Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Covid-19 potrebbe aumentare il rischio di Alzheimer?

Gli studi dimostrano che la SARS-CoV-2 entra nel cervello e può causare danni lì.

Covid19 and brain

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia cerebrale che porta a un declino graduale della memoria, del pensiero e del ragionamento. È un disturbo debilitante che interferisce con la qualità della vita. Le cause esatte di MA sono sconosciute, sebbene alcuni ricercatori abbiano proposto un possibile legame tra MA e malattia infettiva.


La sindrome respiratoria acuta grave da coronavirus 2 (SARS-CoV-2) può accedere al cervello attraversando la barriera emato-encefalica (BBB). Questa barriera protegge il cervello dagli invasori che potrebbero danneggiarlo. Tuttavia, il virus ha evoluto modi intelligenti per penetrare nella BBB.


L'infezione da Covid-19 può causare un'intensa reazione infiammatoria che aumenta la permeabilità della BBB, consentendo a cellule infette, citochine e virus di passare nel cervello. Il virus può entrare nel cervello anche attraverso la cavità nasale e rino-faringea, attraverso i nervi olfattivi e trigemini (rif.1).


Quindi si diffonde dirottando i meccanismi normali del cervello, come l'endocitosi (entrata nelle cellule cerebrali), l'esocitosi (uscita dalle cellule), e si muove all'interno dei neuroni usando il loro sistema di trasporto assonale (l'autostrada che trasporta proteine ​​e importanti molecole lungo la cellula cerebrale).

 

Covid-19 e cervello

Gli studi post mortem sul cervello hanno rivelato molte patologie cerebrali micro- e macroscopiche dovute a Covid-19 (rif.1):

  • A livello macroscopico, il cervello delle persone che hanno avuto il Covid-19 mostra edema (gonfiore), emorragia (sanguinamento), idrocefalo (accumulo anomalo di fluido), atrofia (morte del tessuto), peso basso, encefalite (infiammazione), asimmetria nel bulbo olfattivo (area dell'odore nel cervello) e infarti (piccole aree localizzate di tessuto morto a causa di mancato apporto di sangue).
  • Microscopicamente, si è osservata la presenza di  assoni gonfi e perdita di mielina, gliosi (patologie nelle cellule di supporto nel cervello), danno ipossico-ischemico, arteriolosclerosi lieve o moderata, infiammazione leptomeningea, noduli microgliali, perdita di neuroni, degenerazione degli assoni, spongiosi diffusa o focale, congestione vascolare e necrosi ischemica focale.


Inoltre, il progetto UK Biobank ha confrontato le scansioni cerebrali pre-infezione con quelle post-infezione Covid19 (rif.2). I ricercatori hanno abbinato il gruppo infetto con uno non infetto per età, sesso, pressione sanguigna, obesità, fumo, stato socioeconomico e stato del diabete. Lo studio ha dimostrato che anche una lieve infezione era associata al restringimento del cervello, in particolare nelle parti cerebrali relative all'odore e alla memoria. La dimensione complessiva del cervello sembrava essersi ridotta tra lo 0,2 e il 2%. Lo studio ha anche mostrato che il gruppo infetto aveva punteggi cognitivi più bassi.


Non sorprende che i pazienti Covid-19 riferiscano molti sintomi neurologici. Queste patologie neurologiche possono manifestarsi come mal di testa, vertigini, anosmia (perdita di odore), ageusia (perdita del gusto), nevralgia (dolore nei nervi come dolore lancinante/pulsante come uno shock elettrico), disturbi dell'umore, ansia, affaticamento della memoria, nebbia cerebrale, tremori, intorpidimento e visione alterata.

 

Il legame tra MA e Covid-19

È quindi possibile che esista una relazione bidirezionale tra Covid-19 e MA. Uno studio condotto su un campione coreano di quasi 200.000 persone ha cercato la prevalenza di Covid-19 in quelli con e senza MA (rif.3).


La prevalenza dell'infezione da Covid-19 non differiva a seconda della presenza del MA, ma quest'ultimo era associato ad un aumento del rischio di gravi complicanze da Covid-19 e aumento della mortalità. Gli autori sottolineano che l'allele 4 dell'apolipoproteina E (ApoE4) è un fattore di rischio comune per la suscettibilità e la mortalità sia del MA che del Covid-19, rispetto agli altri genotipi di questa proteina. Forse è questa vulnerabilità genetica condivisa che porta sia al MA che al Covid-19 grave.


Un'altra domanda importante è se Covid-19 potrebbe causare l'insorgenza del MA o accelerare la sua emergenza. Un team di ricerca ha analizzato le cartelle cliniche elettroniche di oltre sei milioni di over-65 negli Stati Uniti che avevano ricevuto cure mediche tra febbraio 2020 e maggio 2021 (rif.4) e che non avevano una diagnosi precedente di MA.


Il team ha diviso questa popolazione in due gruppi: persone che hanno contratto il Covid-19 durante quel periodo e quelli senza casi documentati di Covid-19. I risultati sono stati sorprendenti. Lo studio ha dimostrato che il rischio di sviluppare il MA negli anziani è quasi doppio (0,35% contro 0,68%) nel corso dell'anno successivo all'infezione da Covid-19. Il gruppo più vulnerabile, con il rischio più alto, erano gli over-85 e le donne. Non è chiaro da questi risultati se il Covid-19 provoca il nuovo sviluppo di MA o accelera la sua emergenza o se sta succedendo qualcos'altro.


Sostengo che i risultati di questi studi non possono essere presi alla leggera. Il MA ha un costo economico e sociale colossale. Il Covid-19 ha colpito milioni di persone che, secondo questi primi studi, potrebbero essere a rischio di sviluppare il MA. Anche le persone che non sviluppano il MA potrebbero comunque subire un declino cognitivo, come mostrato nello studio del progetto UK Biobank. I responsabili politici dovrebbero lavorare su programmi di prevenzione pensando a questi risultati.

 

 

 


Fonte: Marwa Azab PhD, prof.ssa di psicologia e sviluppo umano alla California State University di Long Beach

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  1. JS Generoso et al. Neurobiology of COVID-19: how can the virus affect the brain? Brazilian J of Psych., 2020, DOI
  2. G Douaud et al. SARS-CoV-2 is associated with changes in brain structure in UK Biobank. Nature, 2022, DOI
  3. SJ Chung et al. Association of Alzheimer's Disease with COVID-19 Susceptibility and Severe Complications: A Nationwide Cohort Study. J of Alz Dis, 2022, DOI
  4. L Wang et al. Association of COVID-19 with New-Onset Alzheimer’s Disease. J of Alz Dis, 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.