Iscriviti alla newsletter

Il medico che ha invertito la coronaropatia, ora vuole farlo per l'Alzheimer

Dr Dean OrnishDott. Dean Ornish

Nel 1990, lo specialista di medicina interna dott. Dean Ornish ha fatto ciò che nessun altro medico era stato in grado di fare: ha pubblicato i risultati di uno studio clinico randomizzato con scansioni avanzate che mostravano che la malattia coronarica poteva essere invertita con nient'altro che dieta, esercizio, riduzione dello stress e supporto sociale.


"Penso che il nostro contributo unico sia stato quello di usare queste misure scientifiche molto tecnologiche, costose e all'avanguardia per dimostrare quanto possano essere potenti questi interventi a bassa tecnologia e a basso costo"
, ha affermato Ornish, professore di medicina all'Università della California di San Francisco.


Oggi, Ornish sta cercando di fare per il cervello ciò che ha fatto per il cuore. Nel suo Preventive Medicine Research Institute no-profit in California, sta usando gli stessi quattro interventi di stile di vita per vedere se il morbo di Alzheimer (MA) di fase iniziale può essere "rallentato, fermato o addirittura invertito" senza usare farmaci, dispositivi o interventi chirurgici.


"Ciò che fa bene al cuore fa bene al cervello e viceversa"
, ha detto Ornish. "Gli studi precedenti hanno mostrato che cambiamenti moderati nello stile di vita possono rallentare il tasso di progressione della demenza e del MA. Quindi, la mia tesi è che cambiamenti di stile di vita più intensi potrebbero fermare o addirittura invertire il declino".

 

Cambiamenti aggressivi di stile di vita

Lo studio originale sulle malattie cardiache era piccolo: 28 persone erano nel gruppo sperimentale, poi seguiti per cinque anni. Alcuni scettici hanno criticato il programma per le dimensioni ridotte del campione e hanno affermato che non c'era modo di rimanere sulla dieta stretta a base vegetale del programma senza supervisione.


Nel piano pasti di Ornish, non più del 10% delle calorie giornaliere possono provenire dal grasso. Per raggiungere questo obiettivo, sono vietati tutti i prodotti animali oltre ai bianchi d'uovo e una tazza di latte senza grassi o yogurt. (Questo non si applica allo studio sul MA). La base della dieta è costituita da cereali integrali, frutta, verdura e legumi, insieme a noci e semi. Sono evitati carboidrati raffinati, oli e caffeina eccessiva, ma sono ammessi fino a due tazze al giorno di tè verde.


"È a basso contenuto di grassi, ma questa è solo una piccola parte della dieta generale", ha detto Ornish. "È essenzialmente una dieta vegana, a basso contenuto di grassi e zuccheri, sono cibi il più vicino possibile alla natura".


Il programma include anche un'ora al giorno di gestione dello stress basata sullo yoga, con tecniche di stretching, respirazione, meditazione e rilassamento. L'allenamento di forza e il cammino o altri esercizi aerobici sono necessari per 30 minuti al giorno o un'ora tre volte alla settimana. Vietato fumare.


"Ci sono anche gruppi di supporto", ha detto Ornish alla CNN, "che non solo aiutano le persone a rimanere sulla dieta, ma creano un ambiente sicuro in cui le persone possono allentare le loro difese emotive e parlare apertamente e autenticamente di ciò che sta realmente accadendo nella loro vita, dei problemi e di tutto.

"Questa è stata la parte che mi ha sorpreso di più: questi gruppi di supporto sono davvero intimi. Si condividono cose come 'Potrei sembrare il padre perfetto, ma i miei figli sono sull'eroina' o altro. Anche via Zoom, stanno arrivando allo stesso livello di intimità entro una o due sessioni, perché c'è una tale fame di questo".


Ornish chiama quella parte del suo programma "Love More". Risponde agli scettici che si chiedono perché l'intimità sia una parte così integrante di un piano per invertire la malattia indicando studi su persone che sono sole, depresse o isolate.


Quelle persone hanno "tre volte più probabilità di ammalarsi e morire prematuramente da praticamente tutto" rispetto alle persone che affermano di avere un senso di amore, connessione e comunità, ha sostenuto Ornish.


"Perché? In parte perché hai maggiori probabilità di fumare, mangiare troppo, smettere di fare esercizio e altre cose malsane quando ti senti solo e depresso"
, ha detto Ornish.

 

Impatto su altre malattie croniche

Nel 1993, il gigante assicurativo Mutual di Omaha iniziò a rimborsare agli assicurati il costo del programma di Ornish, rendendolo la prima terapia alternativa, oltre alla chiropratica, a ottenere il rimborso assicurativo. Medicare ha iniziato a coprire gli interventi sullo stile di vita per le malattie cardiache nel 2006.


"E nell'ottobre 2021 Medicare ha accettato di coprire il mio programma di inversione delle malattie cardiache quando è fatto via Zoom, il che è davvero un punto di svolta"
, ha detto Ornish. "Ora possiamo raggiungere le persone a casa, nelle aree rurali e nei deserti di cibo, ovunque vivano, il che contribuirà a ridurre le disuguaglianze sanitarie e le disparità di salute".


Negli ultimi due decenni, la ricerca di Ornish ha mostrato che lo stesso programma in quattro parti può ridurre gli zuccheri nel sangue e il rischio di malattie cardiache per i pazienti con diabete, ridurre la crescita delle cellule tumorali della prostata, migliorare la depressione entro 12 settimane, ridurre del 40% in media il 'colesterolo cattivo' e altro ancora.


"Con tutto questo interesse per la medicina personalizzata, com'è possibile che questi stessi cambiamenti nello stile di vita fermino, e spesso invertano, la progressione di uno spettro così ampio di malattie croniche comuni e costose?"
si è chiesto Ornish.

"Perché tutte condividono gli stessi meccanismi biologici sottostanti: infiammazione cronica, stress ossidativo, cambiamenti nel microbioma, cambiamenti nell'espressione genica, sovra-stimolazione del sistema nervoso simpatico, cambiamenti nella funzione immunitaria e così via.

"E, a sua volta, ognuna di queste è direttamente influenzata da ciò che mangiamo, da come rispondiamo allo stress, da quanto esercizio facciamo e quanto amore e supporto abbiamo".


Quei miglioramenti dello stile di vita probabilmente cambiano il corpo a livello cellulare, ha detto. Uno studio del 2008 ha scoperto che il programma di Ornish ha influenzato circa 500 geni nel corpo tramite l'epigenetica, le reazioni chimiche che possono attivare o abbattere il modo in cui viene espresso un gene.


"Dopo tre soli mesi sul programma di stile di vita Ornish, la ricerca ha scoperto che si è attivato ​​un numero di geni che regolano o prevengono le malattie e si sono spenti i geni che causano molti dei meccanismi alla base di tutte queste diverse condizioni", ha detto Ornish.

"Non stai tecnicamente cambiando i tuoi geni, ma stai cambiando l'espressione di quei geni con interruttori chimici, attivandoli o spegnendoli. Quindi, ciò significa che non è più tutto nei nostri geni, rendendoci vittime del nostro destino genetico. Non siamo vittime. C'è molto che possiamo fare".


Gli interventi sullo stile di vita di Ornish hanno anche dimostrato di allungare i telomeri, le punte dei cromosomi che controllano la longevità e che si accorciano mentre invecchiamo. Ornish ha condotto uno studio pilota nel 2013 con Elizabeth Blackburn, biochimica della UC San Francisco, che ha vinto il premio Nobel 2009 in fisiologia o medicina per il suo lavoro sui telomeri.


"Abbiamo scoperto che la telomerasi, l'enzima che ripara e allunga i telomeri, è aumentata del 30% dopo soli tre mesi nel programma"
, ha detto Ornish. "Poi abbiamo scoperto che le persone che erano state nel programma per cinque anni avevano telomeri circa il 10% più lunghi, un segno che l'invecchiamento veniva invertito a livello cellulare".


Questi stessi interventi sullo stile di vita saranno sufficienti per rallentare o addirittura invertire il declino cognitivo del MA e di altre demenze? Il tempo lo dirà. Lo studio di Ornish è ancora in corso e tutti i dati devono essere raccolti, analizzati e sottoposti a revisione dei pari prima che possa essere riportato un risultato.


"Ma credo che non sia un intervento di dieta e stile di vita per le malattie cardiache, un altro per il diabete o il cancro alla prostata, e uno diverso per il MA. È davvero lo stesso per tutte queste diverse condizioni", ha detto Ornish alla CNN.

"Per invertire la malattia, devi seguire gli interventi quasi al 100%. Se stai semplicemente cercando di prevenire le malattie, allora più cambi, più migliori. Ma ciò che conta di più è il tuo modo generale di mangiare, vivere e amare, così che possiamo morire tutti giovani più tardi possibile".

 

 

 


Fonte: Sandee LaMotte in CNN (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.