Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Quali sono alcuni dei modi per potenziare la memoria?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, la perdita di memoria è di solito uno dei primi segnali di un altro decadimento cognitivo o declino. Invecchiando, la nostra memoria diminuisce, e tuttavia l'Alzheimer e gli altri disturbi correlati alla demenza...

Consulenti governo GB: nessuna prova certa che dieta sana protegga dalla demenza

Il Comitato Scientifico Consultivo per la Nutrizione (SACN) del governo della GB ha affermato che non c'è alcuna prova che un qualsiasi nutriente o integratore alimentare specifico possa scongiurare la malattia degenerativa del cervello.

La revisione ha rivisto dozzine...

Superare lo shock: il tuo genitore anziano ha la demenza

E' da un po' che probabilmente noti segnali di pericolo.

Potresti non aver capito che il fatto che la persona cara dimentica la storia che ti ha appena raccontato e la racconta di nuovo, e poi di nuovo, è una infausta luce rossa.

Il tuo genitore anziano potrebbe aver...

Il cioccolato migliora la memoria?

A volte sono sorpreso di trovare così tante idee interessanti semplicemente cercando nel mio computer. Ha senso che il cioccolato possa migliorare la memoria?

Quando ho letto il titolo ("Il cioccolato può migliorare la memoria"), mi sono fermata a leggere la ricerca...

La mano nella mano con un'altra persona ha effetti notevoli sul cervello

 
Prendi la mano di una persona cara che è nel dolore e non solo il tuo respiro e la frequenza cardiaca si sincronizzano con i suoi, ma si uniranno anche i tuoi modelli di onde cerebrali, secondo un nuovo studio.

La ricerca, condotta alla Colorado University di...

Scoperto il colpevole della morte delle cellule nel Parkinson

 Si stima che 10 milioni di persone in tutto il mondo vivano con il morbo di Parkinson (MP), un disturbo neurodegenerativo incurabile che porta ad una perdita crescente del controllo motorio.

Se potessimo sbirciare nel cervello di questi pazienti, vedremmo due segni...

Calcolo del 'rischio poligenico' può identificare molto presto il rischio di Alzheimer

Per la prima volta, un team internazionale di scienziati, guidati dai ricercatori dell'Università della California di San Diego, ha stabilito che si può usare un punteggio di rischio poligenico del morbo di Alzheimer (MA) per identificare correttamente gli adulti...

'Paesaggio epigenetico' è protettivo nel normale invecchiamento, ma alterato nell'Alzheimer

Sebbene alcune varianti genetiche aumentino il rischio di morbo di Alzheimer (MA), l'età è il fattore di rischio noto più forte.

Ma è tuttora misterioso il modo in cui i processi molecolari dell'invecchiamento predispongono le persone al MA, o diventano compromessi...

Standard aggiornati FDA eliminano una barriera inutile ai test di farmaci di Alzheimer

Dopo anni a far affidamento su standard obsoleti per la valutazione di nuovi farmaci per l'Alzheimer e altre malattie neurologiche, la FDA sta finalmente modernizzando il suo approccio. Questa è una buona notizia per i ricercatori che lavorano per sviluppare farmaci...

Se avessi l'Alzheimer, ti interesserebbe ancora sentire quello che ho da dire?

Non ho l'Alzheimer, almeno non ancora, ma quando lo avrò, leggerai ancora quello che ho da dire?
Te lo chiedo perché un giorno molti di noi potrebbero avere il morbo di Alzheimer (MA); secondo un rapporto recente sono già quasi 47 milioni di americani.

Non farti...

Potenziando la segnalazione del fattore neurotrofico si può migliorare la memoria, senza toccare l'amiloide

I trattamenti che puntano a migliorare la segnalazione del fattore neurotropico cerebrale potrebbero migliorare le funzioni della memoria nel morbo di Alzheimer (MA), anche se non alterano il carico di amiloide del cervello, secondo una ricerca eseguita all'Università...

Pazienti di demenza con ricordi distorti possono conservare le informazioni chiave

Alcuni ricordi contenenti informazioni inaccurate possono essere utili ai malati di demenza, perché consentono loro di conservare le informazioni cruciali, secondo due ricercatrici dell'Università di Birmingham.

Esse suggeriscono che i ricordi distorti hanno un ruolo...

Benefici cognitivi del bilinguismo sono sopravvalutati, secondo la revisione di 152 studi

Diversi studi hanno recentemente suggerito di imparare e usare attivamente due lingue, per addestrare le funzioni esecutive nel cervello, come focalizzare l'attenzione, sopprimere le interferenze dall'ambiente e passare da un'attività all'altra.

Una nuova ricerca, tuttavia,...

Orologio circadiano scandisce il ritmo delle centrali energetiche delle cellule

Il metabolismo energetico cellulare segue anche il ritmo dell'orologio circadiano: uno studio dell'Università di Basilea ha ora dimostrato esattamente come funziona, rivelando per la prima volta la relazione tra il ritmo circadiano e la rete mitocondriale.

Innumerevoli...

Studio rivela nuovi biomarcatori del rischio di demenza, anni prima dei sintomi

Sudha Seshadri MD, direttrice e fondatrice del Glenn Biggs Institute for Alzheimer & Neurodegenerative Diseases della University of Texas di San Antonio, è coautrice senior della ricerca annunciata il 6 marzo che ha identificato nuovi biomarcatori di rischio della demenza...

Scansioni cerebrali ad alta risoluzione danno indizi sulla perdita di memoria degli anziani

Invecchiando, non è raro sperimentare 'momenti senior', in cui dimentichiamo dove abbiamo parcheggiato la macchina o chiamiamo i nostri figli con nomi sbagliati. E potremmo chiederci: questi vuoti di memoria fanno parte del normale invecchiamento o segnalano le prime...

Potenziando il sistema immunitario migliorano i sintomi di Alzheimer, nei topi

Gli scienziati sanno da circa cinque anni che le mutazioni nel gene TREM2 aumentano il rischio di una persona di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA). Ora, i ricercatori dell'UCLA hanno dimostrato nei topi che l'aumento dei livelli della proteina TREM2 potrebbe aiutare...

La nascita di nuovi neuroni nell'ippocampo umano finisce nell'infanzia

 
Uno dei dibattiti più vivaci nelle neuroscienze dell'ultimo mezzo secolo riguarda la questione se il cervello umano si rinnova producendo nuovi neuroni per tutta la vita e se sia possibile ringiovanire il cervello aumentando la sua capacità rigenerativa innata.

Ora...

Durante il sonno i ricordi si riattivano e possono essere decodificati dalle onde cerebrali

Gli studi scientifici hanno già dimostrato che i ricordi si richiamano meglio dopo il sonno che nella veglia. Si ritiene che le informazioni acquisite di recente siano 'riattivate' e rafforzate nel cervello addormentato.

Dei ricercatori, in collaborazione con scienziati...

Invecchiamento dei genitori e giornata della donna: le disuguaglianze nel caregiving

Le donne nel nostro paese hanno avuto molta attenzione ultimamente, in particolare per le molestie sessuali, la violenza domestica e le disparità di trattamento da parte dei datori di lavoro.

C'è un'altra area importante che non attira l'attenzione sulle donne: il...

 

I prossimi eventi:

CA Montebelluna: Noi familiari - emozioni e vissuti da gestire

Martedì, 13 March 2018 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer"

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 13 March 2018 20:30 - 22:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

CA Pedemontano: Caratteristiche delle demenze e ripercussioni sulla famiglia

Giovedì, 15 March 2018 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Polivalente 'La Roggia', Via Caozocco 10, S. Zenone degli Ezzelini

CA Segusino: Aspetti motori e alimentazione nella demenza

Venerdì, 16 March 2018 17:00 - 18:30
"... la demenza non è solo Alzheimer ..."
Il Caffè Alzheimer 'Incontriamoci al caffè', una iniziativa...
Luogo : Centro Ricreativo Anziani, Piazza Italia 46, Segusino (TV)

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Lunedì, 26 March 2018 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Bobby medio

Cagnolino ottenuto da un asciugamano di spugna di puro cotone, dimensione 40 x 60 cm.
Disponibile nei...

Viaggio nelle Venezie - Verona

Immagini VeronaCollana Viaggio nelle Venezie Verona, Civiltà della bellezza
 
La città Scaligera e il suo straordinario...

Marostica

Marostica: I castelli, le mura, il borgo.
Il suggestivo racconto – in parole e immagini – dell’origine,...

Collana VIAGGIO NELLE VENEZIE (completa)

Collana “Viaggio nelle Venezie”: otto volumi dedicati alla Terra veneta, finemente stampati, riuniti...

Viaggio nelle Venezie - Volume introduttivo

Viaggio nelle Venezie Volume introduttivo - Nuova edizione 2012
«Sartie di navi, distese...

I Mestieri di Venezia

I Mestieri di Venezia Storia, arte, devozione delle corporazioni dal XIII al XVIII secolo
Un viaggio...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2018 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°