Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Darce Fardy: Tenere il bicchiere della vita mezzo pieno, anche con la demenza

Per un tipo che sta per arrivare a 86 anni, e che ha la demenza, c'è una linea sottile tra pessimismo e ottimismo. E sono proprio in mezzo tra i due. E spero di poter rimanere così fino alla fine. Il pessimismo non aiuta nessuno.

Ogni giorno noto il declino, sia fisico...

C'è una cosa come la demenza indotta da farmaci?

La demenza indotta da farmaci è una compromissione cognitiva del linguaggio, della memoria e della comprensione originata o complicata da farmaci prescritti o da banco.

Molti farmaci possono contribuire alla condizione e, insieme alla variabilità dei sintomi, è spesso...

Problemi a deglutire sono un grande killer, ma il trattamento può essere orribile

Dietro la tua lingua, a pochi centimetri dalla parte posteriore della gola, c'è un precipizio pericoloso: da un lato cade dritto giù per la trachea e i bronchi e nei polmoni, e dall'altro c'è l'esofago, che porta allo stomaco pieno di acido. Se tu o qualcuno che conosci...

La percezione della vecchiaia cambia con l'avanzare dell'età

La vita inizia davvero a 40 anni? I 50 sono i nuovi 30? Per le persone di queste fasce d'età, la risposta sembra essere sì. Ma per adolescenti e 20enni, raggiungere i 50 equivale a essere vecchi.

Una nuova ricerca su oltre mezzo milione di americani, guidata da uno...

L'importanza della storia familiare per l'insorgenza dell'Alzheimer

Stai per compiere 60 anni e ti preoccupi. Tua madre ha avuto il morbo di Alzheimer (MA) a 65 anni. A che età ti colpirà la malattia?

Uno studio canadese pubblicato su JAMA Neurology dimostra che quanto più una persona si avvicina all'età in cui il genitore ha...

Trovato il modo di fermare l'infiammazione nell'Alzheimer e altre malattie

Una nuova scoperta sul sistema immunitario può consentire ai medici di trattare l'infiammazione dannosa che danneggia il cervello nelle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer. Potrebbe anche consentire ai medici di salvare i pazienti dall'infiammazione potenzialmente...

La perdita di udito può essere legata alla perdita di memoria per alcune persone

Alcune persone con un certo tipo di ipoacusia potrebbero avere anche problemi maggiori di perdita di memoria e problemi mentali definiti «lieve decadimento cognitivo» (MCI), secondo uno studio preliminare diffuso ieri, che verrà presentato al 70° incontro annuale...

Amiloide: una proteina auto-replicante alla base di diverse forme di vita

Gli scienziati dell'ETH (Istituto Federale Svizzero di Tecnologia di Zurigo) sono riusciti a dimostrare che una struttura proteica diffusa in natura - l'amiloide - è teoricamente in grado di moltiplicarsi. Questo la rende un potenziale predecessore di molecole che sono...

Pensiero lento: una filosofia per facilitare un dialogo più giocoso e poroso su cosa significa vivere

Nel 1986 è stato aperto un ristorante McDonald's ai piedi di Trinità dei Monti in Piazza di Spagna, la piazza più famosa di Roma. L'invasione del fast food economico americano nel cuore di Roma ha fatto scalpore. Uno di quelli che ha protestato era Carlo Petrini,...

Gli scienziati potrebbero aver scoperto come ripristinare il nostro orologio biologico

Per la maggior parte di noi, il nostro orologio biologico non sta semplicemente ticchettando. Sta martellando.

Ognuno di noi funziona a tempo di orologio. E siamo composti da molti orologi che ticchettano a velocità diverse a livello molecolare, cellulare, tissutale,...

Negli anni, la depressione cambia il cervello

La depressione clinica è sempre la stessa malattia o cambia nel tempo?

Una nuova ricerca sul cervello, eseguita al Centro Dipendenze e Salute Mentale (CAMH) in Canada, mostra che il cervello si altera dopo anni di depressione persistente, suggerendo la necessità di cambiare...

Nuovi approcci nelle neuroscienze mostrano che non dipende tutto dalla tua testa

Le nostre esperienze uniche modellano il modo in cui vediamo il mondo e come rispondiamo agli eventi della nostra vita.

Ma l'esperienza è altamente soggettiva. Ciò che è angosciante o gioioso per una persona può essere molto diverso per un'altra.

Queste differenze...

La terapia genica per la demenza frontotemporale è 'promettente'

La terapia genica si è dimostrata promettente per trattare una malattia neurodegenerativa chiamata 'demenza frontotemporale' e la condizione correlata 'lipofuscinosi ceroide neuronale', secondo nuove scoperte presentate nel Journal of Neuroscience...

Lesioni cerebrali aumentano il rischio di contrarre l'Alzheimer prima nella vita

Commozioni cerebrali e altre lesioni traumatiche alla testa possono aumentare il rischio di sviluppare il Morbo di Alzheimer (MA) in una fase precedente della vita, secondo uno studio eseguito alla University of Texas Southwestern.

La ricerca - la prima a usare casi di...

I nostri occhi possono aiutare a prevedere chi svilupperà la perdita di memoria?

Le persone i cui occhi mostrano segni di piccoli cambiamenti nei vasi sanguigni all'età di 60 anni possono avere più probabilità di sviluppare problemi di pensiero e di memoria quando avranno 80 anni, rispetto alle persone con occhi sani, secondo uno studio pubblicato...

EMA rivede le linee guida per lo sviluppo di farmaci di Alzheimer

Il Comitato Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell'Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) ha rivisto le linee guida per gli studi clinici dei farmaci che hanno come obiettivo il Morbo di Alzheimer (MA).

Questo documento mira a fornire una guida per lo sviluppo di farmaci in...

Singoli neuroni danneggiati possono provocare un effetto domino

La scomparsa dell'olfatto può essere il segno di una malattia come l'Alzheimer o il Parkinson. Tuttavia, a differenza di quanto si era ipotizzato in precedenza, le degenerazioni generali nel sistema nervoso non hanno un ruolo di primo piano nella perdita dell'olfatto...

Studio sulle staminali indica un nuovo approccio all'Alzheimer

Migliorare il traffico di proteine ​​cellulari nelle cellule cerebrali offre la possibilità di nuovi trattamenti e persino di prevenzione per il morbo di Alzheimer (MA), secondo i risultati di un nuovo studio.

I ricercatori hanno scoperto che un composto che migliora...

Le donne con Alzheimer perdono prima degli uomini le abilità comunicative verbali

Una nuova ricerca, condotta da accademici dell'Università di Hertfordshire, ha chiarito che le aree cognitive in cui le donne di solito hanno il sopravvento sugli uomini, come la comunicazione verbale, sono le più veloci a declinare nelle donne, man mano che progredisce...

5 cose da fare quando un genitore ha la demenza

Uno dei momenti più inquietanti della mezza età arriva quando un figlio adulto guarda negli occhi un genitore anziano e non può più negare l'arrivo della demenza.

"Abbiamo un sistema così scadente per il monitoraggio della salute e del benessere cognitivo che in realtà...

 

I prossimi eventi:

CA Montebelluna: Noi familiari - emozioni e vissuti da gestire

Martedì, 13 March 2018 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer"

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 13 March 2018 20:30 - 22:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

CA Pedemontano: Caratteristiche delle demenze e ripercussioni sulla famiglia

Giovedì, 15 March 2018 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Polivalente 'La Roggia', Via Caozocco 10, S. Zenone degli Ezzelini

CA Segusino: Aspetti motori e alimentazione nella demenza

Venerdì, 16 March 2018 17:00 - 18:30
"... la demenza non è solo Alzheimer ..."
Il Caffè Alzheimer 'Incontriamoci al caffè', una iniziativa...
Luogo : Centro Ricreativo Anziani, Piazza Italia 46, Segusino (TV)

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Lunedì, 26 March 2018 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Set 2 Bobby

Set di 2 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60 e 40x60 cm.
Disponibile...

Viaggio nelle Venezie - Venezia

Immagini VeneziaCollana Viaggio nelle Venezie Venezia, regina del mare e delle arti

 
Il fascino di una città...

Bobby piccolo

Cagnolino ottenuto da un asciugamano piccolo di spugna in puro cotone, dimensione 30x30 cm.
Disponibile...

Il Veneto

Il Veneto Formato 30 x 32 cm Pagine 192 113 fotografie a colori e bianco e nero Copertina cartonata...

I Mestieri di Venezia

I Mestieri di Venezia Storia, arte, devozione delle corporazioni dal XIII al XVIII secolo
Un viaggio...

Viaggio nelle Venezie - Treviso

Immagini TrevisoCollana Viaggio nelle Venezie Treviso, i luoghi del colore
 
Alla scoperta della città famosa per...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2018 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°