Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Donne come chimere: hanno materiale genetico da genitori e figli che, tra l'altro, riduce rischio di MA

Quando J. Lee Nelson ha iniziato a studiare i disordini autoimmuni negli anni '80, l'ipotesi prevalente in quel tempo era che condizioni come l'artrite e il lupus tendessero a presentarsi più di frequente nelle donne perché legate agli ormoni sessuali femminili. Ma...

Che vantaggio ha l'assistenza di sollievo per chi ha l'Alzheimer e per chi se ne prende cura?

Le principali sfide elencate dai caregiver (l'85% di tutto l'aiuto dato agli anziani americani da parte di un familiare) sono l'alto stress emotivo e la depressione.

L'aiuto di sollievo dà una pausa sia per il caregiver che per la persona con Alzheimer.

L'assistenza...

La meditazione aiuta a mantenere giovane il cervello

La meditazione viene di solito rappresentata come una pratica calmante e pacifica, ma non è necessariamente sempre così.

La ricerca continua sui risultati scientifici misurabili della meditazione suggerisce che potrebbe essere considerata più che un semplice esercizio...

Il 'baby brain' o 'amnesia di mamma' è un fenomeno reale e misurabile

Un nuovo studio ha verificato qualcosa di cui le donne sospettano da molto tempo: che la gravidanza può davvero influire sulla funzione cognitiva di una giovane mamma.

Secondo una nuova meta-analisi condotta dai ricercatori della Deakin University in Australia, l'oblio...

Una dieta ricca di sale aumenta il rischio di Alzheimer togliendo nutrienti al cervello

Il sale fa più che aumentare la pressione sanguigna; potrebbe anche aumentare il rischio di morbo di Alzheimer (MA), secondo uno studio appena pubblicato su Nature Neuroscience.

Le placche o i grovigli di proteine amiloide-beta sono noti marcatori di MA. Tuttavia,...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demenza. Quella parola è solitudine. La conversazione sembra sempre arrivare al dolore e alla solitudine dei caregiver e dei loro cari, poiché si trovano sempre più isolati...

Anche un solo bicchiere di vino o una pinta di birra al giorno alza rischio di demenza

Una nuova ricerca eseguita da accademici di un certo numero di università, compresa quella di Oxford, ha dimostrato che bere anche questa quantità di alcol potrebbe costituire un rischio serio per la salute, in particolare nella mezza età.

Il rapporto potrebbe portare...

Alle Molinette di Torino la diagnosi precoce di Alzheimer fatta con occhiali o con smartphone

La diagnosi precoce dell'Alzheimer fatta con occhiali avveniristici o con il semplice smartphone. Dalle prossime settimane l'ospedale Molinette della Città della Salute di Torino per la prima volta sarà il capofila del Progetto internazionale My-AHA.

La malattia di...

Un allenamento speciale può migliorare memoria e pensiero nel lieve deficit cognitivo?

La cognizione è la capacità di pensare e di prendere decisioni. Gli esperti medici si stanno concentrando sempre più sui trattamenti non farmacologici che mantengono la salute cognitiva mentre invecchiamo. Mantenere la capacità di pensare in modo chiaro, e prendere...

Il gene della memoria diventa virale

Due team indipendenti di scienziati dell'Università dello Utah e della University of Massachusetts hanno scoperto che un gene cruciale per l'apprendimento, chiamato Arc, può inviare il suo materiale genetico da un neurone all'altro usando la stessa strategia...

L'Alzheimer provoca più disfunzione delle sinapsi che perdita di neuroni?

Il morbo di Alzheimer, che colpisce di frequente gli anziani, è considerato una malattia neurodegenerativa, il che significa che è accompagnato da una perdita significativa e progressiva di neuroni e delle loro terminazioni nervose o sinapsi.

Uno studio congiunto franco-canadese...

Come ricorda il tuo cervello quello che hai mangiato ieri sera?

Confermando i precedenti modelli computazionali, i ricercatori della University of California San Diego, con i colleghi di Arizona e Louisiana, riferiscono che i ricordi episodici sono codificati nell'ippocampo del cervello umano da serie distinte e sparse di neuroni.

I...

Gli anziani riconoscono sempre più, ma tuttora sottovalutano, il deterioramento cognitivo

Negli ultimi due decenni un numero crescente di anziani sta segnalando un deterioramento cognitivo nella loro famiglia, secondo un nuovo studio condotto da ricercatori della New York University e della East Carolina University.

Lo studio, che trova anche differenze etniche...

Nuovo studio esamina il legame menopausa-Alzheimer

 
Recenti ricerche confermano che l'Alzheimer (MA) non è in realtà una malattia della vecchiaia; i cambiamenti nel cervello che portano alla perdita di memoria e ad altri problemi iniziano quando gli adulti raggiungono i 40/50 anni. Ora gli scienziati potrebbero...

Età, etnia, salute mentale contribuiscono al rischio di demenza post-ictus

L'ictus può essere collegato ad un rischio maggiore di demenza, ma il declino cognitivo non è una conseguenza inevitabile dell'evento, secondo quanto hanno riferito dei ricercatori questa settimana sul Journal of American Heart Association.

Dopo il fatto, i sopravvissuti...

Studio dimostra potenziale della musica nella demenza e chiede più supporto pubblico

I sintomi della demenza di centinaia di migliaia di persone vulnerabili potrebbero migliorare significativamente se ascoltano e suonano la musica, secondo un rapporto.

Lo studio, che ha raccolto prove esistenti e parlato con esperti, ha scoperto che la musica può aiutare...

Ricercatori registrano il tragitto di un pensiero dall'inizio alla fine

Degli scienziati hanno condotto uno studio innovativo osservando pazienti che erano pronti a subire un intervento chirurgico per l'epilessia.

Per monitorare l'attività elettrica dei neuroni del cervello, i ricercatori hanno usato una tecnica chiamata 'elettrocorticografia',...

Il DNA della 'materia scura' influenza sviluppo del cervello: conseguenze per l'Alzheimer

Un enigma posto da segmenti di "materia oscura" nei genomi - lunghi e sinuosi filamenti di DNA senza funzioni evidenti - sta eludendo gli scienziati da oltre un decennio. Ora, un gruppo ha finalmente risolto l'enigma.

Il rebus è incentrato su sequenze di DNA che non...

In mostra il cervello disegnato a mano dal padre delle neuroscienze


Non capita spesso di vedere una mostra con l'aiuto dello stesso apparato che è il suo soggetto. Ma questo è quello che accade con 'The Beautiful Brain: The Drawings of Santiago Ramón y Cajal' (Il cervello bellissimo: i disegni di Santiago Ramón y Cajal)...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Lunedì, 22 January 2018 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

Feedback dei volontari - Approfondimenti di eventuali dubbi

Lunedì, 29 January 2018 20:30
L'Associazione Alzheimer ONLUS di Riese Pio X organizza un corso di formazione per i volontari dei Centri...
Luogo : Sala Piano Terra del Municipio di Riese Pio X, Via G. Sarto 31

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 13 February 2018 20:30 - 22:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

CA Cornuda: Difficoltà cognitive e disturbi del comportamento

Venerdì, 16 February 2018 17:00 - 18:30
"... la demenza non è solo Alzheimer ..."
Il Caffè Alzheimer 'Incontriamoci al caffè', una iniziativa...
Luogo : Sala Consiliare Comune Cornuda, P.zza Giovanni XXIII,1

CA Montebelluna: Rilevare e gestire il dolore del paziente non comunicante

Martedì, 20 February 2018 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer"

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Bobby grande

Cagnolino ottenuto da un asciugamano di spugna di puro cotone, dimensione 110 x 60 cm.
Disponibile...

Orologio GPS

Localizzatore satellitare con funzioni di telefonia integrato in un orologio da polso. La migliore soluzione...

Set 3 Bobby

Set di 3 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60, 40x60 e 30x30...

Rosso DOC Ca'Rossa

Il vino rosso “Rosso Ca’ Rossa” è ottenuto da un uvaggio di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc...

Bassano

Bassano: Immagini senza tempo.
Un’eccezionale raccolta di immagini storiche e cortoline d’epoca...

Marginatore con gemma

Delineatori di margine (marginatori)
Segnalimite europeo bianco/rosso – con gemma di cm. 5x18, collocati...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2018 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°