenza e di fare richieste irragionevoli ai caregiver.


Ma offrire formazione ai caregiver a domicilio può essere una sfida per le agenzie. "Quando si dispone di una forza lavoro decentralizzata che, per la natura di ciò che fanno, è sempre fuori dall'ufficio", la costruzione di programmi di formazione cui è possibile accedere richiede creatività. La tecnologia può essere d'aiuto: offrire corsi di formazione online o video che gli assistenti possono completare quando hanno tempo è un'opzione che sta guadagnando attenzione.


Anche le famiglie possono essere coinvolte nella formazione di ogni nuovo caregiver che viene a casa, dice la Wilson, e anche se questo può essere difficile, investire del tempo per aiutare qualcuno ad accelerare su ciò che funziona meglio per la persona amata può portare a migliori risultati a lungo termine per tutti i soggetti coinvolti.

 

Trova la soluzione per la cura giusta

Se stai cercando assistenza sanitaria a domicilio, la Wilson ti consiglia di incontrare il personale dell'agenzia per alleviare le paure e aiutarti a trovare una soluzione migliore. Raccomanda anche di chiedere una copia del 'controllo di esperienze' (curriculum?) per ogni singolo caregiver che viene offerto alla tua famiglia. Se non ti senti a tuo agio con qualcosa che trovi in ​​questi documenti, chiedi un caregiver diverso.


Anche le referenze di altre famiglie con cui l'agenzia ha lavorato possono aiutarti a capire meglio con chi lavorerai e come potrebbe adattarsi alla tua famiglia. Dovresti anche chiedere informazioni sulla formazione e le certificazioni. "La formazione è un elemento di differenziazione", afferma la Hinds, e trovare un'agenzia che conduca una formazione regolare e offra ai dipendenti opportunità per lo sviluppo della carriera potrebbe segnalare che è una di quelle buone.


Come nota la Wilson, le agenzie che sono in giro da più tempo possono avere un modello di assistenza più stabile. Allo stesso modo, lei dice di cercare agenzie fondate da individui con esperienze nel caregiving, come un'infermiera o un altro professionista medico. Evitare le agenzie che sembrano essere impostate esclusivamente per fare soldi potrebbe essere una mossa intelligente. "Devi (diventare caregiver) perché ti piace farlo. Non diventerai un milionario" in questo lavoro, dice la Wilson.


Inoltre, è necessario fare un attento esame delle esigenze e del livello di comfort della persona amata con il lavoro con un estraneo. "Sii molto specifico e sincero", sulle preferenze e i pregiudizi che la persona amata può avere e su come ciò potrebbe avere un impatto sulla relazione paziente-caregiver, afferma. Può essere una relazione difficile da forgiare, quindi essere aperti e sinceri sin dall'inizio è generalmente l'approccio migliore.


"È un business umano"
, dice Perrin, e in quanto tale "un caregiver fantastico, incredibilmente gentile può, per una ragione o l'altra, non essere adatto per un anziano o una famiglia specifici. C'è un grande investimento di tempo. E per quanto possiamo tentare di evitarlo, ci sono le emozioni del fruitore. Lavoriamo sodo per trovare il giusto mix e poi tenerli".


Anche se non è una soluzione semplice, Perrin dice che aumentare la comunicazione e parlare chiaro è stato il modo migliore che la sua famiglia ha trovato per affrontare le sfide della cura a domicilio. "Investiamo davvero solo nella relazione con il singolo" caregiver. Essendo aperti e sinceri con quella persona, secondo Perrin, è auspicabile che il caregiver ricambierà e farà sapere alla famiglia se sta progettando di cambiare lavoro. "Stiamo davvero cercando di costruire una relazione in modo da poter ottenere un preavviso. In mancanza di alternative, questa è la cosa migliore che possiamo fare", perché il preavviso offre alla famiglia "più tempo per trovare una soluzione alternativa senza stravolgere la nostra vita".

 

 

 


Fonte: Elaine K. Howley in U.S. News (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.