Iscriviti alla newsletter

Evitare di 'prendere' la depressione: proteggiti restando empatica/o con una persona cara.

depressed or worried senior lady

Lucille aveva detto alla scuola per la quale sono consulente che si sentiva profondamente depressa. Era quasi la fine del semestre e suo padre sarebbe arrivato da New York il giorno successivo per portarla a casa a vedere uno psichiatra. Era stato chiesto alla scuola di vederla prima che partisse.


Ha detto che non si sentiva più motivata da nulla, ma nessuna delle domande che ho posto ha portato a risposte previste. Sì, si stava godendo il suo corso. Sì, aveva fatto dei buoni amici. Era aggiornata con tutto il suo programma e non ha fatto fatica a finirlo in tempo. Voleva una carriera nel campo che stava studiando.


A poco a poco è emersa una storia. Era figlia unica, sentiva il peso delle aspettative ed era sempre stata ansiosa di fare bene. Eppure era andata bene a scuola e faceva parte di un forte gruppo di amici. Tuttavia, era successo qualcosa lì due anni prima, che, ora sembrava, aveva cambiato drasticamente la sua visione della vita. Due amici della scuola avevano cercato di suicidarsi.


Il loro ultimo anno, con esami stressanti e con molto che dipendeva da essi, aveva preteso il suo pedaggio, molti studenti lottavano per tenere il passo. L'amico più stretto di Lucille aveva preso una overdose e un ragazzo del loro gruppo aveva cercato di impiccarsi, ma fortunatamente entrambi erano stati presi in tempo.


Lucille non aveva lottato ma, come ammetteva, aveva preso lo stato d'animo. Voleva essere felice, ma si è ritrovata a chiedersi quale fosse il punto di qualsiasi cosa. In seguito emerse che, quando Lucille era bambina, una zia si era uccisa saltando da un ponte e una cugina anziana era stata vicina a impiccarsi.


Molte ricerche hanno indicato che la depressione può essere contagiosa. In una revisione degli studi pubblicati l'anno scorso, Lisiê Paz e colleghi hanno scritto:

"Le emozioni possono diffondersi come una malattia infettiva attraverso le reti sociali" e la probabilità che un individuo diventi scontento aumenta con il numero di persone scontente che ha attorno. “Ciò indica che la rete sociale è una potenziale fonte di emozioni sia positive che negative. Inoltre, il contagio emotivo sembra verificarsi principalmente tra familiari, partner, compagni di stanza, amici intimi o collaboratori che hanno forti legami e frequenti contatti” (rif.1).


Si pensa che condizioni come depressione e ansia e i loro tratti, come la solitudine, si diffondano allo stesso modo, riferiscono i ricercatori, citando prove di uno studio che ha scoperto che i compagni di stanza degli studenti universitari depressi avevano più sintomi depressivi essi stessi, dopo tre settimane di vita in comune.


Gli autori suggeriscono che la causa è neurocognitiva e si basa sulla nostra tendenza all'imitazione automatica di coloro a cui siamo vicini; sana per lo sviluppo normale e sociale, ma con un potenziale aspetto negativo.


Altri ricercatori hanno scoperto che gli studenti universitari assegnati casualmente a un compagno di stanza con alti livelli di vulnerabilità cognitiva (come chiamano i modelli di pensiero che rendono le persone più vulnerabili ai problemi psicologici) avevano probabilità di prendere lo stile cognitivo del loro compagno di stanza e di svilupparlo essi stessi. Coloro che lo hanno fatto hanno continuato a sviluppare sintomi depressivi significativamente maggiori di altri (rif.2).


Nel frattempo, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che le persone i cui partner prendevano antidepressivi avevano una probabilità del 62% di usare in seguito gli antidepressivi essi stessi (rif.3), mentre un altro studio ha scoperto che è particolarmente probabile che gli adulti diventino depressi se vivono con un coniuge depresso (rif.4). In effetti, vivere con un coniuge depresso anziano può essere paragonabile a vivere con un coniuge con demenza (rif.5).


Tuttavia, non tutti i ricercatori credono alla spiegazione del contagio emotivo per la depressione. Uno studio finlandese ha scoperto che gli adolescenti hanno iniziato amicizie con coloro che mostravano livelli di sintomi depressivi simili ai loro stessi e si sono allontanati da coloro i cui livelli di depressione sono diventati diversi dai propri (rif.6). Quindi, con la compagnia che hanno mantenuto, si sono protetti potenzialmente dalla depressione se non la avevano e l'hanno alimentata se l'avevano.


Mi colpisce la probabilità che Lucille, con la sua tragica esperienza di suicidi all'interno della sua famiglia, possa facilmente essere attratta da amici che hanno messo in dubbio anche il punto di esistere, che il contagio fosse coinvolto direttamente o meno. Non ho avuto la possibilità di lavorare con Lucille, dato che è stata portata a New York il giorno successivo, ma spero che sarà aiutata a vaccinarsi contro la resa alla depressione intorno a lei e a ritrovare un significato per se stessa.


Ricordo, tuttavia, di essere stata consultata da un uomo di nome Leon, il cui figlio giovane adulto aveva una profonda depressione e si rifiutava di cercare aiuto. Lo stesso Leon aveva avuto una grave depressione 10 anni prima e se ne era tirato fuori, anche se non riusciva a ricordare come; un peccato, poiché sarebbe stata una potente risorsa per il futuro.


Ora soffriva a vedere suo figlio in uno stato di disperazione simile e si sentiva anche impotente ad aiutarlo. Temeva di cadere di nuovo nella depressione e voleva consigli su come starne fuori. Era un percorso saggio da seguire. Siamo riusciti a lavorare sui modi con cui

  • prendere le distanze dalla depressione, pur restando ancora empatico con suo figlio,
  • evitare la tendenza depressiva a ricorrere all'auto-colpa,
  • lasciar andare il pensiero negativo,
  • assicurarsi che ci sia sufficiente cura di sé,
  • fare tutti i passi pratici possibili per aiutare suo figlio,
  • restare all'erta per qualsiasi spiraglio di opportunità e
  • trarre incoraggiamento dai piccoli successi.


Questi approcci, in particolare se incorporati con la visualizzazione guidata e il potenziamento di storie, hanno aiutato molto Leon.

 

 

 


Fonte: Denise Winn in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. LV Paz et al. Contagious depression: automatic ... Neurosc Biobeh Rev, 2022, DOI
  2. GJ Haeffel et al. Cognitive vulnerability to depression ... Clin Psy Sci. 2014, DOI
  3. TB Kristensen et al. Does depression co-occur within ... Pop Hea J, 2022, DOI
  4. NR Benazon et al. Living with a depressed spouse. J Family Psychol, 2000, DOI
  5. R Schulz et al. Dementia patient suffering and ... Alz Dis Assoc Dis, 2008, DOI
  6. N Kiuru et al. Is depression contagious? A test of ... J Adol Health, 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.