Iscriviti alla newsletter

Bioma intestinale, invecchiamento e neurodegenerazioni

microbiome

L'anno scorso, ho pubblicato un post che descriveva il ruolo del tuo bioma intestinale nello sviluppo dei disturbi dell'umore e dell'ansia. Da allora sono emerse ricerche interessanti sul ruolo del bioma intestinale nello sviluppo di malattie neurodegenerative come Parkinson e Alzheimer.


Questi sono risultati entusiasmanti, perché possono contribuire a trovare dei modi per trattare queste malattie tragiche e irreversibili attraverso la manipolazione dell'ambiente intestinale. Questo articolo parlerà del ruolo dell'intestino nella funzione immunitaria e di come si verificano cambiamenti nel microbioma con l'invecchiamento normale. Un post futuro discuterà della relazione tra il bioma intestinale e le malattie neurodegenerative.


Il legame tra il cervello e il tuo intestino è intimo ed è iniziato molto tempo fa quando eri solo un grumo di cellule primitive. In termini semplici, le cellule immature si sviluppano in vari tipi di organi e sistemi di organi. Molto presto nello sviluppo di un embrione, un processo chiamato embriogenesi aumenta una struttura temporanea, la cresta neurale, che dà origine al cervello e al midollo spinale.


La stessa struttura primitiva fornisce le cellule che si sviluppano nel sistema nervoso enterico, chiamato anche 'secondo cervello'. Queste cellule risiedono nelle pareti dell'intestino. C'è una connessione diretta tra il cervello e l'intestino attraverso una struttura chiamata nervo vago. Puoi vederlo come un'importante autostrada in cui il traffico scorre in due direzioni, dal cervello all'intestino e dall'intestino al cervello. I 'poliziotti del traffico' che mediano il flusso di informazioni su questa autostrada includono il sistema nervoso autonomo, nonché nervi sensoriali e ormoni.


Il tuo ambiente intestinale è chiamato bioma. Gli esseri umani possiedono altrettante cellule batteriche delle cellule umane, con oltre 10.000 specie e trilioni di microrganismi. Lo sviluppo iniziale dell'ambiente microbico è avvenuto quando sei stato esposto al microbiota di tua madre durante la nascita. Ci sono differenze nel microbioma del neonato a seconda che il parto sia normale o cesareo. La tua composizione intestinale è relativamente stabile per tutta la vita ed è unica per ogni individuo.


La maggior parte delle persone conosce il ruolo dell'intestino nella digestione e nell'eliminazione, ma sapevi che ha un ruolo enorme nella tua funzione immunitaria? In effetti, il 70% della tua funzione immunitaria complessiva risiede nel tuo intestino. Pertanto, non sorprende che i ricercatori vedano l'intestino come un possibile fattore che contribuisce alle malattie che coinvolgono infiammazione e disregolazione immunitaria.


Il sistema immunitario è costituito da gruppi di cellule, proteine e organi che lavorano insieme per proteggere il tuo corpo da germi, virus, funghi e agenti patogeni. Le cellule immunitarie fungono da prima linea di difesa del corpo: riconoscono, identificano e neutralizzano eventuali sostanze dannose (ambientali o patogene) che possono invadere il tuo corpo e causare danni. Un bioma intestinale ben bilanciato contribuisce a un sistema immunitario sano. Tuttavia, cambiamenti nell'ambiente intestinale possono portare a una situazione chiamata disbiosi, squilibrio nella comunità microbica intestinale associata alla malattia. Come succede?


Ci sono molti fattori che contribuiscono a un bioma sano. Alcuni di noi sono stati fortunati nel vincere la lotteria genetica dei genitori. L'eredità influenza la composizione del tuo intestino come le tue scelte alimentari e lo stile di vita. Tuttavia, nonostante ciò, una disregolazione può insorgere per le seguenti ragioni:

  • Cambiamenti alimentari che includono un aumento di proteine, zucchero o additivi alimentari (alimenti conservati).
  • Eccesso di alcol: in genere 2 o più bicchieri al giorno, ogni giorno.
  • Scarsa igiene dentale: la malattia dentale non trattata può portare a una crescita eccessiva di batteri malsani che possono permeare l'intestino.
  • Uso di antibiotici: oltre al trattamento dei patogeni offensivi, gli antibiotici possono uccidere i batteri buoni nell'intestino, portando a una crescita eccessiva di quelli dannosi. L'assunzione di probiotici può mitigare il danno potenziale.
  • Alti livelli di stress che portano all'ansia possono indebolire il sistema immunitario.
  • L'uso di sostanze contenenti nicotina (incluso lo svapo, o vaping).
  • Invecchiamento normale.

 

Invecchiamento e funzione intestinale

Il tuo microbiota intestinale si diversifica gradualmente una volta che sei introdotto ai cibi solidi da bambino e tende a rimanere abbastanza stabile nell'età adulta. Tuttavia, dopo i 65 anni, la diversità del microbiota intestinale inizia generalmente a diminuire, come pure la percentuale di microbi benefici. Invece, aumentano i ceppi precedentemente non dominanti e potenzialmente infiammatori. Ciò ha implicazioni per il sistema immunitario ed è stato collegato a malattie degenerative che insorgono più di frequente con l'età più avanzata.


Questi fatti sono stati accertati da ricercatori del Cedar Sinai Medical Center di Los Angeles in uno studio del 2021 che ha esaminato campioni di intestino prelevati da pazienti da 18 a 80 anni di età che erano sottoposti a endoscopie diagnostiche. I loro risultati hanno mostrato che l'invecchiamento era correlato a cambiamenti nei batteri intestinali. I soggetti più anziani avevano più specie di batteri legati ai patogeni umani e avevano una riduzione complessiva della diversità batterica.


Tuttavia, non tutti i cambiamenti che avvengono nell'intestino con l'invecchiamento sono dovuti all'età stessa. Nello stesso studio, i ricercatori hanno determinato la quantità di antibiotici assunti da ciascuno dei partecipanti allo studio. Hanno scoperto che la quantità di antibiotici assunti da ciascun paziente era legata positivamente (=direttamente) a una divergenza nella loro popolazione intestinale, in modo indipendente dalla loro età cronologica. I pazienti con più condizioni di salute sottostanti, che avevano assunto maggiori quantità di antibiotici nel corso della vita, avevano un aumento dei batteri Klebsiella, che sono legati alle infezioni acquisite in ospedale.


Inoltre, i biomi intestinali degli anziani residenti in diverse parti del mondo sono diversi. Ciò è influenzato dal clima, dalle tradizioni e dalla cultura. Una ricerca condotta in Giappone ha esaminato un gruppo di anziani con un'età media di 107 anni e ha scoperto che il loro bioma intestinale ha una composizione distinta, arricchita da composti che avevano proprietà antimicrobiche reali. In generale, gli studi sugli ultracentenari riferiscono che i loro microbiomi sono molto diversi dalla popolazione anziana media. Hanno microbi più benefici che rafforzano il rivestimento intestinale e aiutano a mantenere una massa corporea magra.

 

Fattori che influenzano un bioma intestinale più robusto negli anziani

  • Dieta: "Sei quello che mangi" ha un significato speciale quando si tratta di stabilire un bioma intestinale sano per tutta la vita e in età avanzata. Oltre alla composizione genetica, il tuo ambiente fisico (esposizione alle tossine), la storia dei farmaci assunti e la dieta, hanno un ruolo importante nel determinare quali tipi di microbi risiedono nell'intestino. Una dieta ad alto contenuto di fibre porta a un processo che si traduce nella formazione di acidi grassi a catena corta (AGCC), che creano un ambiente intestinale sfavorevole per batteri potenzialmente dannosi. Recenti ricerche sugli AGCC hanno esaminato i loro effetti ad ampio raggio sulla salute, incluso il potenziale di stimolare l'attività delle cellule immunitarie e mantenere i normali livelli ematici di glucosio e colesterolo.

  • Esercizio: l'esercizio fisico moderato ha effetti positivi sulla salute degli atleti medi, come una riduzione dell'infiammazione e un miglioramento della composizione corporea. Crea anche cambiamenti positivi nella composizione del microbiota intestinale e nei prodotti di scomposizione dei microbi prodotti nel tratto gastrointestinale. Il dott. Jacob Allen, ricercatore dell'Università dell'Illinois, ha pubblicato su Medicine and Science in Sports and Exercise i risultati di uno studio su 32 adulti che non si esercitavano regolarmente. La metà di loro era obesa, la metà aveva peso normale. Ha fatto fare a entrambi i gruppi 6 settimane di esercizio fisico gradualmente più intenso da 30 a 60 minuti, tre volte alla settimana, seguite da 6 settimane di pausa. I campioni di sangue e feci sono stati analizzati in tre punti nel tempo; prima dell'inizio, alla fine delle 6 settimane di allenamento e dopo le 6 senza esercizio fisico. I risultati hanno mostrato che dopo 6 settimane di allenamento, tutti i soggetti avevano più microbi sani che producono AGCC. Dopo 6 settimane senza esercizio fisico, tutti gli ambienti intestinali dei partecipanti erano tornati allo stato iniziale.

  • Nicotina: il fumo di sigaretta e il tabacco non da fumo sono associati ad alterazioni del bioma intestinale. Uno studio pubblicato nel 2018 sul Journal of Clinical Medicine ha seguito oltre 700 volontari maschi che non avevano mai fumato, avevano fumato in passato o fumavano in quel momento. I ricercatori hanno raccolto campioni fecali di ciascun partecipante al momento dell'esame fisico annuale in un centro sanitario. I ricercatori hanno scoperto che i fumatori correnti avevano una percentuale più elevata di batteri patogeni nell'intestino rispetto ai non fumatori e agli ex fumatori. Tuttavia, la composizione del microbiota intestinale tra chi non aveva mai fumato e gli ex fumatori non mostrava differenze significative. Ciò suggerisce che se i fumatori smettono di fumare, è probabile che la composizione del microbiota intestinale ritorni allo stato pre-fumo, il che è una notizia molto promettente.

 

 

 


Fonte: Susan Trachman MD, psichiatra, prof.ssa associata alla George Washington University e alla Virginia Commonwealth.

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. JM Allen, et al. Exercise Alters Gut Microbiota Composition and Function in Lean and Obese Humans. Journal of Medicine and Science, 2018, DOI
  2. Su Hwan Lee, et al. Association between Cigarette Smoking Status and Composition of Gut Microbiota: Population-Based Cross-Sectional Study. Journal of Clinical Medicine, 2018, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.