Associazione Alzheimer ONLUS logo

Esperienze e opinioni

Come ti 'coltivi' una volta che i figli ti hanno lasciato solo? Rinnovare il nido.

Scenes from a MarriageLiv Ullman e Erland Josephson nel film 'Scene da un matrimonio' di Ingmar Bergman del 1973

La mia teoria sul cosiddetto 'nido vuoto' è che non credo che il nido sia effettivamente vuoto quando il nostro figlio unico o quello più giovane lascia la casa, ma piuttosto che si trasforma in un tipo diverso di nido, che siamo costretti a ristrutturare emotivamente e a cui adattarci anche fisicamente.

Viviamo ancora nella nostra casa e, anche se decidiamo di spostarci o ridimensionarci, il nido si riempie di nuovo (di solito vi torna anche la biancheria sporca) in quelle occasioni in cui il nostro figlio torna per una visita o per vivere.

Ora che è arrivato e finito il primo semestre di college di nostro figlio, lontano dal nido, ho alcune riflessioni aggiuntive sull'argomento e alcuni suggerimenti per alleviare, coltivare e persino godere di questa transizione spesso difficile.

 

Ri-progetta il tuo spazio

Ora che tuo figlio non c'è più, perché non occupare le aree che erano altrimenti occupate fino alla sua partenza? Mio figlio ha passato molto tempo a guardare la TV nella stanza di famiglia, che è adiacente al soggiorno, con solo una serie di porte di vetro non insonorizzate tra di loro.

Quindi, se volevo leggere o fare il bagno nella calma, dovevo sgaiattolare nella mia camera da letto o da qualche altra parte del secondo piano. Ora, il mio soggiorno è diventato il mio santuario di fine giornata. Di solito accendo una candela, sorseggio un po' di tè e leggo o lavoro, con il cane coccolato ai miei piedi.

È la stanza in cui trascorro la maggior parte del tempo oggi, e nonostante la sua recente vacanza di un mese durante la quale ho felicemente guardato una nuova serie TV accanto a lui sul divano della stanza di famiglia, sono arrivata ad apprezzare in modo nuovo l'intimità e la serenità del nostro salotto.

Ci sono aree nella tua casa che puoi riprenderti o modificare in base alle tue esigenze e ai tuoi desideri? Forse fare uno studio d'arte dove i bambini giocavano? Realizzare uno spazio di meditazione o esercizio fisico? Creare un'area-ufficio?

 

Riconnettiti al tuo partner

Con solo io e mio marito, e il cane, in casa, le cose sono cambiate in modo interessante. Per rendere le cene più speciali, ho iniziato ad accendere un paio di candele - posate su candelabri regalo di nozze - sul tavolo della cucina ogni sera. Sì, sto usando il bagliore tremolante per mascherare le tre sedie vuote (tutti e tre i nostri figli vivono fuori di casa).

Ma sta funzionando. Le candele aggiungono un elemento di romanticismo, una sensazione di 'siamo qui ora' e stiamo celebrando che siamo solo noi. Dopo cena, a volte Rich viene con me nel soggiorno, dove riprendiamo la nostra giornata, leggiamo o giochiamo, e, naturalmente, parliamo dei figli.

Nel nostro nido rinnovato, sto anche cogliendo l'opportunità di unirmi a Rich per un occasionale viaggio di lavoro. Entrambi amiamo viaggiare, e che sia vicino o lontano o solo per un paio di giorni, è una grande opportunità per riconnetterci - quando non sta lavorando - in un nuovo ambiente che include un po' di tempo di fuga insieme.

In che modo puoi connetterti con il tuo partner? Fare un corso insieme? Una serata di cinema, a casa o in sala? Se sei un genitore single, ci sono amici con cui ti piacerebbe ricollegarti e per cui non avevi in ​​precedenza avuto tempo?

 

Abbraccia la quiete

Le prime ore della sera erano sempre affollate prima che mio figlio partisse per il college. Non importa dove si trovasse in casa, io ero di solito in cucina, riordinavo la mia giornata di lavoro, guardavo la posta, svuotavo la borsa della spesa e preparavo la cena per mio marito, Simon e me.

Non vedevo l'ora che arrivasse quel momento, semplicemente perché io e mio figlio eravamo entrambi in giro, e che interagissimo o meno durante quel tempo - per lo più non studiando o fissando uno schermo di intrattenimento - semplicemente mi piaceva essere qui per lui, anche solo nel caso volesse parlare o avesse bisogno di una parola su ... qualsiasi cosa.

In autunno, ho scoperto che erano ore difficili per me a casa nostra. Il silenzio mi faceva sentire triste, segnando la sua assenza ancora più profondamente e il fatto che, beh, il mio nido si sentiva davvero vuoto. Nel corso del tempo, tuttavia, ho iniziato ad accettare il silenzio.

Ho iniziato a usare il tempo di quiete per leggere, come menzionato sopra, e per meditare quello che avrei fatto la mattina. Con il freddo, accendo un fuoco, metto su musica e recupero le e-mail finché non ho voglia di preparare la cena. È un ambiente diverso, ma che ho imparato a godermi e persino a desiderare.

C'è un momento della giornata in cui senti più di altri momenti l'assenza del tuo figlio? Cosa puoi fare per rendere questo momento più gioioso? Invitare un amico a bere una tazza di caffè? Uscire e fare una passeggiata? Fare un bagnoschiuma?

 

Prova qualcosa di nuovo

Se sei curioso di sapere come stanno andando le mie lezioni di ukulele, il mio sforzo per portare una nuova sfida nella mia vita dopo che Simon è andato a scuola, ti dirò che sto facendo progressi. Sono stati lenti e, dopo aver tentato di auto-imparare via internet, ho arruolato un cugino in età universitaria per darmi alcuni suggerimenti, che è stato utile per imparare le basi.

Mentre non sono ancora pronta per quel concerto di famiglia che ho minacciato, suonare un nuovo strumento e lavorare per strimpellare 'Let It Be' dei Beatles è stato sia gratificante sia frustrante - componenti comuni di ogni nuova sfida e crescita.

Detto questo, sorrido più spesso, rido persino, mentre faccio fatica a spostare le mie dita dalla corda del Sol a quella del Fa. Non sono sicura che padroneggerò l'ukulele, ma ho già la canasta, un gioco di carte, sul taccuino come un'altra nuova attività da provare.

C'è qualcosa che vuoi imparare? Con il tempo extra che hai senza figli a casa, potresti provare un nuovo hobby o imparare un mestiere. Forse ti piacerebbe lavorare sulla tua abilità a scrivere poesie, o imparare il golf? Molte donne che conosco amano lavorare a maglia e la trovano molto rilassante, e ha anche alcuni benefici per la salute. Anche questo è nella mia lista.

 

Entra in una comunità, di qualsiasi dimensione, con interessi comuni

Di recente sono tornata da un weekend in un campo da tennis. Invitati da un amico e compagno di gioco che organizzava un gruppo di otto donne, abbiamo fatto molte lezioni di tennis, mangiavamo tre volte al giorno insieme, facevamo giochi da tavolo, conversazioni interessanti e molte risate durante il fine settimana. Mi ha riportato insieme a vecchi amici e mi ha permesso di crearne di nuovi.

Se hai un interesse o un hobby e vorresti far parte di una comunità che li condivide, ci sono modi per cercarli. Ti piace leggere? Forse la biblioteca locale può guidarti verso un gruppo di libri. Interessato a prendere lezioni di pittura, letteratura o computer? Le lezioni di formazione continua locale, i centri di comunità, le chiese e le sinagoghe sono ottime fonti per trovare persone con la stessa mentalità che vogliono imparare qualcosa di nuovo.

 

Continua a muoverti

Sia che tu abbia figli o no, sia che vivano a casa o no, l'esercizio e il movimento sono vitali per il nostro benessere, sia mentale che fisico. Tra i molti benefici dell'esercizio c'è la prevenzione delle malattie croniche, come le malattie cardiache, il diabete, l'asma e la demenza.

L'esercizio fisico è anche un modo positivo per sperimentare un'attività di gruppo e, come ho scritto in un altro articolo, un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Lancet Psychiatry, ha scoperto che le attività di gruppo - sport di squadra e lezioni di ginnastica - hanno la più forte associazione con la salute mentale.

Hai una forma di esercizio preferita (o più tollerabile)? Se ti piace fare escursioni, forse puoi formare un gruppo di escursionisti. Se pedalare è la tua passione, prova ad andare in bicicletta all'aperto quando arriva la primavera. E se l'esercizio non è di tuo gradimento, magari prova qualcosa di nuovo e fuori dai sentieri battuti, come l'arrampicata su roccia, l'acqua-fitness o lo yoga aereo? La chiave è trovare qualcosa che sia divertente. Quando perde il suo fascino, è tempo di provare qualcosa di diverso.

 

Dormi un po'

Lo sapevi che la donna media dai 30 ai 60 anni dorme solo 6 ore e 41 minuti a notte durante la settimana lavorativa? Il sonno è essenziale per la nostra salute e il benessere, e la sua mancanza può influenzare la nostra capacità di concentrazione, il nostro metabolismo e peso, il nostro umore, la nostra salute del cuore e altro ancora, secondo l'Istituto Nazionale della Salute.

Ecco alcuni suggerimenti per avere una notte di sonno migliore:

  • Fissa una routine notturna serale e rilassante che non includa schermi per 30 minuti prima di andare a dormire.
  • Fai attività fisica regolare
  • Esci all'aperto tutti i giorni
  • Evita la caffeina dopo le 15:00
  • Fai un pisolino solo se necessario

 

Nutri il tuo corpo

Come genitori, cerchiamo di fornire ai nostri figli pasti ben bilanciati e nutrienti. Ho camuffato molte verdure ai miei tempi, nascondendo le zucchine nella salsa di pasta e mescolando i broccoli con il riso fritto. Ma a volte, ci concentriamo così tanto sui nostri figli che dimentichiamo l'importanza della nostra stessa dieta e nutrizione.

Con i figli usciti di casa, puoi concentrarti su di te: mangiare bene, insieme all'attività fisica e al sonno, fa una grande differenza per mantenere la salute ed evitare le malattie. Forse ora è un buon momento per osservare come mangi ogni giorno e considerare i modi in cui è possibile migliorare i livelli di nutrizione.

Ricorda, è corretto che questo sia un momento in cui ti prendi cura di te. Hai fatto il tuo lavoro da genitore (non preoccuparti, non è finito) e i tuoi figli stanno imparando a navigare per il mondo da soli. E, si spera, è solo una questione di tempo prima che tornino per vedere quanto si sei adattato al tuo nido rinnovato.

 

 

 


Fonte: Caren Osten Gerszberg, scrittrice e guida di vita, specializzata in psicologia positiva.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...