Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Come impedire all'incertezza di distruggere la tua felicità

happiness peanuts

Dopo tre anni di tentativi infruttuosi di avere un bambino, Janisha* stava entrando nel 2° trimestre di gravidanza. "Quelli erano anni difficili", ha detto. “Ogni mese, avevamo di fronte l'incertezza: avrò il ciclo? Potrebbe essere questo il mese? Che cosa accadrà?" pensavo, quando finalmente ho concepito che tutto ciò sarebbe stato dietro di me. Ma ora siamo tornati nel mezzo dell'incertezza. Avrò un aborto? Va tutto bene con il bambino? Anche se lo faccio a tempo debito, il parto andrà bene? Il bambino starà bene? È maschio o femmina? E, oh ​​sì, sarò una madre decente?"


Ha detto di aver detto a sua sorella maggiore, che ha tre figli, della sua fantasia che una volta nato il bambino, avrebbe tirato un sospiro di sollievo. "Mia sorella ha solo riso", ha detto Janisha. "Ha detto che pensava che l'incertezza sia l'unica costante della genitorialità".


Marc*, che stava attraversando il suo secondo giro di cure per il cancro, è venuto in terapia per avere aiuto con alcuni dei sentimenti dolorosi e confusi che stavano nascendo sulla sua malattia. "Mi sto arrabbiando troppo per troppe cose", ha detto. "Il mio partner mi ha detto che lui è lì per me, non importa per cosa, e che capisce completamente la mia rabbia, ma ha detto che stavo mandando tutti fuori di testa, incluso lui". Marc è rimasto in silenzio per un minuto. "Forse è questo il punto", ha detto. "Non sopporto di non sapere cosa succederà. Forse ho bisogno di allontanare tutti solo per avere qualcosa di cui sono sicuro".


Marc aveva appena individuato qualcosa che i terapeuti spesso hanno difficoltà a far vedere ai clienti: che molti dei nostri comportamenti, spesso senza che lo sappiamo, sono sforzi per proteggerci da sentimenti indesiderati o dolorosi. E l'incertezza è una di quelle emozioni.


Si pensa che Benjamin Franklin abbia detto: "Nulla è certo tranne la morte e le tasse". Ma possiamo allungare quell'elenco. L'incertezza è destinata ad entrare in ogni vita.


Il problema è che a noi umani non piace l'incertezza, che comporta un senso di dubbio, ansia, paura e insicurezza. Quando siamo incerti, spesso esitiamo a prendere decisioni. Ci sentiamo bloccati in quello che uno dei miei clienti ha definito poeticamente 'nebbia di vaghezza'.


La psicologa Pauline Boss scrive nel suo libro Ambiguous Loss (perdita ambigua): “Le persone hanno fame di certezza. Anche sapere per certo che c'è la morte è più benaccetto di un dubbio continuo". Nel suo libro, esplora parte del dolore per la perdita che è incerta o indefinita. Questa può essere la perdita di una persona cara il cui corpo non è mai stato trovato, la perdita di una casa in un disastro naturale o artificiale o la perdita di una patria da cui sei fuggito.


La madre di Erin* aveva l'Alzheimer. "È lì e non lì", mi ha detto Erin. "A volte è il suo vecchio sé. A volte è una persona che non ho mai incontrato. Non so mai chi mi saluterà quando vado a trovarla. E poiché non sappiamo come procederà questa malattia e poiché ha ancora molta chiarezza e capacità di prendere decisioni, non conosciamo il modo migliore per affrontarla. Con i miei fratelli e mia sorella stiamo passando un periodo terribile non sapendo cosa fare e come rendere la sua vita più confortevole. E continuiamo a dire: «Se solo la mamma fosse qui per aiutarci a capire tutto»".


Erin e i suoi fratelli immaginavano che la loro madre potesse aiutarli, come faceva una volta, a trovare una soluzione confidando che fosse quella 'giusta'. Questa, ovviamente, è certezza. Ma in moltissimi casi, non sappiamo quale è la decisione giusta, o non vediamo nemmeno la possibilità di decidere. Siamo lasciati ai capricci del caso, cercando di rimanere a galla nelle acque oscure dell'incertezza.


Ma ci sono alcune cose che puoi fare per aiutare nell'incertezza.

 

1. Riconoscere che l'incertezza spesso è un contenitore di altri sentimenti.

Questi possono includere rabbia, dubbio, preoccupazioni per il futuro, colpa e un profondo e difficile senso di perdita. Dare spazio a queste emozioni può facilitare la convivenza con loro e ti permette di andare avanti, perché, come ci ricorda il brillante monaco buddista Ticht Nacht Han, accettare i sentimenti è uno dei modi migliori per cambiarli.

Janisha mi ha detto che una volta che ha permesso a se stessa di sentire la tristezza e la rabbia degli anni passati, è riuscita anche a gestire con maggiore facilità l'incertezza di essere incinta. "Penso di aver avuto paura di perdere questo bambino, e che avrei potuto ricadere in tutti quei sentimenti terribili. Se posso averli ora, posso ricordare che li ho gestiti. Starò bene, qualunque cosa accada".

 

2. Prendi piccole decisioni ogni volta che puoi.

Marc, ad esempio, ha deciso che si sarebbe semplicemente concentrato su cose come decidere se fare una doccia o un bagno o quando fare un pisolino. "Quelle sono decisioni che posso prendere, anche quando alle grandi domande non so rispondere", ha detto.

 

3. Cerca momenti di gioia e piacere, e apprezzali.

Erin ha scoperto che il senso dell'umorismo di sua madre era improvvisamente sbocciato con la demenza. "Non rideva mai di se stessa", ha detto Erin. “Ora può fare battute sciocche! Mi sorprende sempre. Ma che regalo adorabile da questa terribile malattia!”

 

4. Ascoltati.

Se senti il ​​bisogno di essere solo, onora il tuo desiderio. Ma se ritieni che sarebbe bello connettersi con qualcun altro, trova lo stesso il modo di farlo. Ad ogni modo, non devi concentrarti sulla tua incertezza. Essere soli o stare con gli altri può aiutarti a gestire i tuoi sentimenti senza necessariamente parlare o pensare a loro.

 

5. Parla con un professionista.

L'incertezza fa parte della vita e, di conseguenza, ci sono molte persone che sono qualificate per aiutarti a tollerare e gestire questi sentimenti. Erin e i suoi fratelli si sono consultati con uno specialista di Alzheimer, che ha dato loro utili suggerimenti su come affrontare la fase in cui era attualmente in loro madre, oltre a cercare segni di cui avevano bisogno per agire diversamente. Erin condivideva le sue preoccupazioni con la sua ostetrica, che la rassicurava che erano una parte normale della gravidanza, il che la confortava.

Marc ha scoperto che, mentre riconosceva e controllava la realtà del suo dolore in terapia, era anche in grado di apprezzare momenti genuini di piacere, non solo con il suo partner ma anche con gli altri. "È incredibile quanto siano amorevoli le persone al centro di trattamento", mi ha detto. "Non so come facciano, ma mentre ho questi trattamenti orribili, mi sento anche amato e curato. È un momento piuttosto speciale in un periodo davvero difficile".

 

*Nomi modificati per la privacy

 


Fonte: F. Diane Barth LCSW (psicoterapeuta e insegnante) in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.