Associazione Alzheimer ONLUS

Esperienze e opinioni

Tutto quello che sai dell'Alzheimer è sbagliato?

Nonostante uno scandalo scientifico e farmaci senza successo, i ricercatori hanno fatto passi da gigante andando oltre l'amiloide e hanno mostrato anche il potere della prevenzione.

henry paulsoniMrSquid / Getty Images

Se hai seguito le notizie della ricerca sul morbo di Alzheimer (MA) negli ultimi mesi, potresti trovarti a chiederti cos'altro potrebbe andare storto.


Prima, un nuovo farmaco tanto atteso chiamato Aduhelm ha ottenuto l'approvazione della FDA, ma il suo effetto effettivo sui pazienti era così basso che l'assicurazione [sanitaria pubblica] non intende coprirlo per la maggior parte dei pazienti.


Poi, molti altri farmaci promettenti in sviluppo dalle aziende farmaceutiche sono stati messi da parte o hanno mostrato risultati insoddisfacenti negli studi clinici.


E poi è esploso uno scandalo: sono venute alla luce nuove prove su ricercatori che avevano falsificato delle scansioni in uno studio pubblicato 16 anni fa, uno su cui altri ricercatori si sono affidati e di cui si fidavano mentre facevano il proprio lavoro.


Come sono legati tra loro tutti questi fatti? Sono tutti collegati alla molecola amiloide-beta, la poltiglia che forma le placche che si raggruppano all'esterno delle cellule cerebrali. La molecola su cui si sono concentrati decenni di ricerca come fattore importante nella malattia e sui potenziali trattamenti per invertirla.


Ma in effetti, gli scienziati del Michigan Alzheimer's Disease Center e altrove hanno trascorso anni a cercare oltre l'amiloide le risposte sulle radici della demenza e sui modi per prevenirla o trattarla.


"È vero che l'amiloide ha un ruolo nel cervello e nella demenza, ma il MA è complicato e c'è molto di più di una singola molecola"
, ha detto Henry Paulson MD/PhD (foto), che dirige il centro e sta dedicando da decenni la ricerca del suo laboratorio alla Michigan Medicine, e la sua cura clinica, alla demenza e ad altre malattie neurodegenerative.


L'articolo al centro dello scandalo ha a che fare con una forma specifica di amiloide (AB*56) che è stata presentata come un importante 'oligomero tossico' che incoraggia la formazione di placca. Ma Paulson afferma che lui e molti dei suoi colleghi non ci hanno prestato molta attenzione per molti anni, perché nessun ricercatore è poi riuscito a ottenere gli stessi risultati rivendicati dai ricercatori originali.


"Sono più preoccupato per ciò che questa notizia potrebbe fare alla percezione del pubblico sulla scienza, che per la nostra capacità di fare progressi contro questa malattia"
, ha detto. "Il lungo ritardo nello scoprire la presunta contraffazione non è l'ideale e mostra l'importanza per gli scienziati di parlare e pubblicare risultati anche quando i loro esperimenti non riescono a dimostrare l'affermazione di un'altra squadra".


La pubblicazione di 'risultati negativi' (studi che non danno buone notizie su un'idea potenzialmente promettente) non è sempre incoraggiata, perché gli scienziati hanno più motivi per lasciare quei risultati sullo scaffale e trascorrere del tempo a scrivere documenti su cose che funzionano.


Ma se nessuno sa che è fallito uno sforzo per riprodurre una scoperta scientifica, allora altri scienziati potrebbero far girare le ruote guidando lungo un vicolo cieco. Paulson nota che è ancora importante studiare la proteina che viene tagliata o scissa, realizzando diverse forme di amiloide-beta, e le conseguenze di tale processo.


Ma non è del tutto sorpreso che l'Aduhelm (il farmaco molto discusso che ha ottenuto l'approvazione l'anno scorso) non sia riuscito a produrre un effetto considerevole anche nei pazienti in cui è stato testato. Il farmaco non è disponibile nelle cliniche o negli ospedali di Michigan Medicine, e Medicare copre il suo costo elevato solo per le persone che prendono parte a studi clinici.


Gli altri farmaci in cantiere che puntano l'amiloide-beta dovrebbero essere esaminati attentamente prima di dare qualsiasi approvazione, aggiunge.

"Crediamo che debba essere prestata molta più attenzione ad altri fattori e alle proteine che sottendono varie demenze, che vanno dai fattori ambientali, al sistema immunitario, a molecole specifiche come la tau, l'altra proteina caratteristica del MA", ha spiegato. "A mio avviso, la storia dell'Aduhelm sottolinea l'importanza di continuare a cercare altri obiettivi terapeutici nel MA e nelle demenze correlate".


Puntare l'amiloide per trovare trattamenti potrebbe essere come cercare di sellare un cavallo che ha già lasciato la stalla, dice, quando le placche iniziano a formarsi è già successo troppo nel processo della malattia perché un trattamento possa fare la differenza.


Lavorare a monte nel processo e fare di più con gli strumenti moderni per comprenderlo, studiando le persone nelle prime fasi della perdita di memoria, potrebbe rivelarsi più importante. Ecco perché il Michigan Alzheimer's Disease Center è sempre alla ricerca di persone che prendono parte agli studi che coinvolgono tutto, dalle scansioni cerebrali alle indagini. Chiunque desideri essere coinvolto può iniziare il processo facendo un'indagine iniziale.


Il MA e le altre forme di demenza sono malattie complicate e probabilmente derivano da molteplici cose che vanno male nel cervello nel tempo, non c'è solo una molecola canaglia, spiega Paulson. Quindi potrebbe finire che dobbiamo trattare i pazienti con più strategie contemporanee, puntando diversi aspetti della malattia, proprio come si fa con il cancro o l'HIV.


Ma nel frattempo, la ricerca ha già mostrato un altro importante effetto a monte di cui molte persone potrebbero non rendersi conto, afferma Paulson. Ci sono molte prove che gli adulti di mezza età e gli anziani che vogliono ridurre il rischio di demenza o rallentarne l'inizio, dovrebbero concentrarsi su abitudini sane come il sonno, l'alimentazione, l'esercizio, l'impegno sociale e il controllo della pressione sanguigna e del colesterolo. Anche il ruolo dell'educazione e dell'apprendimento permanente, sia informale che formale, è chiaro.


"Se hai 70 anni, non posso dirti di tornare indietro nel tempo e mangiare più sano o aumentare gli anni di scuola, ma posso dirti di fare di più per dormire bene la notte il più spesso possibile e per connetterti socialmente con altre persone"
, ha affermato Paulson, professore di neurologia.


Per i milioni di famiglie che oggi si occupano della demenza di una persona cara, la speranza di nuovi trattamenti può sembrare una debole luce all'orizzonte, che si sta dissolvendo mentre la persona cara avanza nella malattia. Ecco perché è importante concentrarsi anche sul sostegno ai caregiver e sulla comprensione delle loro esigenze, attraverso la ricerca che potrebbe avere un impatto sulla copertura pubblica e assicurativa, un altro obiettivo dei programmi e della ricerca del centro.


La ricerca richiede tempo, un fattore che potrebbe mancare ai pazienti di oggi. Ma con l'aiuto di pazienti e famiglie disposte a rendersi disponibili per studi di ricerca, compresi i test di nuovi farmaci, questa ricerca può avanzare più rapidamente, con salvaguardie per assicurare che il processo sia sicuro e sincero.

 

 

 


Fonte: Kara Gavin in University of Michigan (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 



Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...
We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.