Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Come usare il supermercato per migliorare la salute del cervello

at the grocery Foto: Andres / Getty

La spesa al supermercato può essere sorprendentemente importante quando si tratta di salute del cervello. Perché? Il cibo che acquistiamo nel negozio di alimentari si trasforma nei mattoni fisici del nostro cervello. Si trasforma in neurotrasmettitori che influenzano l'umore e i pensieri. Influenza la connessione cervello-intestino, l'infiammazione e molti altri percorsi legati direttamente alla salute del nostro cervello.


Sfortunatamente, la maggior parte dei prodotti in vendita nei negozi di alimentari non fa alcun favore alla salute del nostro cervello e, in realtà, può contribuire a un rischio maggiore di malattie cerebrali come la depressione e l'Alzheimer. Ecco perché chiunque voglia proteggere e migliorare la salute del cervello deve avere un piano per la spesa. Di seguito tre considerazioni tra le più importanti.

 

1. Dai priorità ai nutrienti cruciali che potenziano il cervello

Le evidenze suggeriscono che alcuni alimenti e nutrienti possono avere un enorme valore per la salute cerebrale (sono talvolta chiamati 'supercibi'). Quando si tratta del cervello, alcune delle migliori ricerche riguardano dei nutrienti chiave e gli alimenti che li contengono in quantità elevate. Questi includono fitonutrienti (nutrienti vegetali come gli antiossidanti), fibre amichevoli con l'intestino, grassi omega-3, vitamine e minerali chiave. Ecco la tua mappa del tesoro per scegliere alcuni cibi superstar ricchi di questi nutrienti.

  • Fitonutrienti: questi nutrienti vegetali sono legati alla salute immunitaria, al benessere metabolico e ai risultati del cervello. Sono ampiamente disponibili in frutta e verdura, tè, caffè, spezie ed erbe. Cerca frutta e verdura colorate (i mirtilli sono un'ottima scelta), prova alcune nuove erbe e spezie e cerca caffè e tè senza zucchero aggiunto.

  • Fibre amichevoli con l'intestino: con la connessione cervello-intestino ora al centro delle conversazioni sulla salute del cervello, considera di sostenere il tuo intestino con fonti di fibra uniche, come patata messicana (o jicama), tarassaco (taraxacum), cipolle, topinambur (o carciofo di Gerusalemme, girasole del Canada, rapa tedesca o elianto tuberoso), porri e aglio.

  • Grassi omega-3: questi sono cruciali per la struttura e la funzione del cervello. Si trovano nei semi di chia e nelle noci, ma i più importanti tendono ad essere nel pesce: salmone selvatico, acciughe, sgombro o aringhe.

  • Zinco, magnesio e vitamine B: questi minerali e vitamine chiave sono legati al benessere cerebrale. Considera di aggiungere al carrello alcuni semi (quelli di zucca sono fantastici) e la frutta a guscio, come noci o mandorle, per ottenere una dose solida di questi micronutrienti. Se stai cercando di spendere senza limiti, anche i crostacei sono un'ottima fonte.

 

2. Scambia cibi trasformati con alternative integrali

La principale fonte di calorie degli americani è costituita dai cereali; i più comuni sono grano, mais e riso, spesso in forme fortemente trasformate che rimuovono i nutrienti chiave e si convertono rapidamente in zucchero dopo la digestione.


Aggiungi lo zucchero raffinato che si mescola alla maggior parte dei cibi ed è facile vedere che, in peso, la maggior parte dei prodotti che riempiono i corridoi del negozio sono ricchi di ingredienti trasformati collegati all'infiammazione e alla salute metabolica peggiore: due fattori chiave che possono danneggiare la salute del cervello.


L'alternativa a questi prodotti fortemente modificati è ciò che ti aspetteresti: scegliere cibi integrali con una lavorazione minima. Ciò include l'intera gamma di frutta e verdura, pollame, pesce, carne, noci, semi e spezie, ma con alcune avvertenze.


Primo, è probabile che in termini di salute del cervello, quasi qualsiasi frutto o verdura veri sono una scelta migliore di uno 'snack (spuntino) alla frutta' o di patatine aromatizzate con un pizzico di patate vere. Detto questo, esiste una notevole variabilità nella qualità degli alimenti interi.


Idealmente, scegli i prodotti biologici e se stai mangiando prodotti animali, cerca di optare per pesce selvatico, pollo da pascolo e manzo nutrito con erba.

 

3. Non farti distrarre o turlupinare: leggi le etichette del cibo

I produttori di cibi e bevande conoscono la psicologia umana. Usano questa conoscenza per perfezionare i messaggi di marketing e di marchio che ci distraggono dalla spazzatura che spacciano e ci fanno acquistare in base a connessioni a impulsi o emozioni (questo è particolarmente vero per i prodotti rivolti ai bambini).


Un altro modo in cui queste aziende usano la scienza del cervello per farci acquistare i loro prodotti ha a che fare con gli zuccheri aggiunti. Ricerche scioccanti mostrano che circa il 70% degli alimenti e delle bevande nei negozi di alimentari ha zucchero aggiunto, un ingrediente che è stato collegato a tutti i tipi di esiti negativi di salute e che può compromettere direttamente la salute del cervello.


Perché è lì? Per vendere il prodotto. Il nostro cervello adora lo zucchero e tendiamo a farci prendere dai prodotti che ci danno una scossa decente di cose dolci, nonostante le conseguenze a lungo termine.


Se le bevande e gli alimenti del negozio di alimentari sono così ben progettati per distrarci e bloccarci sul cibo-spazzatura dannoso per il cervello, come possiamo reagire? La soluzione migliore è leggere le piccole parole. Su cibi e bevande trasformate è obbligatorio riportare i fatti nutrizionali, e devono indicare chiaramente se c'è zucchero aggiunto. Se c'è, questo è un ottimo motivo per rimetterlo sullo scaffale.


Gli elenchi degli ingredienti possono essere tosti, ma se vedi sciroppo di canna, sciroppo di riso, sciroppo di mais, fruttosio, agave o qualsiasi altro tipo di zucchero, considera di passare oltre. Più in generale, dare la priorità agli alimenti a singolo ingrediente (come frutta, verdura, cereali e carni) che non richiedono elenchi di ingredienti è una grande mossa per il benessere cerebrale.

 

 

 


Fonte: Austin Perlmutter MD (medico di medicina interna) in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.