Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Differenze culturali nella comprensione dell'Alzheimer

age standardised prevalence dementias 2016

'Demenza' è un termine generale usato per definire una sindrome la cui causa sottostante è una malattia nel cervello, cronica o graduale in natura. Implica la compromissione di varie funzioni corticali ed esecutive più elevate, tra cui memoria, pensiero, orientamento, comprensione, calcolo, capacità di apprendimento, linguaggio e giudizio.


Sebbene lo stato di coscienza non sia influenzato, si nota un deterioramento del controllo emotivo, del comportamento sociale o della motivazione. Il morbo di Alzheimer (MA) è stato visto in gran parte come una condizione neuro-psicologica; quindi, si è ipotizzato che sia universale in tutte le popolazioni colpite, indipendentemente dalla loro cultura.


L'antropologo Politt è stato uno dei primi ricercatori a sottolineare la mancanza di ricerche relative alle implicazioni socioculturali del MA. Ha incoraggiato i ricercatori a mettere in discussione l'impatto delle esperienze (positive e negative) che portano alla vecchiaia e alla loro relazione con la demenza più avanti nella vita.


Le sue affermazioni sono state supportate dalla ricerca che mostrava che le persone che erano state trascurate, o che avevano avuto cure minime, erano più inclini al MA. Un'ulteriore indicazione della cultura come determinante importante deriva da uno studio che ha valutato la sua influenza sui fattori cognitivi attraverso uno strumento psicologico standardizzato. Qui, trascurare l'uso del linguaggio e degli esempi adatti alla cultura nella valutazione del MA può portare a errori di misurazione.


Allo stesso modo, lo strumento più usato per testare il deterioramento cognitivo, vale a dire il Mini-Mental Status Examination (MMSE), è stato sottoposto a controllo. Uno studio comparativo che ha testato pazienti bianchi e afroamericani con MA ha mostrato che la soglia del MMSE era distorta verso l'identificazione del MA nei bianchi rispetto agli afroamericani.


Una soluzione a questo errore di misurazione sarebbe non fare affidamento esclusivamente su questi strumenti di individuazione distorti, ma di elaborare batterie neuropsicologiche che coinvolgono compiti come il tracciamento, garantendo che i test siano equi con le culture. Un'altra soluzione sarebbe garantire l'armonizzazione, ovvero garantire che lo strumento impiegato per la diagnosi corrisponda alle caratteristiche della popolazione in termini di lingua e cultura.


Un altro fattore determinante che media la relazione tra cultura e MA sono le credenze sulla salute relative al MA. Ad esempio, una ricerca mostra che gli afroamericani vedono la malattia come una minaccia più piccola rispetto ai bianchi. Spesso credono che la perdita di memoria, le menomazioni cognitive e le difficoltà esecutive siano il risultato del normale invecchiamento, della volontà di Dio o del destino. Questa convinzione influisce ulteriormente su quanto aiuto cercano.


Inoltre, un'altra area in cui la cultura sembra avere un ruolo minore è nei modelli di prevalenza della demenza tra le culture diverse. Gli studi dimostrano che il MA è diagnosticato in modo più evidente nei paesi occidentali rispetto alla demenza di tipo vascolare, che viene diagnosticata più di frequente nei paesi asiatici, ad eccezione della Corea, che sembra seguire il modello dei paesi occidentali.


Un altro studio sulla comprensione della relazione tra razza, prevalenza di MA e percezione del rischio ha indicato che gli afroamericani non sono consapevoli di avere maggiori probabilità di sviluppare il MA rispetto ai bianchi. Inoltre, a seguito della percezione compromessa del rischio negli afroamericani, anche la loro capacità di cercare aiuto è influenzata.


I ricercatori hanno quindi suggerito di tenere conto di questi pregiudizi culturali e sviluppare un modello equo per le culture, per quanto riguarda la valutazione e l'intervento. Uno studio del 1996 condotto su partecipanti australiani di origine inglese e non inglese ha mostrato che il MA è gestito in modo diverso tra questi due gruppi. I risultati mostrano che i pazienti di lingua non inglese erano poco riferiti [ai professionisti per la diagnosi] e, se riferiti, in gran parte si invitava a collocarli in una casa di cura, indicando che la loro diagnosi veniva fatta in una fase successiva della malattia.


Al fine di fornire un diritto uguale all'assistenza sanitaria, è indispensabile reclutare coorti di ricerca non bianche e identificare i fattori di rischio che contribuiscono al MA in questi gruppi. È essenziale tenere a mente l'opinione di Luria secondo cui le capacità cognitive sono legate alla cultura e misurarle, stimarle e trattarle da quel contesto non è molto utile.


Inoltre, si pensa che essere altamente istruiti possa ritardare l'insorgenza del MA, ingrandendo la riserva cognitiva. Il modello di riserva cognitiva si riferisce alla capacità della funzionalità cerebrale di rimanere resiliente in presenza della neuropatologia di MA. In breve, si può concludere che la riserva cognitiva del cervello aiuta ad affrontare la sintomatologia del MA, e quindi una riserva più forte aiuta a preservare meglio le funzioni cerebrali in presenza di MA rispetto a una riserva debole.


Una riserva cognitiva forte si acquisisce con una istruzione superiore e quindi qualsiasi sistema educativo della società ha un ruolo essenziale nella gestione dei sintomi del MA. Infine, l'acculturazione è risultata essere un fattore che contribuisce al MA, ma l'associazione è più debole. D'altra parte, le esperienze soggettive di discriminazione, isolamento sociale e contatti sociali / rete insufficienti sembrano influenzare significativamente le capacità cognitive compromesse nel MA.


È stata anche osservata una variazione geografica per quanto riguarda la prevalenza della demenza. Ad esempio, la ricerca che comprende le culture asiatiche mostra che a Singapore la prevalenza della demenza è più bassa tra indiani e malesi rispetto ai cinesi nativi.


Come evidente dalla crescente ricerca sulle basi culturali del MA, molto è ancora sconosciuto e frainteso. Al fine di ottenere un piano olistico per gestire il MA negli individui, è della massima importanza che ci basiamo sulla comprensione culturale del MA e ci adattiamo alle persone di culture diverse con sensibilità culturale.

 

 

 


Fonte: Urvi Mange (assistente di ricerca, Monk Prayogshala/India) in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.