Iscriviti alla newsletter

Rendere più significative le relazioni sociali

dementia social interaction

In piena estate e mentre alcuni di noi si trovano di nuovo in un ufficio fisico, i nostri programmi si riempono di eventi sociali che potrebbero lasciarci insoddisfatti emotivamente. Potremmo essere circondati da persone tutto il giorno, ma sentirci disconnessi e soli, a causa della mancanza di relazioni significative e per non essere in grado di esprimere il nostro vero sé.


I livelli di solitudine negli Stati Uniti stavano aumentando già prima della pandemia e sono aumentati negli ultimi due anni. Secondo un sondaggio nazionale del 2021 di ricercatori di Harvard, il 36% degli intervistati ha riferito di sentirsi soli 'di frequente' o 'quasi sempre'; il 61% dei giovani tra 18 e 25 anni di età e il 51% delle mamme con figli piccoli ha riferito questi livelli preoccupanti di solitudine.


Queste stesse statistiche sono rilevanti sul posto di lavoro. Nel 2019, un sondaggio su oltre 10.000 dipendenti statunitensi ha rilevato che il 61% degli intervistati si sentiva solo, con un aumento di 7 punti dal 2018. Più della metà degli intervistati ha riferito di sentirsi come se nessuno li conoscesse bene o si sentivano spesso esclusi. Quasi la metà di loro si sentiva isolata dagli altri e il loro rapporto con gli altri non era significativo. Più di un terzo sentiva che altre persone non rispettavano le loro capacità e abilità. Nel 2012, un sondaggio di Harvard Business Review ha rilevato che la metà degli amministratori delegati provava sentimenti di solitudine.


La ricerca collega la solitudine cronica a una maggiore probabilità di demenza, declino cognitivo, problemi immunitari e malattie cardiache, che contribuiscono a una vita più breve. È stata anche legata a impatti negativi sulle prestazioni individuali e di team, per non parlare di livelli più bassi di soddisfazione della vita e qualità della vita.


Alla luce di queste informazioni, è importante chiarire cosa si intende per creare connessioni sociali più significative. Nel libro Daring Greatly (osare molto) del 2015, la dott.ssa Brene Brown definisce la connessione come “... l'energia che esiste tra le persone quando si sentono viste, ascoltate, valutate; quando possono dare e ricevere senza giudizio; e quando traggono sostentamento e forza dalla relazione".

 

I tre elementi necessari per favorire la connessione

Promuovere connessioni significative nel proprio lavoro e nella vita richiede molto più che creare opportunità per le persone di interagire tra loro, come happy hour e pranzi di squadra. C'è un aspetto qualitativo che richiede attenzione a come si sentono le persone a causa di quelle interazioni. Si sentono apprezzate? Sono collaboratori rispettati, inclusi equamente e completamente nelle operazioni sul posto di lavoro o nelle attività di gruppo?


La dott.ssa Julianne Holt-Lunstand, psicologa e ricercatrice sociale, studia il legame tra connessione sociale e salute. Nella sua ricerca, si riferisce alla connessione sociale come fisica, comportamentale, cognitiva ed emotiva, con tre componenti principali:

  1. Supporto strutturale attraverso la presenza fisica o comportamentale degli altri nella nostra vita.
  2. Supporto funzionale attraverso la percezione che il supporto è disponibile per noi.
  3. Supporto di qualità attraverso la natura emozionale positiva o negativa delle nostre relazioni.


Tutti e tre questi componenti formano il grado, alto o basso, di connessione sociale che percepiamo, e creare una connessione più significativa richiede che affrontiamo tutti e tre gli elementi.


Per applicare tutto ciò al posto di lavoro, potremmo essere circondati da molte persone nel nostro ambiente immediato (supporto strutturale) ma potremmo non percepire che i nostri colleghi si preoccupano delle nostre lotte, successi o aspirazioni al di fuori delle responsabilità di lavoro (supporto funzionale). Se sono presenti i primi due elementi, ma i collaboratori percepiscono le nostre interazioni in gran parte negative (supporto di qualità), questo può diminuire il senso generale di connessione sul lavoro.


Nel libro The Gifts of Imperfection (i doni dell'imperfezione), la Brown afferma che l'autenticità è “la collezione di scelte che dobbiamo fare ogni giorno. Parla della scelta di presentarsi ed essere reali. La scelta di essere sinceri. La scelta di far vedere il nostro vero sé".

 

7 modi per favorire una connessione significativa sul lavoro e nella vita

Creare connessioni più significative inizia con un individuo, un gruppo o un'organizzazione che identificano i tipi di interazione e di comportamenti relazionali che favoriscono la connessione e l'appartenenza. Ecco alcuni modi in cui puoi favorire la connessione per te stesso e come puoi far sentire i tuoi colleghi più connessi:

  1. Identifica e rafforza i valori che favoriscono la connessione sociale e l'appartenenza, ad esempio autenticità, rispetto, compassione ed empatia.
  2. Impegnati in conversazioni più informali e disinvolte che vanno più in profondità delle questioni superficiali.
  3. Crea opportunità di connessione digitale che enfatizzano conversazioni personali, informali e guidate dai pari che non sono legate all'attività o al lavoro.
  4. Incorpora interazioni di piccoli gruppi in riunioni più grandi.
  5. Cerca una formazione per te e gli altri che promuove la costruzione di abilità nei settori della sicurezza psicologica, delle relazioni autentiche, del perdono e dell'indagine riconoscente.
  6. Aggiungi tempi per la condivisione personale in incontri o riunioni regolari.
  7. Incorpora le capacità di costruzione delle relazioni in piani di crescita personale e di sviluppo professionale, che comprendono capacità di ascolto attivo, di compassione e di intelligenza emotiva.

 

Da portare a  casa

A livello individuale, livelli più significativi di connessione sociale ci aiutano a sentirci più entusiasti del nostro lavoro quotidiano e riducono anche la probabilità di sperimentare il burnout (esaurimento psico-fisico). Avendo l'intenzione di costruire abilità che ci aiutano a conoscerci a un livello meno superficiale e assicurandoci che le persone della nostra vita si sentano viste, apprezzate e ascoltate, potremo anche sostenere il benessere di coloro che contano di più per noi.

 

 

 


Fonte: Jessica Grossmeier PhD/MPH in Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:

  • LC Hawkley & JP Capitanio. Perceived social isolation, evolutionary fitness and health outcomes: a lifespan approach. Philosophical Transactions Royal Society, 2015, DOI
  • R Clair, M Gordon, M Kroon, C Reilly. (2021). The effects of social isolation on well-being and life satisfaction during pandemic. Humanities and Social Sciences Communications, 2021, DOI
  • J Holt-Lunstad. Fostering social connection in the workplace. American Journal of Health Promotion, 2018, DOI
  • B Brown. Daring Greatly. New York: Penquin Random House, 2012.
  • B Brown. The Gifts of Imperfection. Center City, MN: Hazelden, 2010.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.