Iscriviti alla newsletter

La tua personalità ha la forza di farti resistere? Cosa serve per invecchiare bene

Keeping brain alert and active key to a healthy aging mind

La convinzione che l'invecchiamento sia tutto in declino è abbastanza radicato nella mente della maggior parte delle persone. Quante battute hai fatto sul perdere la memoria, la forza e la capacità di tenere il passo con la tecnologia? Ogni compleanno ti segnala che ti stai avvicinando a quello stato finale indesiderabile? Quando pensi alle persone anziane che conosci, permetti alla tua visione negativa dell'invecchiamento di influenzare il modo in cui le consideri?


A contrastare queste opinioni pessimistiche sul processo di invecchiamento e sulle persone anziane è l'idea che tu possa effettivamente migliorare nel corso degli anni in queste qualità chiave. Introdotto nel gergo della psicologia oltre 20 anni fa, il termine 'invecchiamento di successo' implica che c'è un modo per evitare quella traiettoria di declino mentre passano gli anni e i decenni. Sebbene ci siano vari significati attaccati al termine, la sua premessa di base è che alcune persone trovano un modo per navigare nell'età avanzata in un modo che massimizza la salute e la felicità.


Secondo Cornelia Pocnet e colleghi dell'Università di Ginevra  (2021), il percorso per l'invecchiamento di successo potrebbe veramente richiedere di avere un certo tipo di personalità. Lavorando dal punto di vista del modello a 5 fattori (i cui tratti sono nevrosi, estroversione, coscienziosità, apertura all'esperienza e piacevolezza), il team di ricerca svizzero nota che i tratti della personalità possono "influenzare il pensiero, le azioni e i sentimenti dell'individuo nel corso di tutta la sua vita, con conseguenze sostanziali per diversi domini centrali di funzionamento e benessere".

 

Perché la personalità potrebbe aiutarti a invecchiare con successo?

Pocnet et al. credono che la personalità sia un'influenza chiave sull'invecchiamento riuscito non solo perché le persone con certi tratti si pongono e pensano di invecchiare in modo diverso rispetto a quelli con altri tratti. Per avere un'influenza sulla tua salute e benessere, la personalità deve influenzare le cose che fai. La tua personalità ti dà più probabilità o meno di approfittare di alcune strategie di promozione della salute? Hai dei tratti che portano altre persone a vederti in modo più positivo? Le tue relazioni sono migliori di conseguenza?

Oltre a influenzare il tuo comportamento, propongono gli autori svizzeri, la personalità potrebbe anche influenzare come la tua auto-conoscenza, o identità, influenza i piani che fai per il tuo futuro. Più sei capace di fare questi piani, più è probabile che tu sia in grado di vivere la tua vita in un modo che ti supporta e ti sostiene nei tempi difficili. In questo senso, la personalità può anche influenzare "la resilienza per adattarsi meglio alle sfide della vita".

 

Testare la connessione tra personalità e invecchiamento di successo

Usando una revisione sistematica della letteratura pubblicata che copriva gli anni dal 2000 al 2020, la Pocnet e i suoi colleghi hanno cercato tutti gli studi che includevano i termini chiave 'invecchiamento di successo', 'personalità', 'salute', 'benessere' e 'studi quantitativi'. L'insieme finale di 76 studi ha soddisfatto tutti questi criteri rigorosi.

Spostandoci ora ai risultati della loro revisione, gli autori hanno organizzato i risultati secondo i 5 fattori del modello, producendo le seguenti relazioni tra personalità e invecchiamento di successo:

 

1. Coscienziosità

Potrebbe colpirti che le persone con alta coscienziosità invecchiano meglio perché si prendono semplicemente una cura migliore di se stessi. In effetti, la revisione della letteratura pubblicata ha sostenuto questa idea di base ma l'ha anche ampliata sul perché questo sarebbe il caso. Come indicato in diversi articoli citati dagli autori svizzeri, le persone altamente coscienziose, in particolare quelle con molta autodisciplina, hanno maggiori probabilità di mantenere una dieta equilibrata, astenersi dal fumo e dall'uso di droghe, prepararsi per le future avversità e sono semplicemente migliori ad adattarsi al cambiamento.

Le persone altamente coscienziose fanno di più che prendersi cura di se stesse. Altre persone le vedono affidabili e hanno quindi più probabilità di entrare in relazioni strette e fiduciose, come notano gli autori.

Ci può essere un lato negativo alla coscienziosità elevata, tuttavia, se gli individui sono elevati nella componente del perfezionismo o 'persistenza compulsiva'. Da un punto di vista biologico, queste persone perfezioniste non vanno bene quando si tratta di invecchiamento. Hanno in realtà tassi alti di mortalità dovuti, secondo alcuni studi, a una maggiore risposta fisiologica allo stress. La loro "incapacità di disimpegnarsi da un compito impossibile e stressante" porta il loro sistema endocrino a produrre più ormoni dello stress, che poi prendono un pedaggio sul funzionamento del corpo.

Considera la tua reazione a determinate esperienze di invecchiamento legate allo stress. Quanto ti arrabbi quando una schiena dolorante implica che non puoi correre attivamente come vorresti? Che ne dici di quando ti trovi di fronte alla discriminazione perché i tuoi capelli sono, o stanno diventando, grigi? Sconvolgersi per i fenomeni legati all'invecchiamento aumenta solo la probabilità che diventerai ancora più stressato.

 

2. Nevrosi

Quando si tratta di stress, la nevrosi è il tratto della personalità che ha più probabilità di diventare problematico. Come gli autori concludono: la nevrosi "è associata a più difficoltà a far fronte alle sfide della vita ..., a controllare le scelte di vita povere come limitare il cibo ..., a fumare ... e a fattori eziologici generali, che rendono le persone vulnerabili e potrebbero portare a una vita ridotta". C'è anche una serie di malattie legate alla nevrosi, inclusa la malattia cardiovascolare e, forse quella più preoccupante di tutte, l'Alzheimer.

 

3. Estroversione

Sebbene non tutti gli estroversi siano ottimisti, coloro che sono alti su questo aspetto del tratto sembrano avere un numero di vantaggi quando si tratta di invecchiare bene. Non solo gli ottimisti hanno una migliore regolazione delle emozioni, come notano gli autori, ma la ricerca che studia questa qualità della personalità suggerisce che sono migliori a pianificare, hanno più accettazione, e - come il termine implica - si concentrano sul positivo. C'è anche un lato negativo nell'ottimismo, però, quando le cose non funzionano come le persone sperano. Possono sopravvalutare la loro capacità di avere successo e poi diventano frustrati quando il loro successo è ostacolato dai fattori al di fuori del loro controllo (simile a quelli alti nel perfezionismo).

Gli estroversi elevati nella componente sociale di questo tratto beneficiano della loro gregarietà, secondo la ricerca citata dagli autori svizzeri. Le loro reti di supporto tendono ad essere più grandi, permettendo loro di trovare persone che li aiutano nei momenti difficili. Inoltre, l'estroversione può essere "protettiva contro la solitudine, il ritiro sociale e l'isolamento" e come tale, ha un ruolo "potente anche negli individui molto anziani con poche risorse".

 

4. Apertura all'esperienza

La capacità di giocare con idee, pensieri e sentimenti, nonché la tendenza a godere delle arti sembra far parte della personalità potente che prevede un invecchiamento di successo, secondo la squadra svizzera di autori. Questi individui cercano ambienti stimolanti, massimizzando il loro "impegno e flessibilità cognitivi". Possono, di conseguenza, essere più resistenti agli effetti dell'invecchiamento sul cervello, e anche se hanno l'Alzheimer, possono mostrare meno deterioramento cognitivo rispetto alle loro controparti più chiuse.

 

5. Piacevolezza

Le persone dotate naturalmente di maggiore gradevolezza sembrerebbero essere più propense a invecchiare con successo rispetto ai loro pari più scontrosi, ma, come notano Pocnet et al., ci sono poche prove solide per supportare questa nozione. Potrebbe sembrare che il molto gradevole abbia reti sociali più ampie, perché sarebbe più piacevole da frequentare. Essendo forse uno dei tratti della personalità meno indagati, tuttavia, qualsiasi suggerimento sul suo ruolo nell'invecchiamento riuscito per ora rimane ipotetico. Nel frattempo, probabilmente non c'è danno ad essere gentili.

 

Puoi migliorare la tua personalità con il tempo?

Dopo aver letto queste potenziali influenze della personalità sulla tua capacità di invecchiare con successo, una domanda naturale potrebbe essere: puoi migliorare le tue possibilità di vivere bene nell'età avanzata lavorando sui tuoi tratti problematici?


La buona notizia è, secondo la Pocnet e i suoi colleghi di ricerca, che potresti essere in grado di farlo: "La personalità può essere intesa come un costrutto evolutivo che per natura è soggetto a modifiche e adattamento per tutta la vita". I tratti che lavorano a tuo vantaggio possono continuare a farlo, ma se ce ne sono altri che non lo fanno, sembra che ci sia speranza.

La tua personalità non è l'unica qualità psicologica che può influenzare la tua capacità di invecchiare con successo. Come notato nella discussione della estroversione e della coscienziosità, la tua rete sociale entra in gioco come influenza su come invecchiare, se decidi di fare lo sforzo per espandere la tua.

Inoltre, puoi impegnarti in tentativi deliberati di modificare le tue prospettive sulla vita e te stesso attraverso interventi come imparare a praticare la consapevolezza, coinvolgerti in programmi di formazione cognitiva e, in particolare nel caso di alta nevrosi, coinvolgerti nella psicoterapia. Nelle parole degli autori:

"Imparare a esplorare il mondo interiore e sviluppare prospettive multiple sulla stessa situazione della vita può portare a flessibilità e resilienza che, a sua volta, hanno benefici per l'invecchiamento di successo".


Per riassumere, questa estesa revisione degli studi sulla personalità e l'invecchiamento di successo suggerisce che tu hai il potere di invecchiare bene se puoi attingere dalle qualità che migliorano la salute, le prospettive sulla vita e le relazioni.

La soddisfazione per tutta la vita è possibile, indipendentemente dalla tua età, se riesci a coinvolgere la tua personalità in modi che migliorano la tua capacità di gestire tutto ciò che potresti incontrare.

 

 

 


Fonte: Susan Krauss Whitbourne PhD, professoressa emerita di scienze psicologiche e cerebrali all'Università del Massachusetts Amherst

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: C. Pocnet, J. Popp, D. Jopp. The power of personality in successful ageing: A comprehensive review of larger quantitative studies. European Journal of Aging, 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.