Iscriviti alla newsletter

Quanto sono affidabili gli studi nelle riviste mediche a controllo dei pari?

drugs money

Questa è una recensione del libro Sickening: How Big Pharma Broke American Health Care (Come Big Pharma ha rotto l'assistenza sanitaria americana) di John Abramson, Mariner Books.


Gli Stati Uniti spendono di gran lunga più soldi per l'assistenza sanitaria rispetto ad altri paesi sviluppati e sono scesi al 68° posto nel mondo per 'aspettativa di vita in salute'. Secondo il dott. John Abramson, docente della Harvard Medical School, autore di Overdosed America, ed esperto nel contenzioso che coinvolge i produttori di farmaci, le società farmaceutiche hanno una notevole responsabilità per quella disparità.


Nel suo libro Sickening: ..., Abramson rivela che per farmaci prescritti gli americani un tempo spendevano pro-capite come i cittadini di altre nazioni ricche. Attualmente invece spendono il doppio, in gran parte a causa del volume di prescrizioni per prodotti costosi di marca. Guidate in misura non piccola dagli investimenti sul marketing (circa il doppio delle spese di ricerca e sviluppo dei farmaci stessi), le vendite al dettaglio di farmaci da prescrizione negli Stati Uniti, sottolinea, sono aumentati di trenta volte dal 1980. Di recente, il costo dei farmaci di marca è aumentato 14 volte più velocemente rispetto all'indice dei prezzi al consumo.


Abramson fornisce un'analisi costo-benefici, dettagliata e accessibile, per più di una dozzina di loro, usati per prevenire o curare il dolore, il bruciore di stomaco, l'influenza, l'artrite reumatoide, il diabete, le malattie cardiovascolari e, più di recente, l'Alzheimer, provando in modo convincente che le aziende farmaceutiche hanno creato una voragine tra "il loro valore rivendicato o implicito e il loro valore reale".


Per monetizzare il loro controllo sulle informazioni che diffondono sui benefici per la salute dei loro prodotti, afferma Abramson, le società farmaceutiche sono riuscite a prendere il controllo sull'agenda di ricerca (da centri medici universitari e agenzie governative), sui propri dati di esperimenti clinici (che trattengono come segreti proprietari), e pubblicano risultati di esperimenti in modo non trasparente in riviste peer-reviewed (a controllo dei pari).


Poiché i produttori acquistano quantità notevoli di ristampe da distribuire ai medici, Abramson rivela che le riviste scientifiche hanno un interesse potente a pubblicare studi favorevoli ai farmaci di marca. Nel 2005, ad esempio, le vendite di ristampe costituivano il 41% delle entrate totali di Lancet. Non sorprendentemente, il New England Journal of Medicine (che, insieme al Journal of American Medical Association e ad Annals of Internal Medicine, non rivela tali informazioni) guidava le prime cinque riviste nel campo per percentuale di esperimenti pubblicati supportati da un produttore. Mentre gli autori di studi sono tenuti a segnalare i conflitti di interesse, Abramson sottolinea, non esistono tali obblighi per le riviste stesse.


Abramson riconosce che non sarà facile abbattere il "potere largamente incontrollato" delle compagnie farmaceutiche, mantenuto tale da legioni di lobbisti a Washington D.C. e da campagne di contributi sostanziali ai politici. Detto questo, le sue raccomandazioni chiedono l'attenzione di ogni americano a:

  • Richiedere a tutti gli autori, ai pari revisori e agli editori di riviste mediche di poter accedere ai dati sottostanti gli studi clinici prima di decidere se pubblicare gli studi stessi. E includere revisori addestrati in metodi statistici nel vaglio.

  • Dare il potere alla FDA non solo di garantire che i proclami pubblicitari diretti al consumatore siano coerenti con le informazioni nelle etichette dei prodotti approvati dall'Agenzia, ma che contengano riepiloghi accurati e pertinenti di benefici, rischi e costi (non solo del ticket) rispetto ad altri farmaci o terapie non farmacologiche. Creare all'interno della FDA un meccanismo formale di valutazione della tecnologia sanitaria, simile al NICE in GB, con pieno accesso ai dati clinici di esperimenti, per formulare linee guida relative a benefici e costi.

  • Il Congresso dovrebbe consentire a Medicare e Medicaid di negoziare i prezzi con le aziende e stabilire "un'opzione pubblica" per gli acquirenti dell'assicurazione sanitaria.

  • La più fondamentale, secondo Abramson, è la necessità urgente di un cambiamento culturale negli Stati Uniti, dalla dipendenza da nuovi farmaci e devianze per promuovere e conservare la salute, guidata dalla massimizzazione dei profitti, ai cambiamenti dello stile di vita nell'alimentazione, nell'esercizio fisico e nella riduzione dello stress (affrontato solo dal 4% delle ricerche mediche). Abramson sottolinea che oltre l'80% delle malattie cardiache e del diabete, influenzato sicuramente dalle disparità socio-economiche, può essere prevenuto adottando abitudini più sane.


In molti modi, conclude il dott. Abramson, l'assistenza sanitaria "è diventata un altro test della nostra democrazia". Riconoscere quel successo "non è affatto pre-ordinato"; egli vuole credere che i cittadini americani siano all'altezza della sfida.

 

 

 


Fonte: Glenn C. Altschuler PhD, professore di studi americani alla Cornell University.

Pubblicato su Psychology Today (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il rischio...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.