Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Siamo stati invitati a una festa: è una buona idea portare la mamma con Alzheimer?

Il Giorno del Ringraziamento è un momento di unione familiare, socializzazione, reminiscenza e celebrazione. Tuttavia, tali eventi possono causare confusione e ansia per la persona interessata. Ma con un po' di pazienza e di comprensione, tu e tua madre potete passare...

Le benzodiazepine aumentano la mortalità dei pazienti di Alzheimer

La benzodiazepina e i farmaci relativi sono associati ad un aumento del 40% della mortalità tra le persone con Morbo di Alzheimer (MA), secondo un nuovo studio eseguito all'Università della Finlandia Orientale. I risultati sono stati pubblicati sull'International Journal...

L'Alzheimer danneggia solo una parte dei neuroni, quella frontale: perché?

Il Morbo di Alzheimer (MA) è noto per causare perdita di memoria e declino cognitivo, ma altre funzioni del cervello possono rimanere intatte.

È in gran parte sconosciuta la ragione per cui le cellule di alcune aree cerebrali degenerano mentre altre sono protette.

In...

Le festività sono difficili per chi ha una demenza e per la famiglia

La professoressa associata Rita Jablonski PhD, dell'Università dell'Alabama di Birmingham, ha una lista di accorgimenti per i caregiver familiari, che possono rendere più facili le cose per tutti durante le prossime festività o vacanze:

Studia piani di viaggio realistici....

La morte di un anziano è peggiore di quella di un giovane?

Poco tempo prima che morisse, mi sono seduto in ospedale con mio nonno, facendogli compagnia mentre aspettava, vestito e dall'aspetto desolato, qualunque cosa potevano fare i medici. Prima che me ne andassi, mi indicò l'armadio e mi chiese di portare a casa il suo portafoglio....

Tossicità dei grovigli Tau dipende dai 'granuli di stress': opportunità di intervento?

In un nuovo studio, i ricercatori della Boston University descrivono un modello unico della biologia del Morbo di Alzheimer (MA) che può portare a un approccio completamente nuovo per il trattamento della malattia. I risultati sono apparsi sulla rivista Nature Neuroscience.

L'MA...

Anche la demenza frontotemporale può essere rilevata presto nell'occhio

I cambiamenti negli occhi potrebbero aiutare a diagnosticare l'insorgenza della demenza frontotemporale, la seconda forma più diffusa di demenza, secondo una nuova ricerca degli scienziati dell'Università dell'Alabama di Birmingham, dei Gladstone Institutes e dell'Università...

Cellule buone diventano cattive ... e portano al Parkinson

Un nuovo studio di The Scripps Research Institute (TSRI) è il primo a mostrare precisamente come un processo nelle cellule nervose chiamato 'reazione S-nitrosilazione' (SNO), che può essere causato da invecchiamento, pesticidi e inquinamento, può contribuire alla...

Sono incerta se portare mio padre con demenza al matrimonio della nipote

'Mia nipote si è appena fidanzata ed è iniziata la frenesia della pianificazione del matrimonio. Invece di sentirmi elettrizzato, ho cominciato a preoccuparmi se papà, che ha la demenza, potrà partecipare al matrimonio'. Lettera firmata

L'idea di avere un individuo...

Sopravissuti a infarto hanno più rischio di demenza vascolare, ma non di Alzheimer

Un nuovo studio ha trovato che i sopravvissuti a un attacco di cuore hanno un rischio più alto di sviluppare demenza.

Dei ricercatori danesi hanno studiato 314.911 pazienti con infarto miocardico e li hanno confrontati con 1.573.193 controlli che non avevano avuto un...

Cosa ci insegna l'Alzheimer, secondo il medico

La demenza colpisce dal 5 all'8% delle persone sopra i 60 anni di età, aumentando fino al 40% circa quando si passano i 90 anni. Questa statistica si traduce in almeno una nuova persona che ne soffre, ogni minuto, in tutto il mondo.

Il Morbo di Alzheimer (MA), che è...

Svelato nuovo meccanismo di morte cellulare nelle neurodegenerazioni

I ricercatori del King's College di Londra hanno scoperto nuovi meccanismi di morte cellulare, che possono essere coinvolti in disturbi neurodegenerativi debilitanti, come l'Alzheimer e il Parkinson.

Questa nuova ricerca, pubblicata ieri su Current Biology, potrebbe...

Già le fasi preliminari della demenza riducono la capacità di memorizzare i volti umani

Un gruppo di ricerca giapponese ha rivelato che le persone anziane con 'decadimento cognitivo lieve' (MCI) hanno una capacità particolarmente indebolita di memorizzare a breve termine le facce umane, rispetto agli anziani sani. I pazienti con MCI hanno anche un diverso...

Simenticare o ricordare? La memoria dipende da sottili segnali mentali

La fragranza della torta calda di zucca può riportare piacevoli ricordi delle feste passate, mentre il profumo di una stanza d'ospedale antisettica può causare un brivido. Il potere degli odori di attivare ricordi piacevoli e avversi esiste in molti animali, dagli umani...

La proteina Tau forma complessi tossici con le membrane cellulari

Il cervello dei pazienti con Morbo di Alzheimer (MA) contiene grovigli caratteristici all'interno dei neuroni, che si formano quando una proteina chiamata Tau si aggrega in fibrille contorte. Di conseguenza, i sistemi di trasporto dei neuroni si disintegrano, i nutrienti...

Esercizio fisico ad alta intensità, più quello cognitivo, potenziano la memoria

 
I vantaggi per la salute dell'esercizio ad alta intensità sono ampiamente noti, ma una nuova ricerca eseguita alla McMaster University ne indica un altro importante: una memoria migliore.

I risultati potrebbero avere implicazioni per la popolazione che invecchia,...

Estratto di zafferano è un'arma potenziale contro l'Alzheimer

Dallo zafferano un'arma contro il ladro di ricordi. L'estratto di questa spezia, infatti, secondo uno studio italiano agisce un po' come un abile spazzino, "favorendo la degradazione della proteina beta-amiloide, la proteina tossica principale indiziata di causare...

Tecnica di scansione Raman vede l'Alzheimer a livello cellulare e oltre

Usando la tecnologia ottica 'Raman', gli scienziati dell'Università di Twente, possono ora produrre immagini del tessuto cerebrale colpito dal Morbo di Alzheimer (MA). Le immagini includono anche le aree circostanti, che mostrano già dei cambiamenti.

L'MA è associato...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di Alzheimer. Ho avuto problemi occasionali [con il sonno] durante la maggior parte della mia vita e sembra che stia peggiorando man mano che invecchio. Quanto dovrei essere preoccupato?

Caro...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Lunedì, 27 November 2017 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

Deficit cognitivi nella demenza, memoria e attenzione

Mercoledì, 29 November 2017 20:30
L'Associazione Alzheimer ONLUS di Riese Pio X organizza un corso di formazione per i volontari dei Centri...
Luogo : Sala Piano Terra del Municipio di Riese Pio X, Via G. Sarto 31

Deficit cognitivi nella demenza: linguaggio, abilità prassiche e funzioni esecutive

Lunedì, 11 December 2017 20:30
L'Associazione Alzheimer ONLUS di Riese Pio X organizza un corso di formazione per i volontari dei Centri...
Luogo : Sala Piano Terra del Municipio di Riese Pio X, Via G. Sarto 31

CA Montebelluna: Film 'Tutto quello che vuoi'

Martedì, 12 December 2017 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer"

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 12 December 2017 20:30 - 22:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Viaggio nelle Venezie - Belluno

Immagini BellunoCollana Viaggio nelle Venezie Belluno, nel regno dele Dolomiti
 
Un viaggio nella «città...

I ricordi perduti

"I RICORDI PERDUTI"
di Giulia Basile
" ... ci sono dolori che nessuna penna è in grado...

Set 3 Bobby

Set di 3 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60, 40x60 e 30x30...

Marostica

Marostica: I castelli, le mura, il borgo.
Il suggestivo racconto – in parole e immagini – dell’origine,...

Rosso DOC Ca'Rossa

Il vino rosso “Rosso Ca’ Rossa” è ottenuto da un uvaggio di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc...

Localizzatore indossabile WEAR2 + smartphone

Nuovo GPS Tracking “WEAR2” che permette alle persone con Alzheimer, demenza, autismo e altri disturbi...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2017 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°