Iscriviti alla newsletter

Una salute migliore del cervello è la priorità delle donne

Una salute migliore del cervello è la priorità delle donne

Per anni i ricercatori hanno cercato di capire perché le donne americane hanno un tasso di Alzheimer doppio rispetto agli uomini. Dato che il morbo di Alzheimer (MA) aumenta con l'età, inizialmente si  presumeva che, poiché le donne vivono in media 5 anni in più rispetto agli uomini, hanno semplicemente più probabilità di ricevere la diagnosi.


Tuttavia, studi che eguagliavano l'età della diagnosi di MA tra uomini e donne hanno suggerito che la risposta è più complicata e che le donne potrebbero avere una maggiore vulnerabilità biologica allo sviluppo della malattia, correlata probabilmente a fattori genetici, ormonali o di altro tipo.


Uno di questi studi ha dimostrato che uomini e donne 'geneticamente vulnerabili' tra 55 e 85 anni hanno probabilità simili di sviluppare il MA, tranne che tra i 65 e i 75 anni, quando il rischio comparativo aumenta significativamente per le donne, il che suggerisce una interazione potenziale tra genetica e post-menopausa / fattori ormonali. Un altro studio ha dimostrato che le donne con lieve decadimento cognitivo (MCI) - una potenziale forma precoce di MA - hanno un declino più rapido rispetto agli uomini.


Altre ricerche suggeriscono che, poiché gli uomini con problemi di salute cardiaca hanno più probabilità di morire in mezza età, gli uomini che vivono oltre i 65 anni hanno probabilmente un sistema cardiovascolare più sano (e di conseguenza un cervello più sano), che può contribuire a ridurre i tassi di demenza rispetto alle donne.


Dato che la salute del cervello coinvolge molteplici fattori, tra cui esercizio fisico, dieta, sonno e 'riserva cognitiva', non sorprende che vari studi abbiano dimostrato l'importanza di diverse variabili. Tuttavia, un nuovo studio su donne e demenza ha fornito informazioni uniche su un fattore associato a un rischio sorprendentemente ridotto dell'88% di demenza: la resistenza cardiovascolare in mezza età.


Nello studio, 191 donne svedesi da 38 a 60 anni hanno eseguito un test ciclistico e sono state classificate in tre gruppi in base al loro picco di capacità cardiovascolare prima di raggiungere uno stato di esaurimento: forma bassa (59 donne), forma media (92 donne ) e forma alta (40 donne). Lo studio ha seguito le donne fino a 44 anni, quando 44 ​​donne hanno sviluppato una demenza: il 32% nel gruppo di forma bassa, il 25% nel gruppo di forma media e solo il 5% nel gruppo di forma alta. Sottolineando ulteriormente la relazione tra livello di forma fisica e demenza, il 45% delle donne che non è riuscito a completare il test di forma ha sviluppato la demenza.


Complessivamente, le donne nel gruppo di forma alta avevano l'88% in meno di probabilità di sviluppare demenza rispetto a quelle del gruppo di forma media. Inoltre, le due donne nel gruppo di forma alta che hanno sviluppato la demenza hanno avuto la diagnosi in media 11 anni più tardi rispetto a quelle del gruppo di forma media (a 90 contro 79 anni). Lo studio ha controllato diversi fattori che hanno dimostrato di influenzare la salute del cervello, tra cui il fumo, il bere, la pressione sanguigna e il colesterolo.


Come con tutte le ricerche correlazionali, anche se non possiamo interpretare i risultati come prova che la demenza è causata da differenze nel livello di fitness (dato che i risultati potrebbero riguardare il flusso sanguigno, la genetica, la dieta o una miriade di altre differenze tra i gruppi), i risultati sono simili ad altri studi longitudinali che hanno trovato una relazione dose-dipendente tra livello di forma fisica e demenza, per cui livelli più alti di forma fisica sono associati a livelli più bassi di demenza.


Queste scoperte, combinate con altre ricerche sul beneficio di potenziamento cerebrale dell'esercizio, forniscono una forte evidenza che una forma fisica eccellente è fondamentale per la salute del cervello. Ecco 3 consigli per iniziare un piano di fitness e aumentare il potere del cervello:

  1. Ridefinisci la forma fisica come "cura di sé". Prendendoti cura coscientemente del tuo cervello, massimizzi il tuo successo personale e professionale, il piacere e le relazioni. Prenditi qualche minuto per scrivere perché la salute del cervello è importante per te e lascia che queste motivazioni ti diano la spinta a dare la priorità alla forma fisica come aspetto vitale della tua cura personale.
  2. Inizia oggi, indipendentemente dalla tua età o dalla tua forma fisica. Dato che i cambiamenti del cervello associati al MA iniziano circa 20 anni prima della diagnosi, l'ideale per le donne è dare la priorità alla salute del cervello per tutta la vita. Tuttavia, è importante notare che alcune donne "Super Ager" [con invecchiamento perfetto] con un'eccellente memoria e salute del cervello, hanno iniziato ad allenarsi dai 60 in su, e che l'esercizio migliora il funzionamento cognitivo anche per le persone con MA moderato. In altre parole, non è mai troppo tardi per iniziare!
  3. Includi esercizi di resistenza e altri, diversi, nella routine di forma fisica. Se non ti alleni regolarmente, inizia con 5 minuti di esercizio al giorno. Se ti alleni regolarmente, aumenta la durata fino a 30 minuti di attività cardio per 4-5 volte alla settimana (un livello ottimale consigliato da più studi sulla salute e la forma fisica del cervello). In seguito, considera di variare l'intensità del tuo esercizio con tecniche come l'allenamento di alta intensità ad intervalli (HIIT), in cui brevi periodi di esercizio cardiovascolare ad alta intensità sono alternati con attività a bassa intensità o riposo (l'HIIT ha anche dimostrato di invertire alcuni aspetti dell'invecchiamento cellulare complessivo!). Potresti anche variare il tuo allenamento, facendo attività diverse. Ad esempio, un misto di cammino, escursioni, nuoto, ballo, HIIT e bici (o alternative a bassa intensità come cammino sull'acqua, aerobica, bici o esercizi ellittici).


Assicurati di controllare con il tuo medico prima di apportare modifiche al tuo regime di allenamento. Ecco come dare priorità alla salute del tuo bellissimo cervello per gli anni a venire!

 

 

 


Fonte: Michelle Braun PhD/ABPP, neuropsicologa clinica certificata ed esperta di salute del cervello.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • H Hörder et. al. (2018). Midlife cardiovascular fitness and dementia: A 44-year longitudinal population study in women. Neurology, https://doi.org/10.1212/WNL.0000000000005290
  • K.A. Lin et al. (2015). Marked gender differences in progression of mild cognitive impairment over 8 years. Alzheimer’s and Dementia: Translational Research and Clinical Interventions,1,103-115.
  • S.C. Neu, J. Pa, W. Kukull et al. (2017). Apolipoprotein E Genotype and Sex Risk Factors for Alzheimer Disease. JAMA Neurology,74,1178-1189

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.