Associazione Alzheimer ONLUS logo Christmas

Esperienze e opinioni

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che salire sul tapis roulant può aiutarti a mantenere il cervello a posto? Le dozzine di scelte che fai nel corso di qualsiasi giorno medio - ordinare curry piuttosto che samosa, leggere il giornale e guardare le notizie - possono davvero determinare se svilupperai il morbo di Alzheimer (MA) tra alcuni anni e quanto velocemente progredirà la malattia.

Non ci sono farmaci o procedure che possono curare o addirittura trattare efficacemente il MA. Ma hai il potere di superare in astuzia questa terrificante malattia combattendo alcuni dei suoi principali fattori di rischio: diabete, pressione alta, colesterolo alto, stress, isolamento sociale e insonnia.

 

1. Goditi un ​​caffè al mattino

La caffeina consumata troppo tardi potrebbe disturbare il sonno e infine danneggiare il cervello. Ma il caffè consumato al mattino e fino al primo pomeriggio, a seconda della tua personale sensibilità alla caffeina, può ridurre il rischio. Il caffè contiene l'eicosanoil-5-idrossitriptamide (EHT) che, negli studi condotti su ratti, ha dimostrato di proteggere dal MA. Anche la caffeina stessa può essere protettiva: quando la caffeina è stata infusa nella loro acqua potabile, i topi hanno sviluppato meno grovigli di tau nel loro cervello. Nell'uomo, i ricercatori della Johns Hopkins hanno dimostrato che 200 mg di caffeina - la quantità di una tazza di caffè forte - possono aiutarci a consolidare i ricordi e memorizzare più facilmente nuove informazioni.

2. Gioca per una causa

Foldit è un gioco multi-giocatore progettato da scienziati informatici dell'Università di Washington, e consente ai non-scienziati di lavorare con gli altri per risolvere problemi predittivi complessi riguardanti il ​​ripiegamento delle proteine. Un giorno questo gioco potrebbe aiuta0rci a capire come si deformano le proteine ​​tau nel cervello. Un altro gioco, Nanocrafter, ti consente di costruire qualsiasi cosa, dai circuiti dei computer alle macchine su scala nanometrica usando pezzi di DNA. Altri giochi interattivi, che vanno dal bridge alla dama cinese, dal Pictionary alle sciarade, ci inducono ad allenare l'acutezza sociale e intellettuale. Oltre a farci usare il cervello per mettere a punto strategie e, a volte, per fare matematica, questi giochi ci costringono a contemplare ciò che gli altri giocatori probabilmente faranno e probabilmente pensano.

3. Parla agli sconosciuti

Quando siamo seduti accanto a un estraneo su un autobus, un aereo o un treno, molti di noi ammutoliscono e se ne restano per conto loro. Tuttavia, la ricerca della Booth School of Business dell'Università di Chicago ha rilevato che molti di noi sopravvalutano la difficoltà di connettersi con estranei e sottovalutano i vantaggi di farlo. Prima di iniziare lo studio, i partecipanti avevano predetto che il coinvolgimento con estranei avrebbe ridotto il loro benessere. Ma quando lo studio è partito e hanno cominciato a conversare con la persona seduta accanto a loro, è successo il contrario. Si sentivano meglio di quando erano seduti da soli.

4. Porta a camminare il cane in gruppo

I nostri animali domestici fanno davvero parte della nostra rete sociale. Dormono nel nostro letto, appaiono nei ritratti di famiglia e spesso occupano molto spazio nelle lettere delle vacanze. Inoltre, in molti casi, ascoltano attentamente i nostri problemi. Alcuni sondaggi mostrano che il nostro animale domestico è un ascoltatore migliore del nostro coniuge. Porta a camminare il tuo animale domestico insieme ai tuoi vicini e ti sentirai meno solo, aiutando a scongiurare il MA.

5. Scegli il più luminoso del gruppo

I pigmenti che conferiscono colori brillanti a molta frutta e verdura sono soprattutto fonti potenti di antiossidanti. Il maggiore consumo di verdure è stato associato a un rallentamento del declino cognitivo in 3.718 persone over-65 anni che hanno partecipato al Chicago Health and Aging Project. Tutti i partecipanti allo studio hanno ottenuto punteggi più bassi nei test cognitivi alla fine dello studio, ma quelli che hanno consumato più di quattro porzioni giornaliere di vegetali hanno sperimentato un calo inferiore del 40% delle loro capacità rispetto a quelli che hanno consumato meno di una porzione al giorno.

6. Fatti fare un massaggio

Una ricerca condotta all'Università di Miami e alla Duke University ha concluso che il massaggio contribuisce ad abbassare i livelli del cortisolo (l'ormone dello stress), aumentando i livelli di sostanze chimiche del cervello ritenute associate a emozioni positive.

7. Bagna le patate prima di cucinarle

Le patate contengono un aminoacido chiamato asparagina che, quando è esposto a calore elevato, si trasforma in acrilammide, una neurotossina. L'acrilammide si lega alle estremità dei nostri assoni (la 'coda' del neurone, dove transitano i segnali elettrici), rendendo più difficile per le cellule cerebrali comunicare tra loro. L'acqua protegge l'asparagina, quindi immergere le patate per 15 o 30 minuti prima di cucinarle può impedirne la trasformazione in acrilammide. Scolare le patate e asciugarle prima della cottura.

8. Trova un 'club delle risate'

Non è uno scherzo. I club di risate esistono ovunque. Sono gestiti da "leader certificati di risate" - spesso psicologi, terapisti e psichiatri - che sono addestrati sui benefici terapeutici delle risate. Questi gruppi di lavoro possono aiutarti a entrare in contatto con gli altri mentre ti fai una bella risata. Cerca in rete il club/gruppo vicino a te. Una bella risata di pancia produce una reazione chimica che eleva il tuo umore, riduce il dolore, lo stress e la pressione sanguigna, e aumenta l'immunità. La terapia dell'umore può essere efficace quanto alcuni farmaci prescritti nel ridurre l'agitazione delle persone con MA e altre forme di demenza. I pazienti della casa di cura che erano intrattenuti dai clown per due ore una volta alla settimana erano significativamente meno aggressivi e agitati. Persino due settimane dopo che i clown avevano smesso di esibirsi, i pazienti della struttura rimanevano meno agitati.

9. Fai un sonnellino strategico

I ricercatori del Laboratorio di cronobiologia umana del Weill Cornell Medical College di White Plains, New York, hanno studiato come 22 uomini e donne hanno reagito a vari regimi di sonnellino, trovando che i sonnellini di tutte le durate migliorano le prestazioni cognitive durante il giorno.

10. Preparati un tè

Il tè nero e verde sono fonti di antiossidanti chiamati catechine che possono evitare il danno ossidativo in tutto il corpo, incluso il cervello. Il tè verde è anche ricco di epigallocatechina-3-gallato (EGCG), che ha dimostrato di ridurre la placca amiloide-beta e i grovigli di tau nei topi. Il tè ha anche dimostrato di abbassare la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo. Ma il tè in bottiglia commerciale ha dimostrato di contenere poche, se non nessuna, di queste sostanze protettive.

11. Allenati con brevi scatti di attività vigorosa

Invece di allenarti in una lunga sessione di 30 minuti, prendi in considerazione la possibilità di suddividere il tuo esercizio in brevi sessioni di 7-10 minuti, ripetuti più volte al giorno. Questo tipo di allenamento può essere l'ideale per le persone che hanno il diabete, un fattore di rischio del MA, specialmente se fai queste sessioni circa mezz'ora prima di ogni pasto. I partecipanti allo studio con insulino-resistenza (un precursore del diabete) sono stati istruiti a fare 6 minuti di esercizio fisico vigoroso (come il cammino in salita su un tapis roulant o una ginnastica vigorosa) intervallati da sei minuti di esercizi di recupero (come il cammino lento) circa mezz'ora prima di colazione, pranzo e cena. Altri partecipanti allo studio hanno camminato per 30 minuti prima di cena. Coloro che hanno eseguito gli intervalli vigorosi di 6 minuti hanno sperimentato livelli migliori post-pasto di zucchero nel sangue rispetto ai partecipanti allo studio che hanno svolto una sessione moderata una volta al giorno.

12. Diventa un [cliente] regolare

In questo modo potrai conoscere il cassiere della banca, la cassiera del supermercato e l'impiegato dell'ufficio postale. Ogni volta che è possibile, entra in tali strutture e conduci di persona gli affari piuttosto che passare di corsa. Oltre a fornire un momento di interazione faccia a faccia, questo ti dà l'occasione di una breve sessione di movimento, altra cosa che fa bene al tuo cervello.

13. Fai schioccare tu stesso i popcorn

Il popcorn da microonde contiene molti potenziali rischi per la salute. Per dirne uno, la maggior parte dei sacchetti di popcorn per microonde sono rivestiti di acido perfluoroottanoico (PFOA), un prodotto chimico che si ritiene aumenti il rischio di cancro (anche se la giuria è ancora fuori). Molte varietà per microonde con "gusto di burro" contengono olio di semi di soia parzialmente idrogenato o grasso trans. La ricerca ha collegato un elevato consumo di grassi trans al MA e alle malattie cardiache, e le prove sono così forti che la FDA sta valutando la possibilità di vietare il grasso trans. In alcune marche di popcorn, l'aroma burroso proviene anche dal diacetile, una sostanza chimica che è stata collegata alla malattia polmonare. Invece, crea tu stesso il tuo popcorn. Metti i chicchi di popcorn in un semplice sacchetto di carta marrone da alimenti. Piega la parte superiore alcune volte. Quindi cuoci a microonde per due o tre minuti, finché lo scoppiettio non inizia a diminuire. Ecco: popcorn da microonde senza grassi trans e prodotti chimici.

14. Balla tutta la notte

Se si assegnassero premi per la forma del cervello ai cercatori di forma, la danza guadagnerebbe il trofeo di primo posto, anno dopo anno, dopo anno. Questo perché unisce diverse prescrizioni di salute del cervello in una sola. Se balli con un gruppo o un partner, stai facendo pratica sociale. Se stai imparando nuovi passi, stai anche aumentando la tua forma intellettiva. La danza, per sua natura, è divertente e aiuta a ridurre lo stress. I ballerini della sala da ballo hanno ottenuto risultati più elevati nei test di cognizione rispetto ai non ballerini, e i ballerini competitivi hanno ottenuto punteggi più alti su molte misure diverse di prestazioni cognitive, compreso il tempo di reazione.

15. Impara un mestiere

In uno studio di 256 ottantenni condotto da ricercatori della Mayo Clinic, le attività artigianali - come la lavorazione del legno, la ceramica, la terracotta e la trapunta - hanno ridotto del 55 percento la probabilità di MCI (Mild Cognitive Impairment, lieve decadimento cognitivo). In uno studio più piccolo fatto in Germania, i 60-70-enni che hanno frequentato per 14 settimane corsi d'arte hanno migliorato i loro punteggi nei test di resilienza psicologica, indicando che la loro capacità di far fronte allo stress era cresciuta. Inoltre, le scansioni di risonanza magnetica hanno rivelato che il loro cervello aveva generato nuove connessioni in aree che tendono a perdere connessioni con l'aumentare dell'età.

16. Cospargi di cannella

Solo un quarto di cucchiaino di spezie due volte al giorno ha dimostrato di ridurre lo zucchero nel sangue a digiuno fino al 29%, nelle persone con diabete di tipo 2. Questo è importante perché il diabete di tipo 2 può aumentare il rischio di MA. Si è anche scoperto che le spezie riducono il colesterolo nel sangue e l'infiammazione, entrambi collegati al MA. La cannella può aiutarti a dolcificare un po' gli alimenti senza usare zucchero. Cospargilo nella colazione, nella frutta, nel pancake e nel caffè e sperimentalo aggiungendolo ad altri piatti principali, come il chili.

17. Immagina cascate di acqua

La ricerca ci dice che contare le pecore non ci aiuta ad addormentarci più velocemente dello stenderci sul letto e lasciare vagare la mente, ma ecco una tattica che sembra aiutare: visualizzare una scena rilassante, come una cascata. Quando Allison Harvey e Suzanna Payne della Oxford University in GB hanno chiesto a 50 insonni di provare tecniche diverse di distrazione in notti diverse, sono state le visualizzazioni della cascata a vincere. I partecipanti allo studio che immaginavano le cascate si addormentavano 20 minuti prima degli altri che contavano le pecore o non facevano nulla in particolare.

18. Gioca a bowling

In uno studio, i pazienti in cura con demenza hanno partecipato a sessioni di terapia giornaliere della durata di due ore che includevano bowling o croquet, oltre a giardinaggio, giochi del cervello e artigianato. I pazienti che hanno partecipato a queste sessioni erano ancora in grado di svolgere i compiti della vita quotidiana, come mangiare o usare il bagno, senza assistenza, dopo 12 mesi. I residenti che non hanno partecipato alle sessioni hanno perso terreno nella loro capacità di svolgere questi compiti senza aiuto.

19. Coltiva un giardino

L'atto fisico di strappare le erbacce e rastrellare le foglie aumenta la frequenza cardiaca e rafforza i muscoli delle mani, braccia, spalle, schiena e gambe. Essere all'aperto e circondato da splendidi fiori può rilassare la mente. Infine, il giardinaggio richiede intelligenza per piantare i semi giusti nei posti giusti al momento giusto dell'anno, per potare le piante quando ne hanno bisogno e per combattere i parassiti e altri ostacoli.

20. Fai fare al tuo cane o gatto allenamento di agilità

Se possiedi un cane o un gatto, l'allenamento di agilità offre una forma di esercizio intellettualmente stimolante per entrambi. Coinvolge il tuo animale domestico attraverso una serie di ostacoli, dalle passerelle, agli ostacoli, alle gallerie. Fornisce esercizio a tutti e due e fa riflettere velocemente mentre urli comandi e usi il linguaggio del tuo corpo per comunicare con l'animale.

21. Mangia kiwi

Uno studio ha riscontrato un miglioramento del sonno quando i partecipanti allo studio hanno consumato due kiwi un'ora prima del letto. Anche se non è chiaro il motivo per cui potrebbero aiutare, una teoria ritiene che siano ad alto contenuto di serotonina.

22. Alzati ogni mezz'ora mentre lavori

Quando i ricercatori hanno chiesto agli impiegati in sovrappeso e obesi di usare per 30 minuti ogni ora una stazione di lavoro fatta per stare in piedi, la risposta degli zuccheri nel sangue post-pasto dei lavoratori è migliorata, riducendo così il rischio di sviluppare il MA. Imposta un allarme ogni mezz'ora. Alzati e allungati, fai un po' di ginnastica leggera, o fai una breve passeggiata per un minuto o due prima di sederti di nuovo. Stai in piedi mentre parli al telefono, mentre aspetti l'autobus o un aereo, e mentre chiacchierai durante le riunioni.

23. Organizza cene e party

Decidere chi invitare, cosa servire e chi è seduto accanto a chi, costringe il tuo cervello a contemplare decisioni sociali complesse. Sally andrà d'accordo con George? Qualcuno dei tuoi ospiti ha allergie alimentari? Cucinare i piatti e assicurarsi che siano tutti pronti nello stesso momento in cui arrivano gli ospiti richiede una grande pianificazione strategica, che è una competenza intellettuale di alto livello. Con ogni ricetta segui le istruzioni passo-passo. Se stai raddoppiando le porzioni, ci sono anche alcuni aspetti matematici, e ci sono anche molte misurazioni e stime.

24. Impara a meditare

I ricercatori della National University of Singapore hanno scoperto che le persone che praticano la meditazione Vajrayana - uno stile tibetano che prevede di collegarsi e visualizzare esseri illuminati - migliorano l'attenzione e svolgono meglio i compiti cognitivi subito dopo le sedute di meditazione, forse perché la meditazione aumenta il flusso sanguigno al cervello. Provalo ora. Siediti comodamente con gli occhi chiusi. Concentrati sul tuo respiro. Osserva come ti senti quando arriva nel tuo naso e esce di nuovo. Non cercare di controllarlo o modificarlo. Permettigli solo di entrare e uscire naturalmente. Se noti altre sensazioni, come un dolore alla schiena o un pensiero urgente su qualcosa nella tua lista di cose da fare, torna semplicemente alla respirazione. Consenti alle distrazioni di attraversare la tua mente come le nuvole attraversano il cielo. Ogni volta che ti accorgi di seguire il tuo pensiero, reindirizza la tua mente dove vuoi che vada. Ogni volta che torni al respiro, stai allenando la tua concentrazione e portandoti al momento presente. Oltre a seguire il respiro, puoi provare a portare la tua consapevolezza a una parola (come 'uno' o 'pace') o una posizione nel tuo corpo (come il cuore). Puoi anche concentrarti su un'idea o su una credenza, come un sentimento di gratitudine, compassione o amore.

25. Mangia frutta per dessert

La frutta è naturalmente dolce. Cospargi un po' di cannella sopra delle bacche come semplice potenziatore del cervello a basso contenuto calorico. O fai una purea di bacche, anguria e altri frutti, e congelala.

26. Rilassati con lo yoga nidra

A volte chiamato "sonno yogico", lo yoga nidra è una visualizzazione guidata che rilassa profondamente il corpo. In uno studio, gli studenti universitari che hanno praticato yoga nidra per 8 settimane hanno sperimentato meno stress, preoccupazione e depressione. Altre ricerche mostrano che lo yoga nidra può aiutare anche a mantenere sotto controllo la glicemia. Questo è un risultato importante perché il diabete è un fattore di rischio per il MA. Trova un corso o partecipa a lezioni gratuite su Internet.

27. Prova a respirare alternando le narici

Ti aiuta a fare respiri più profondi e raddoppia la meditazione respiratoria. Usa il pollice o l'indice per chiudere la narice destra. Inspira a lungo e lentamente attraverso la sinistra. Poi cambia, in modo che il dito chiuda la narice sinistra e espiri attraverso la destra. Poi inspira attraverso la destra e continua a cambiare da una all'altra. Non solo questo e altri esercizi di respirazione profonda riducono lo stress e la tensione, ma offrono anche il beneficio collaterale di rafforzare l'attenzione.

28. Tieni la mano a qualcuno

Stimolando il nervo vago, un tocco caldo può calmare la tensione e innescare un rilascio in ossitocina. In uno studio, Richard Davidson, psicologo dell'Università del Wisconsin, e Jim Coan dell'Università della Virginia, hanno detto a 16 donne sposate che stavano per ricevere una scossa elettrica. In alcune situazioni, mentre le donne prevedevano lo shock, tenevano la mano dei partner o di un estraneo. In altre situazioni, le donne erano sole. Nel frattempo i ricercatori hanno studiato cosa accadeva nel cervello delle donne, usando scanner fMRI. La fMRI ha dimostrato che, quando le donne tenevano la mano del partner, rimanevano più rilassate di quando tenevano la mano di un estraneo. Quando prevedevano lo shock da sole, la loro risposta allo stress era più alta.

29. Fai la doccia di sera

La nostra temperatura corporea fluttua per tutto il giorno e la notte, variando di 1-2 gradi da sotto a sopra i 37°C. In genere inizia a cadere durante la sera, raggiungendo il punto più basso durante il sonno, e questo calo di temperatura è uno dei meccanismi che ci fa sentire assonnati. È possibile migliorare la sonnolenza indotta dall'effetto di raffreddamento del corpo facendo una doccia o un bagno caldo la sera. La doccia ti scalda di un grado o due. Ma poi l'effetto del riscaldamento svanisce. Mentre il tuo corpo si raffredda, inizia la sonnolenza. In un piccolo studio, le donne che hanno fatto un lungo bagno caldo a metà pomeriggio fino alla prima serata si sono sentite più assonnate prima di andare a letto e hanno dormito più profondamente. Fare una doccia o un bagno almeno 90 minuti prima di andare a letto per provare il meglio dell'effetto rinfrescante. Oltre ad aiutare a indurre intontimento, questo può essere un ottimo modo per distendersi e rilassare lo stress.

30. Prega

La preghiera e gli altri rituali religiosi possono permetterti di lasciar andare le preoccupazioni che occupano la tua mente, e unirti a una comunità di persone che la pensano allo stesso modo ti aiuta a sentirti meno solo. In uno studio condotto da ricercatori israeliani e americani, e finanziato dal National Institutes of Health, le donne islamiche che pregavano quotidianamente avevano un rischio ridotto di lieve compromissione cognitiva (MCI) rispetto alle donne che non pregavano. Un altro studio condotto da ricercatori della Arizona State University e della University of Utah ha rilevato che le persone che si consideravano profondamente religiose o spirituali, pregavano regolarmente e assistevano alle funzioni religiose avevano risposte del cortisolo più basse e pressione sanguigna inferiore rispetto alle persone meno religiose.

31. Coltiva il rosmarino

Questa erba contiene composti antiossidanti e anti-infiammatori che possono proteggere la salute del cervello. In un piccolo studio, 28 anziani che hanno bevuto una bevanda al pomodoro arricchita con 750 mg di rosmarino essiccato - un po' più di spezia di quanto si potrebbe in genere assaporare con il normale condimento - hanno ottenuto risultati migliori in un test di memoria somministrato 6 ore più tardi rispetto agli anziani che non avevano ingerito la spezia. Sebbene studi così piccoli non siano mai definitivi, indicano la strada verso studi più ampi. Anche solo annusare l'erba può offrire qualche beneficio. I partecipanti allo studio che si sono seduti all'interno di un cubicolo che era infuso con il profumo di rosmarino sono riusciti a risolvere una serie di problemi matematici più rapidamente di quando non erano circondati dal profumo. Si pensa che il rosmarino possa potenziare la funzione cerebrale prevenendo l'esaurimento di un neurotrasmettitore chiave nel cervello. Mantieni una pianta di rosmarino in vaso nella tua cucina e usa l'erba per aromatizzare tutto, dalle zuppe alle verdure arrostite. Riducine un po' a purè con olio d'oliva per creare un pesto. È inoltre possibile usare il ramo di rosmarino per spiedini di gamberetti alla griglia.

32. Fai una cosa alla volta

Sebbene molti di noi possano credere di essere abbastanza bravi nel multitasking [più cose allo stesso tempo], probabilmente stiamo solo ingannando noi stessi. Passare da un'attività all'altra, come controllare ripetutamente l'e-mail mentre si completa un progetto di lavoro, in realtà fa perdere tempo e ti rende meno efficiente e produttivo. Ogni volta che fai una pausa da quello che stai facendo, devi iniziare di nuovo il compito in testa. Questo riavvio mentale può richiedere da pochi secondi a molti minuti. Più che rovinare la nostra efficienza, il multitasking può causarci uno stress eccessivo.

33. Fai volontariato

Le persone che passavano il tempo ad aiutare gli altri, accompagnandoli agli appuntamenti del medico, facendo commissioni per loro, fornendo assistenza ai bambini e altri compiti, erano in grado di navigare e sopravvivere agli eventi di vita altamente stressanti per 5 anni in più di quelli che non lo facevano. Altre ricerche hanno scoperto che le persone che offrono volontariamente il loro tempo hanno un maggiore senso di scopo e un maggiore benessere. Inoltre tendono ad avere meno problemi di sonno, meno ansia e meno solitudine. Può essere che, aiutando gli altri, otteniamo un aumento dell'ossitocina o di altri prodotti chimici del cervello, che sembrano proteggerci dai problemi di salute causati dallo stress.

34. Impara a suonare uno strumento

Imparare e suonare uno strumento ti obbliga ad affinare molti processi cognitivi diversi, tra cui l'attenzione, la memoria, le abilità motorie, le abilità uditive e le abilità visive. Non c'è da meravigliarsi se gli studi hanno scoperto che suonare uno strumento musicale ritarda l'inizio del declino cognitivo. Quando i ricercatori della Emory University hanno testato la salute cognitiva di 70 anziani, hanno scoperto che i partecipanti allo studio con almeno 10 anni di esperienza musicale hanno ottenuto risultati migliori nei test di memoria non verbale, denominazione e molti altri processi cognitivi rispetto agli anziani meno allenati o senza formazione del tutto. Oltre che aiutare a mantenere il tuo cervello in forma, le lezioni di musica possono anche permetterti di mantenere buone capacità motorie, specialmente se impari uno strumento che richiede movimenti complessi delle dita. Quando i ricercatori hanno offerto lezioni di pianoforte agli anziani, i partecipanti allo studio sono riusciti a migliorare le capacità cognitive - inclusa l'attenzione, la concentrazione e la pianificazione - in soli sei mesi, rispetto ai partecipanti allo studio che non prendevano lezioni.

35. Mangia più salmone selvatico che di allevamento

In uno studio condotto su 815 persone, le persone che hanno consumato salmone e altri pesci almeno una volta alla settimana hanno ridotto il rischio di MA del 60% rispetto alle persone che lo mangiavano raramente o mai, ma il salmone d'allevamento ha provato di contenere PCB (un inquinante industriale, cancerogeno e neurotossico) 8 volte di più del salmone selvatico.

36. Respira lavanda mentre dormi

La ricerca mostra che il profumo di lavanda funge da lieve sedativo, che può rallentare la frequenza cardiaca, abbassare la pressione sanguigna e rilassare il corpo. In uno studio, le persone che hanno annusato la lavanda prima di dormire dormivano più profondamente e si sentivano più riposati al mattino. Cospargere alcune gocce di olio essenziale di lavanda pura su un fazzoletto da riporre sotto il cuscino.

 

 

 


Fonte: Alisa Bowman in Reader's Digest (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

'Evitare l'Alzheimer potrebbe essere più facile di quanto pensi'

16.11.2018

Hai l'insulino-resistenza? Se non lo sai, non sei sola/o. Questa è forse la domanda pi...

Nuove case di cura: 'dall'assistenza fisica, al benessere emotivo'

5.11.2018

Helen Gosling, responsabile delle operazioni della Kingsley Healthcare, con sede a Suffo...

Marito riferisce un miglioramento 'miracoloso' della moglie con Alzheimer

28.09.2018

Una donna di Waikato (Nuova Zelanda) potrebbe essere la prima persona al mondo a miglior...

L'esercizio fisico genera nuovi neuroni cerebrali e migliora la cognizione nel…

10.09.2018

Uno studio condotto dal team di ricerca del Massachusetts General Hospital (MGH) ha scop...

Ecco perché alcune persone con marcatori cerebrali di Alzheimer non hanno dem…

17.08.2018

Un nuovo studio condotto all'Università del Texas di Galveston ha scoperto perché alcu...

3 modi per trasformare l'auto-critica in auto-compassione

14.08.2018

Hai mai sentito una vocina parlare nella tua testa, riempiendoti di insicurezza? Forse l...

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...