Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Quello che scegli di mangiare influenza il tuo benessere mentale

fridge bowl packing food

Ricordi quel vecchio detto 'Sei quello che mangi'? Si è scoperto che quel detto è parzialmente vero. La salute fisica, e più specificamente la tua alimentazione, influenzano la salute mentale in una miriade di modi.


Esistono crescenti prove scientifiche che la dieta ha un ruolo nella salute mentale, nonché nelle malattie croniche come il diabete e le malattie cardiache. Troppo caffè, ad esempio (o troppo di qualsiasi stimolante), può aumentare l'ansia; troppi cibi altamente trasformati sono associati a sintomi depressivi.


Sempre più professionisti della salute mentale sono consapevoli del potere della dieta, al punto che i medici stanno ora considerando il cambiamento di dieta come un modo legittimo per aiutare a trattare la depressione.

 

Infiammazione e cervello

Che tipo di dieta propongono medici, dietisti e nutrizionisti per aiutare la depressione? La ricerca mostra che coloro che sono depressi tendono ad avere livelli più alti di infiammazione nel corpo [1] [2]. Le diete che riducono l'infiammazione hanno dimostrato di ridurre i sintomi della depressione [3].


Una dieta pro-infiammatoria, al contrario, ha dimostrato di avere un impatto sulla salute e sul funzionamento cognitivo. L'infiammazione è una risposta naturale e protettiva, ma l'infiammazione prolungata può causare danni ai tessuti. Gli studi hanno collegato l'infiammazione (una risposta immunitaria a lesioni, agenti patogeni, irritanti o stress ossidativo) al declino cognitivo e alla demenza [4] [5]. La neuroinfiammazione, il tipo di infiammazione che colpisce specificamente il cervello, nel tempo, si associa al rischio di demenza e patologia cardiovascolare, incluso l'ictus [6] [7].


Date queste prove, molti esperti suggeriscono che i pazienti mangino cibi che hanno proprietà antinfiammatorie. Fortunatamente, molti modelli dietetici popolari si concentrano su alimenti con proprietà antinfiammatorie, compresa la dieta mediterranea, la dieta paleo, la dieta cheto, quella vegetariana e la dieta toscana.


Forse non vuoi iniziare una dieta completamente nuova. Fortunatamente, ci sono alcuni cibi che hanno individualmente proprietà antinfiammatorie, che puoi integrare nella dieta esistente: cereali integrali, verdure, pesce, noci, frutta, legumi, oli, semi e soia. Se nessuno di questi cibi ti sembra attraente, va bene, ma tieni presente che ci sono gravi conseguenze da una dieta che è principalmente costituita da alimenti pro-infiammatori.

 

Il ruolo dello stress

Anche lo stress può essere correlato a cattive abitudini alimentari e al successivo peggioramento della salute mentale, il tutto attraverso il circolo vizioso dell'alimentazione emotiva.


Se sei stressato, mangiare cibi altamente elaborati o zuccherati - le cose che tutti bramiamo, ma sappiamo che non fanno bene - può aiutare con lo stress nel momento. Ma fornisce solo un sollievo temporaneo. Prima o poi, lo stress ritorna, così come il desiderio di un sollievo immediato.


Continuiamo a mangiare e mangiare, ma lo stress rimane. Lo stress non solo rende una persona più incline a mangiare cibi trasformati, ma anche ne riduce le probabilità di mangiare frutta e verdura [10]. Questa è una ricetta per aumentare l'infiammazione, peggiorare la salute mentale e rafforzare le cattive abitudini alimentari.


Può diventare un circolo vizioso di depressione o ansia, mangiare cibi pro-infiammatori e sentirsi ancora più depressi e ansiosi. Uno si nutre nell'altro. È necessario rompere il ciclo da qualche parte nella catena di causalità. Rompere il ciclo in uno dei due legami (cattiva alimentazione o cattiva salute mentale) può reindirizzare il ciclo verso un esito migliore.


Diciamo, ad esempio, che ti senti depresso o ansioso e vuoi "mangiare i tuoi sentimenti". Prova invece a immaginarti che fai uscire il desiderio (ad esempio, impegnarti in un'alimentazione emotiva): ciò può aiutarti a capire che potresti sentirti bene nel momento, ma a lungo termine è probabile che ti faccia sentire peggio. Fare un tale esercizio può cambiare il tuo comportamento nel momento, portandoti invece a mangiare cibo sano o praticare un po' di cura di sé.


La rottura del ciclo può anche funzionare in altri punti di partenza. Ad esempio, supponiamo che tu abbia già fatto delle scelte alimentari malsane. È ovvio che il tuo corpo reagirà e sarà inondato di infiammazione, potenzialmente peggiorando il tuo umore.


Anche se non puoi annullare ciò che è stato fatto, puoi comunque riprenderti riconoscendo le scelte che hai fatto con il cibo e praticando la cura di sé per la tua salute mentale. Questo può aiutare a rompere il ciclo, perché aiutarti a sentirti meglio ora può aumentare la probabilità che in futuro tu faccia scelte alimentari migliori. Comprendi il tuo ciclo e sviluppa le strategie e le capacità per far fronte come piano di emergenza per quando sei in difficoltà.


Se hai lottato con problemi di salute mentale, prenditi un momento e rifletti sulle tue scelte e abitudini alimentari. Ad alcuni, tale suggerimento può sembrare con poco senso, ma se non sei stato in grado di fare molti progressi, la dieta potrebbe essere una variabile che non hai ancora considerato.

 

 

 


Fonte: Dan Bates in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. Goldsmith et al. A meta-analysis of blood cytokine network alterations in psychiatric patients: Comparisons between schizophrenia, bipolar disorder and depression. Molecular Psychiatry, 2016, DOI
  2. Dowlati et al. A meta-analysis of cytokines in major depression. Biological Psychiatry, 2010, DOI
  3. Miller et al. The role of inflammation in depression: from evolutionary imperative to modern treatment target. Nature Reviews Immunology, 2016, DOI
  4. Sartori et al. The impact of inflammation on cognitive function in older adults: implications for health care practice and research. The Journal of Neuroscience Nursing, 2012, DOI
  5. Godbout et al. Age and neuroinflammation: a lifetime of psychoneuroimmune consequences. Neurologic clinics, 2006, DOI
  6. Blasko et al. How chronic inflammation can affect the brain and support the development of Alzheimer's disease in old age: the role of microglia and astrocytes. Aging Cell, 2004, DOI
  7. Kuo et al. Relation of C-reactive protein to stroke, cognitive disorders, and depression in the general population: systematic review and meta-analysis. The Lancet. Neurology, 2005, DOI
  8. Flegal et al. Prevalence and trends in obesity among US adults, 1999-2000. Jama, 2002, DOI
  9. Malnick et al. The medical complications of obesity. Journal of the Association of Physicians, 2006, DOI
  10. Papier et al. Stress and dietary behaviour among first-year university students in Australia: sex differences. Nutrition, 2015, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.