Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Venerare il cervello e trascurare il corpo: quali conseguenze?

neuroscience brain

L'enfasi scientifica sul cervello è stata inglobata nella nostra cultura per millenni. Il mondo occidentale, anche prima della civiltà greca, è sempre stato patriarcale, dando origine a una struttura sociale gerarchica. Lo stesso sistema verticale è stato adottato inconsciamente in medicina e nelle scienze in generale. Il cervello è glorificato, posto in cima, come un re su un trono, mentre il resto degli organi come il cuore, il fegato, ecc., sono sotto, così come altri tessuti e cellule.


Medici e scienziati che lavorano nel campo medico spesso pensano al corpo come a un sistema di comunicazione rigorosamente a senso unico, principalmente dall'alto verso il basso e dal basso verso l'alto. Quest'ultimo è di solito percepito come negativo, non dandoci altro che problemi come ulcere duodenali o attacchi di cuore. Aggiungi a questo la visione cinica della chiesa sui genitali ed esiterai a passare troppo tempo a contemplare i chakra inferiori.

 

Implicazioni

Non sorprende quindi che uno dei principali ostacoli ai progressi nel trattamento di molte malattie sia la mancanza di riconoscimento da parte di medici, scienziati e in particolare, ricercatori nell'industria farmaceutica, che il cervello, il cuore e l'intestino non funzionano separatamente l'uno dall'altro. Citerò alcune ricerche recenti per dimostrare ciò che intendo.


Le placche aterosclerotiche sono depositi di colesterolo, tessuto fibroso e cellule immunitarie che si formano sul rivestimento interno delle arterie. Queste placche soffocano progressivamente il lume delle arterie, diminuendo la quantità di nutrienti e ossigeno che possono raggiungere i tessuti corporei. Attacchi di cuore, ictus e problemi circolatorie periferici sono tra le conseguenze note. Negli ultimi decenni, nessuno si è chiesto se esiste una connessione diretta tra l'arteria tappata e il cervello. Di recente, Saraj K Mohanta e il suo team della Ludwig-Maximilians University di Monaco, si sono fatti questa domanda e hanno scoperto che l'aterosclerosi è più che semplice placca. In effetti, è una malattia infiammatoria cronica dell'intera arteria. Il sistema nervoso periferico risponde a tale infiammazione e invia segnali al cervello. Il cervello elabora i segnali e invia un segnale di stress al vaso sanguigno infiammato, rafforzando l'infiammazione e provocando un aumento della placca. Questo circuito di comunicazione precedentemente sconosciuto tra le arterie e il cervello è potenzialmente di enorme significato e rappresenta una comprensione completamente nuova dell'aterosclerosi.


Ed ecco un altro esempio, ancora sulle placche ma questa volta le placche amiloidi di Alzheimer. Secondo uno studio di John Mamo della Curtin University di Bentley / Australia, apparso su PLOS Biology, la proteina amiloide prodotta nel fegato può causare neurodegenerazione nel cervello. Poiché si ritiene che la proteina contribuisca in modo cruciale allo sviluppo dell'Alzheimer, i risultati suggeriscono che il fegato può avere un ruolo importante nell'insorgenza o nella progressione della malattia. Se questo è il caso, piuttosto che concentrare tutte le ricerche sul cervello, non potrebbe essere più gratificante trovare il modo di impedire al fegato di produrre le placche amiloidi o almeno distruggere la proteina amiloide mentre entra nella circolazione, ovvero, prima che raggiunga il cervello?


Gli scienziati dell'Università del Sud Australia hanno scoperto un legame tra malattia mentale e pressione sanguigna ampiamente fluttuante, che può portare a malattie cardiovascolari e danni agli organi. Questi risultati possono avere implicazioni importanti per i pazienti che soffrono di malattie mentali, evidenziando la necessità di una riduzione completa del rischio cardiovascolare.


C'è una quantità in rapida crescita di prove che mostrano la misura in cui il microbioma (la somma di tutti i batteri e i virus che risiedono nel tratto gastrointestinale) interagisce praticamente a tutti i livelli di complessità, che vanno dalla comunicazione diretta cellula-cellula a una vasta segnalazione sistemica, coinvolgendo vari organi e sistemi di organi, incluso il sistema nervoso centrale. Inoltre, questi batteri producono metaboliti che supportano un'ampia varietà di importanti funzioni nel corpo.


Più di 40 milioni di americani assumono statine, il tipo più comune di farmaco da prescrizione. Anche se è stato dimostrato che le statine abbassano efficacemente i livelli di colesterolo e riducono i rischi di ictus e infarto, non funzionano allo stesso modo per tutti. Ricercatori dell'Institute for Systems Biology di Seattle hanno scoperto che la composizione e la diversità del microbioma intestinale sono predittive dell'efficacia delle statine e dell'entità degli effetti collaterali negativi.


Oltre 250 milioni di americani vivono con la depressione. Sfortunatamente, i farmaci usati per trattare la depressione uccidono anche batteri intestinali benefici, e questo può causare effetti collaterali spiacevoli, come nausea, vomito o diarrea. Le persone possono persino smettere di assumere i farmaci a causa di questi effetti. In un nuovo studio pubblicato su Scientific Reports, gli scienziati hanno esaminato le proprietà antimicrobiche di diversi farmaci antidepressivi sui microbi intestinali comuni. Gli studi che continuano questa ricerca potrebbero consentirci di ridurre al minimo questi spiacevoli effetti collaterali. L'esame dei batteri intestinali di una persona potrebbe anche consentire ai medici di selezionare il trattamento antidepressivo ideale.


A seconda del microbioma di una persona, alcuni farmaci possono dare benefici, altri no. Senza dubbio, valutare il microbioma di un individuo prima di iniziare il trattamento sarà un importante test di laboratorio in futuro.

 

Pensieri finali

Penso che sia indispensabile per la scienza, comprese le scienze della salute, adottare un atteggiamento più sfumato e non binario nei confronti del cervello e di altri organi, tessuti e cellule. Il contrario non farà che bloccare la ricerca, l'immaginazione e la curiosità degli scienziati e la scoperta di trattamenti nuovi e migliori per molte malattie fisiche e mentali.

 

 

 


Fonte: Thomas R. Verny MD, scrittore, ha insegnato all'Università di Harvard, all'Università di Toronto, alla York University e all'Università di St. Mary del Minnesota

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • Y Ait Chait et al. Unravelling the antimicrobial action of antidepressants on gut commensal microbes. Scientific reports, 2020, DOI
  • AL Gillespie et al. Associations between statin use and negative affective bias during COVID-19: an observational, longitudinal UK study investigating depression vulnerability. Biological psychiatry, 2022, DOI
  • V Lam et al. Synthesis of human amyloid restricted to liver results in an Alzheimer disease–like neurodegenerative phenotype. PLoS Biology, 2021, DOI
  • SK Mohanta et al. Neuroimmune cardiovascular interfaces control atherosclerosis. Nature, 2022, DOI
  • TM Wilmanski et al. Heterogeneity In statin responses explained by variation in the human gut microbiome. medRxiv, 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.