Iscriviti alla newsletter

Perché gli anziani sono più vulnerabili alle truffe?

I fattori di rischio mentre invecchiamo possono essere sociali, emotivi/psichiatrici e cognitivi.

fraud scam awareness

I truffatori finanziari spesso prendono di mira gli anziani, pensando che non siano sani di mente e che abbiano molti soldi in banca. Le truffe e gli abusi finanziari contro gli anziani sono ampiamente sottoposti a segnalazione. Le vittime includono americani sia ricchi che a reddito basso. Nel 2021, oltre 90.000 americani over-65 sono stati vittime di frode, con una stima di $ 1,7 miliardi di perdite personali.


Le truffe comuni agli anziani includono impostori/imitatori del governo, robocall (chiamate pre-registrate), concorsi a premi e truffe della lotteria, truffe telefoniche come phishing vocale (telefonate fraudolente per indurre le persone a dare denaro o condividere informazioni personali), truffe di supporto tecnico, "nonno/a" e truffe di investimento.


La vulnerabilità di un anziano agli abusi finanziari e alle truffe può derivare da problemi sociali, emotivi/psichiatrici e cognitivi. I medici e le famiglie dovrebbero considerare questi fattori quando un anziano prende decisioni finanziarie con il potenziale di frode.

 

Fattori di rischio sociale

La dipendenza da altri che potrebbero sfruttarli, compresi i familiari, rende una persona anziana più suscettibile alle frodi e alle truffe. La dipendenza deriva spesso da una capacità funzionale compromessa e da fragilità fisica.


I fattori generazionali e culturali, come la convinzione che l'autorità decisionale sia degli altri (medici o familiari), possono rendere un anziano più incline alle truffe, specialmente quando la frode comporta decisioni su cure sanitarie e finanze.


Una rete sociale limitata è un fattore di rischio per gli abusi finanziari sugli anziani, a causa della mancanza di aiuto a identificare potenziali truffe, sfruttamento e truffatori. La solitudine e l'isolamento sociale, frequenti negli anziani, sono associati ad un aumento dello stress, di abitudini malsane e di relazioni tese. Le truffe sentimentali, in cui i criminali adottano false identità online e ottengono l'affetto e la fiducia delle vittime, usano il pretesto di un amore o una stretta relazione per controllare e sfruttare la vittima.

 

Fattori di rischio emotivo e psichiatrico

La depressione e l'ansia possono compromettere la capacità di un anziano di riconoscere e valutare i rischi e i benefici delle decisioni finanziarie. Disturbi psichiatrici significativi, come paranoia, agitazione o disinibizione, possono compromettere il ragionamento e il giudizio di un anziano per riconoscere ed evitare le truffe. La paura dell'abbandono da parte dei propri cari può indurre gli anziani a rispettare le richieste di un truffatore.


Ulteriori fattori di rischio emotivo e psichiatrico per le truffe agli anziani includono:

  • Alto livello di nevroticismo (ad esempio, essere più inclini all'angoscia rispetto alla persona media).
  • Problemi con la regolazione emotiva (ad esempio, ricerca di alto rischio, impulsività, mancanza di pazienza).
  • Natura eccessivamente fiduciosa (ad esempio, gradevolezza ed essere disposti a cooperare; comportarsi onestamente e aspettarsi che gli altri agiscano allo stesso modo).

 

Fattori di rischio cognitivo

I deficit cognitivi possono influenzare la capacità di una persona di applicare le conoscenze e usare il buon senso in tutte le decisioni, comprese quelle finanziarie. Gli anziani con demenza in genere hanno un calo di intuizione e consapevolezza dei loro deficit, limitando la loro capacità di riconoscere una truffa.


Il declino cognitivo può influire sulla memoria, la velocità di elaborazione delle informazioni, la risoluzione dei problemi, le capacità matematiche, il linguaggio e altre aree di pensiero. I deficit di memoria possono influenzare la capacità di una persona anziana di ricordare le truffe precedenti o evocare ciò che le sta accadendo.


I deficit di attenzione possono causare difficoltà agli anziani nel concentrarsi sui dettagli essenziali di una situazione, rendendoli più vulnerabili alle truffe. I deficit linguistici possono influenzare la capacità di una persona di comprendere gli indicatori di potenziali frodi, comunicare con gli altri e cercare aiuto se necessario.


Le condizioni mediche (come lesioni traumatiche cerebrali, ictus e disabilità dello sviluppo) e i farmaci (come antidolorifici, tranquillanti, sonniferi e alcuni farmaci usati per l'incontinenza urinaria) possono compromettere le capacità mentali, il pensiero e il giudizio di una persona anziana, in modo transitorio, reversibile, progressivo o permanente.


Il funzionamento sociale, emotivo/psichiatrico e cognitivo intatto ci consente di riconoscere i motivi di un potenziale truffatore. Le vulnerabilità degli anziani possono portare a scarso giudizio finanziario, consentendo ai truffatori di drenare i loro conti bancari.

 

Ridurre il rischio

Quando gli anziani e le loro famiglie possono lavorare insieme, sono più propensi a mantenere i loro capitali. Sappiamo tutti cosa viene detto sulla 'prevenzione': che è meglio della 'cura'. Con le truffe, è spesso impossibile riparare il danno finanziario dopo che è avvenuto. Gli anziani e i caregiver possono stare al sicuro imparando a conoscere varie truffe e come prevenire e rilevare lo sfruttamento finanziario.


La Federal Trade Commission (FTC) e l'American Association of Retired Person (AARP) pubblicano regolarmente avvisi di truffa. Gli anziani e le loro famiglie possono anche lavorare con professionisti, come i loro dottori, pianificatori finanziari e gli avvocati specializzati sugli anziani, per comprendere meglio le loro decisioni finanziarie e i rischi potenziali.

 

 

 


Fonte: Karen Reimers MD (psichiatra) in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.