Associazione Alzheimer ONLUS logo

I ricercatori sperano di trovare un trattamento per l'Alzheimer in 2 anni

Un neuroscienziato del North Jersey coinvolto intensamente nella ricerca sull'Alzheimer ha detto che tra soli due anni i medici possono avere la medicina per curare la malattia che uccide il cervello.

Il dottor Howard Fillit, che è anche geriatra e direttore esecutivo della Drug Discovery Alzheimer Foundation, ha dichiarato questa settimana che oltre 150 sperimentazioni cliniche in tutto il mondo stanno testando decine di farmaci che possono essere la risposta alla lotta contro la malattia stessa, e non solo ai sintomi.

"Attualmente i farmaci a nostra disposizione sono esclusivamente per il trattamento dei sintomi, ma speriamo che quelli nuovi rallentino la progressione della malattia - e l'obiettivo finale è la prevenzione", ha detto Fillit, di Tenafly. "Alcuni dei farmaci sono nelle fasi finali di test e tra due anni avremo i rapporti sul loro funzionamento".

L'Alzheimer è la forma più comune di demenza, causata dalla distruzione delle cellule nervose nel cervello. Di solito è fatale, inizialmente causa disturbi alla memoria, cambiamenti di personalità e problemi a completare le attività quotidiane, fino a che il suo progresso lascia il paziente incapace di camminare, parlare o deglutire.

Cinque milioni di americani soffrono di Alzheimer, di cui 150.000 nel New Jersey. Più di 80 di tali studi clinici sono in corso in questo stato, ha affermato Ed Belkin, vice presidente di comunicazione e affari pubblici della Pharmaceutical Research e Manifacturers of America, una associazione di categoria per le società di ricerca biotech.

"Con l'invecchiamento dei molti individui nati negli anni cinquanta, il numero dei malati di Alzheimer si gonfia e i costi finanziari non sono semplicemente sostenibili", ha detto Belkin. "I progressi medici sono la risposta, e ricercatori sono impegnati a vincere questa battaglia contro l'AlzheimerNel 2009, il costo medio annuo compensato per un paziente con malattia di Alzheimer è stato di $ 33.000 (ndr: 47.000 Euro) e la stima dei costi per servizi di cura non pagato è stato di $ 4,2 miliardi".

I ricercatori ritengono che il morbo di Alzheimer è causato da due condizioni anomale all'interno e intorno ai neuroni, le cellule nervose del cervello. Placche (depositi di un frammento di proteina chiamata beta-amiloide) si formano negli spazi tra i neuroni e si ritiene che blocchino la comunicazione tra di loro. Nei cervelli sani, gli scienziati ritengono che queste proteine siano distrutte ed eliminate.

Fillit dice che "gli scienziati non sono ancora sicuri se è la placca che causa la perturbazione o è solo una cicatrice lasciata dal cervello nella degenerazione. Se i farmaci fossero in grado di rimuovere le placche, dovrebbero rallentare il tasso di malattia. Ma non siamo sicuri se la placca è la causa o una cicatrice."

L'altra scoperta anormale è quella dei grovigli. Questi sono le fibre contorte di una proteina chiamata tau situato all'interno del neurone. Normalmente, la tau forma le strutture per il trasporto dei nutrienti e altre sostanze da una parte della cellula all'altra. Nei pazienti con morbo di Alzheimer, tuttavia, queste strutture sono anormali e collassate, portando alla morte delle cellule. I nuovi farmaci dovrebbe evitare di crollo delle strutture.

"Questi nodi/grovigli sono le lapidi delle cellule", ha detto Fillit. "Ma con questi nuovi farmaci, sono molto fiducioso che presto sconfiggeremo questo incubo della vecchiaia."

NorthJersey.com, 27 Novembre 2010

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: