Esperienze e opinioni

Nuove prove del valore della musicoterapia: un aiuto possibile per i caregiver

Nuove prove del valore della musicoterapia: un aiuto possibile per i caregiver

Mary: ho riavuto mia madre per un po'. Ho potuto godermi la musica con lei ... Lei era lì, era qui e potevo vederla di nuovo felice, gioiosa e cantante. Che è quello che faceva sempre, lavando i piatti, facendo il bucato, passando l'aspirapolvere, e qualsiasi cosa stesse suonando a lei piaceva e lì mia madre era tornata. I piccoli frammenti di questa visione sono stati fantastici e ha fatto molto per me perché ho avuto modo di riaverla per qualche minuto, ha fatto davvero tanto.

June: Quando guardo indietro, la [musicoterapia] è diventata di primaria importanza in tutto. Penso a questo più che alla maggior parte delle altre cose, perché era una parte così importante di lei e anche una tale parte di me. Ed è stata una parte così piacevole che anche con tutte le difficoltà della fine, e il resto, potevo ancora sentire la musica, potevo ancora vedere la sua faccia anche senza guardare il video. Questo era tutto impresso nella mia mente. Ed è come ... come un lieto fine ... è un ricordo così piacevole.


C'è di sicuro una grande eccitazione nella ricerca che svela il "nuovo": qualcosa di inaspettato è allettante, persino sexy, e può dominare lo scorrere delle nostre notizie interne. Ma la mia ricerca preferita è quella che offre prove dell'ovvio. Non mi riferisco alla conferma delle devianze, alla ricerca attiva di informazioni che sostengono le tue ipotesi; piuttosto, sto parlando di quel punto di contatto tra la pratica basata sull'evidenza e l'evidenza basata sulla pratica, dove l'esame sistematico di un fenomeno e l'esperienza clinica con un fenomeno interagiscono per fornire un'illustrazione olistica e completa.


Mi sono imbattuto in quell'intersezione nella mia tesi di dottorato, che ha esplorato il ruolo della musicoterapia durante il pre-lutto per i caregiver informali (familiari, amici, ecc.). Questo argomento mi interessava dopo anni di pratica nell'hospice come terapeuta musicale certificato. Le lettere di invio all'hospice che ricevevo attiravano sempre l'attenzione sui bisogni clinici dei pazienti - come la gestione del dolore o la comunicazione intorno all'«addio» ai propri cari - ma presto è diventato evidente che, nonostante i pazienti fossero l'obiettivo iniziale, erano i caregiver quelli che avevano bisogno del massimo supporto.


In genere ho visto che le persone che si avvicinano alla morte sono consapevoli della piena portata del declino della loro salute. Di più, escludendo la presenza di un trauma significativo o una patologia della personalità che ha reso il caos la norma della vita (e della morte), l'individuo morente spesso entra nel fine vita focalizzato su risoluzione e chiusura.


I caregiver, invece, pur essendo predisposti alla resilienza nel lutto, possono lottare per restare sani, presenti e impegnati durante il pre-lutto. Queste lotte possono ostacolare la loro capacità di collaborare con la persona amata nel facilitare una buona morte, quella definita dalla risoluzione tanto quanto dalla tristezza.


A complicare il lavoro, in contrasto con il nostro desiderio di lavorare con esseri completi, c'è che siamo in grado di lavorare solo con i caregiver come caregiver. Ciò significa che qualunque sia la salute mentale, i problemi in sviluppo, il funzionamento atipico o le persone con disabilità fisiche con cui si convive, il nostro lavoro di professionisti dell'ospedale è di compartimentare quei problemi di salute e affrontarli solo se influiscono sulla loro capacità di fornire assistenza.


Ad esempio, se siamo consapevoli che un caregiver è in fase di recupero, non affrontiamo direttamente la dipendenza a meno che non abbia un impatto diretto sull'assistenza dei pazienti. E anche allora, calpestiamo una linea in cui non incorporiamo il lavoro di recupero nel processo terapeutico, ma piuttosto lavoriamo per espandere la consapevolezza su come la dipendenza sta influenzando l'ambiente del caregiver.


Entrando nella progettazione dello studio, mi sono trovato ad trattare diverse linee di indagine: quali sono i bisogni dei caregiver durante il pre-lutto? Quale di questi bisogni può aiutare la musicoterapia e con quali processi? E diamine, come possiamo definire il pre-lutto?


Pertinente con l'ultima domanda, uno dei miei primi compiti è stato analizzare il linguaggio nel pre-lutto, la pre-perdita e il dolore anticipatorio: cosa era più appropriato e perché? Ho finito per escludere la pre-perdita e il dolore anticipatorio a causa delle losche implicazioni etiche di ciascuno. Le perdite sono continue e fluiscono l'una nell'altra, e con la perdita arriva sempre in una certa misura il lutto; successivamente, non vi è alcuna "pre-perdita" o "lutto anticipatorio" prima della morte degli assistiti, poiché ciascuno di essi si evolve e si sviluppa nel corso della traiettoria della loro malattia. Al contrario, il pre-lutto è un periodo di tempo chiaramente delimitato tra la diagnosi di hospice e la morte, che fornisce una dimensione concreta e oggettiva per i criteri di inclusione.


Alla fine ho intervistato 14 caregiver attualmente in lutto per le loro esperienze di pre-lutto in sessioni di musicoterapia insieme al paziente; 13 di loro erano caregiver di persone con demenza; il 14° assisteva sua figlia che aveva avuto limiti cognitivi in tutta la vita non dissimili dalla demenza. Ho impiegato una metodologia teorica basata sul costruttivismo che usa l'analisi situazionale, che mi ha aiutato a decostruire e ricostruire i dati in un'analisi ermeneutica che ha rivelato narrazioni sottili e incorporate nelle trascrizioni.


Quindi cosa ho trovato? Un modello teorico di musicoterapia orientata alle risorse con caregiver informali di hospice durante il pre-lutto. Fantastico, potresti dire a te stesso: cos'è?


Il succo è che, come la salute dei pazienti diminuiva, i caregiver avevano un rischio più alto di allontanarsi ulteriormente dall'identità pre-malattia nel contesto della loro relazione con il ricevente. Ciò significa che i caregiver interagivano sempre meno come coniuge, genitore o figlio con il loro caro; atti di amore ('cenare con mia moglie') trasformati in atti meccanici di servizio ('dare da mangiare a mia moglie') che riguardavano meno la soddisfazione della necessità di relazionarsi in modo significativo con una persona cara, e più la soddisfazione del "prossimo" bisogno.


Senza connessione alla relazione di cura stabile che i caregiver avevano con i loro cari prima della malattia - cioè, all'interno della coppia coniuge/genitore/figlio - il significato fluiva via lentamente dall'assistenza. Le responsabilità aumentavano, insieme a una serie di sfide che si sviluppavano, e i caregiver erano sempre più attirati dalle attività condivise, come andare in chiesa o vedere la famiglia, e attirati verso bisogni più immediati, come fare il bagno o prevenire comportamenti erratici. Allo stesso tempo, i caregiver affrontavano i cambiamenti di personalità e la perdita complessiva di vitalità dimostrata dai pazienti nel lungo corso della loro traiettoria patologica.


La musicoterapia ha aiutato ad affrontare questo problema attraverso la seguente sequenza terapeutica:

  1. Interagendo con la musica, emergevano e si attivavano gli aspetti più sani e pre-malattia del paziente. Ai caregiver era dato accesso alle sfaccettature della persona amata che pensavano di aver perso.
  2. I pazienti fungevano da canale principale per l'esperienza musicale dei caregiver. Ciò significa che i caregiver non avevano esperienze musicali indipendenti; ciò che pensavano, sentivano, immaginavano e associavano alla musica era in risposta diretta a qualsiasi cosa stesse accadendo ai pazienti.
  3. Di conseguenza, quando i destinatari della cura ritornavano al funzionamento pre-malattia, i caregiver venivano portati a tornare alla propria identità pre-malattia (cioè, coniuge, genitore o figlio). Ciò consentiva un'interazione, non tra caregiver e paziente, ma tra marito e moglie, madre e figlia, o padre e figlio.
  4. I caregiver si sentivano guariti e vivificati in queste interazioni coniugale o genitore / figlio. Veniva ricordato loro perché si sforzavano in quel modo come caregiver. Trovavano le loro interazioni guidate dall'amore piuttosto che dalla necessità. Si sentivano connessi alla persona a cui erano legati piuttosto che a un oggetto su cui stavano agendo.
  5. Questi effetti sembravano estendersi oltre la sessione di musicoterapia. I caregiver trovavano i modi per tollerare le esigenze pragmatiche del contesto assistenziale con le espressioni amorevoli delle loro identità pre-malattia.


Quindi la risorsa qui era la relazione di cura stabile che i caregiver avevano con i destinatari delle cure. Ovviamente questo non può essere assunto in tutte le relazioni caregiver/paziente, ma in questo esempio si è visto che quando questa risorsa è presente, la musicoterapia può aiutare ad amplificarla, fornendo così ai caregiver l'accesso a una maggiore resilienza.


E che dire della stessa musicoterapia? Il processo musicale articolato è stato chiamato «musicamento collaborativo», in cui musico-terapeuta, caregiver e assistito assumevano ruoli come parti interessate nel processo musicale costruito insieme. Ciascuno degli attori condivideva e negoziava le responsabilità nel musicamento, attraverso la selezione e la ri-creazione della musica, l'impegno ricettivo con la musica e l'elaborazione verbale dell'esperienza.


A causa di questa condivisione, il musicamento collaborativo è stato inteso come «processo situato», il che significa che la sua forma e la sua funzione erano sensibili ai contesti che informavano lo spazio terapeutico. Questi contesti andavano dal macro (ad esempio, lingua, religione ed etnia) al micro (ad esempio, il livello di dolore dei pazienti e la salute emotiva dei caregiver). Nel mio prossimo post, parlerò più dettagliatamente di musicamento collaborativo, concentrandomi sul suo sviluppo in un protocollo che può informare e plasmare il processo decisionale clinico con i caregiver pre-lutto.

[...]

 

 

 


Fonte: Noah Potvin PhD/MT-BC, assistente professore di musicoterapia alla Duquesne University. Scrive regolarmente su argomenti relativi alla musicoterapia e alla cura del fine vita.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Noah Potvin, Joke Bradt, Claire Ghetti. A Theoretical Model of Resource-Oriented Music Therapy with Informal Hospice Caregivers during Pre-Bereavement. Journal of music therapy. DOI: 10.1093/jmt/thx019

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...