Iscriviti alla newsletter

Enigma microbioma: difficile dimostrare causalità tra microbioma e sistema immunitario.

funny bugs in the gut

“I grandi insiemi di dati non possono produrre descrizioni complicate di causalità. Soprattutto nel settore sanitario. Quasi tutte le nostre malattie si trovano nelle intersezioni dei sistemi nel corpo". - Clayton M. Christensen


La collezione di microbi che colonizza il nostro colon - il microbioma - è un meraviglioso cuscinetto contro le devastazioni della natura. Se potessimo guidare quei microbi, potremmo prevenire o curare dozzine di malattie infiammatorie intrattabili, come artrite, malattie cardiache, diabete e demenza.


Ma ci sono reazioni tra microbi intestinali e infiammazione che complicano un problema già impegnativo di suo. Sappiamo che un microbioma intestinale malsano può causare infiammazione sistemica. Ma l'infiammazione può anche spazzare via i microbi intestinali, potenzialmente peggiorando le cose.


I microbiomi di alcune persone malsane sembrano essere sbilanciati o 'disbiotici', ma nessuno sa davvero esattamente cosa significa. Data la nostra ignoranza, come possiamo trarre vantaggio dalla potenza del microbioma?

 

Abbracciare la nostra ignoranza

Quello che sappiamo è che maggiore è la diversità microbica, minore è l'infiammazione. Non è molto su cui costruire, ma è un inizio. Implica che potremmo incoraggiare un microbioma sano con una dieta molto varia di verdure e frutta piene di fibre.


Potrebbero esserci alcuni nemici identificabili. Alcune famiglie batteriche, come le Enterobacteriaceae, si trovano in agguato in numero maggiore nelle condizioni infiammatorie. Questa famiglia include personaggi come Salmonella, E. coli, Shigella, Enterobacter, Citrobacter e Klebsiella. La maggior parte di questi ha flagelli, quindi possono nuotare su obiettivi attraenti, come il muco che ricopre il nostro intestino da prua a poppa. Hanno anche fimbri, che sono piccoli ganci da presa che questi microbi usano per attaccarsi alle cellule umane. Un'altra caratteristica: amano i dolci.


La membrana esterna di questi microbi è composta da grasso e zucchero. La parte grassa è un lipide che aiuta a creare la membrana e la parte dello zucchero forma fili che assomigliano a peli di fiocchi di cotone sui batteri. Questo blocco di costruzione batterica si chiama lipopolisaccaride (LPS) in onore dei suoi due componenti principali.


Quando uno di questi microbi muore, la membrana si rompe in molecole LPS ben note al sistema immunitario. Abbiamo combattuto questi microbi abbastanza a lungo da avere il rilevamento del LPS fuso nei nostri geni, come parte del nostro sistema immunitario innato.


Se inietti LPS in una persona, in pochi minuti diventerà molto ansiosa e avrà la febbre. A dosi sufficienti, diventerà infetta. In dosi più basse, l'esposizione cronica all'LPS è associata a una serie di malattie, che includono depressione e ansia.

 

È complicato

Ma la correlazione non è causalità e qui sta l'enigma. Quando il sistema immunitario scopre l'LPS, può attaccare pesantemente i batteri nell'intestino. Quando un batterio entra in una cellula intestinale, il sistema immunitario non lo segue educatamente. Al contrario, distrugge la cellula, uccidendo sia l'intruso che l'ostaggio. In questo modo, il sistema immunitario può inavvertitamente creare un intestino permeabile.


I batteri che producono LPS possono quindi violare il rivestimento intestinale ed entrare nel flusso sanguigno. Da lì, possono scegliere i tessuti da colonizzare. Questi microbi intestinali sfollati stimolano ulteriori azioni del sistema immunitario, aumentando la guerra e portando all'infiammazione sistemica. Questo diventa un ciclo di azione-reazione con cui i batteri e le cellule immunitarie ci fanno ammalare.


Quindi il microbioma modella la risposta immunitaria o il sistema immunitario modella il microbioma? La risposta è si a entrambe le domande. Tutto finirebbe bene se il sistema immunitario potesse spazzare via i patogeni e dichiarare vittoria. Ma fintanto che nutriamo diligentemente quei patogeni, è garantita una battaglia infinita.

 

Anche l'asse intestino-cervello è un ciclo

C'è di più: l'intestino e il cervello sono collegati dal nervo vago. Le comunicazioni dal microbioma intestinale percorrono il vago per avvisare il cervello delle irregolarità. Non sei sempre direttamente consapevole dei problemi nell'intestino, ma spesso si manifestano come ansia o depressione.


Il vago, tuttavia, è un canale a due vie e il cervello può rispondere all'intestino, influenzando gli ormoni e il sistema immunitario. Quindi, ancora una volta, l'avanti e indietro rende difficile mostrare causalità.


Questi problemi non sono dovuti a difetti sperimentali; sono intrinseci al modo in cui il microbioma ha preso la residenza nel nostro corpo. C'è una circolarità essenziale per la nostra convivenza con i microbi. Quel ciclo può essere virtuoso o vizioso. E nel bene e nel male, è abbastanza stabile.


Tuttavia, è ancora possibile interrompere il ciclo. Mentre è difficile bloccare il sistema immunitario, è facile far deragliare il microbiota: smettere semplicemente di nutrire i batteri cattivi e iniziare a nutrire quelli buoni. Ciò significa ridurre lo zucchero dalla dieta e sostituire con la fibra prebiotica. Nel giro di pochi giorni, l'ecologia dell'intestino dovrebbe diversificarsi e diventare più sana.


I batteri che consumano le fibre producono butirrato, una piccola molecola che nutre e guarisce il rivestimento intestinale, tamponando le perdite. Con i batteri a cui appartiene, il sistema immunitario ridurrà la sua attività e i tuoi preziosi tessuti non saranno più sotto attacco.

 

In sintesi

In biologia, niente è semplice. L'evoluzione funziona stratificando continuamente nuove funzionalità sul telaio esistente. Il concetto di reclutare il tuo insieme di microbi per proteggerti da altri microbi è un perfetto esempio di questa tendenza.


La biologia è complessa perché il mondo è pieno di novità e in gran parte vorrebbe mangiarti. L'unico modo per tenere il passo è riconoscerlo e seguire la corrente, non contro di essa. Non ci sono garanzie nella vita, ma una dieta ricca di verdure e bacche diverse è un inizio salutare.

 

 

 


Fonte: Scott C. Anderson in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • AW Walker et al. Human microbiome myths and misconceptions. Nat Microbiol, 2023, DOI
  • A Patil et al. Microbiota Modulation: Examining the Effects on ...  Preprints, 2023, DOI
  • T Schneider. The Microbiome Function in a Host Organism: ... Biological Theory, 2023, DOI.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.