Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Le persone con Alzheimer sono più sensibili ai rumori?

Dei cinque sensi, l'udito ha l'impatto più significativo su coloro che hanno l'Alzheimer o la demenza, in termini di qualità di vita.

Una perdita di udito può peggiorare gli effetti dei cambiamenti sensoriali alterando il modo in cui un individuo percepisce gli stimoli...

Studio classifica sicurezza ed efficacia dei miglioratori cognitivi per Alzheimer moderato/grave

Un nuovo studio che classifica la sicurezza e l'efficacia di quattro farmaci presi per migliorare la concentrazione, la memoria, la vigilanza e gli stati d'animo, ha scoperto che il donepezil (nome commerciale Aricept) ha la probabilità più alta di migliorare efficacemente...

Anziani che hanno difficoltà a identificare gli odori rischiano la demenza

Uno studio a lungo termine su quasi 3.000 adulti, da 57 a 85 anni di età, ha scoperto che coloro che non sono riusciti a identificare almeno 4 su 5 odori comuni hanno avuto più del doppio delle probabilità di sviluppare la demenza entro cinque anni, rispetto a coloro...

Interrompere il circolo vizioso degli antipsicotici in demenza

Fino a due terzi delle persone con Alzheimer sperimentano episodi psicotici, ma il sintomo angosciante è ancora molto poco riconosciuto ed è difficile da trattare. I trattamenti antipsicotici attuali hanno un piccolo impatto sull'eliminazione dei sintomi, ma possono...

Biomarcatore 'ideale', non invasivo, rileva l'Alzheimer prima dei sintomi

L'assenza di un'attivazione prefrontale, durante l'invio di toni semplici, rileva l'Alzheimer (AD) prima della comparsa dei sintomi.

Con un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Human Brain Mapping, la fisica Sanja Josef Golubic PhD, dell'Università di Zagabria,...

Donne con pressione alta a 40/50 anni hanno rischio più alto di demenza

Le donne che hanno una pressione sanguigna alta da 40 a 50 anni possono avere maggiori probabilità di sviluppare la demenza anni dopo, secondo uno studio pubblicato il 4 ottobre 2017 on-line su Neurology®.

"La pressione sanguigna alta in mezza età è un fattore...

Sondaggio rivela differenze in 5 paesi europei nel ritardo della diagnosi di demenza

Il Prof. Bob Woods della Bangor University in GB ha presentato ieri, alla 27ma conferenza di Alzheimer Europe di Berlino, i risultati di un sondaggio su cinque paesi europei (Italia, Repubblica Ceca, Finlandia, Scozia e Olanda) relativo all'esperienza di 1.409 caregiver...

Legame tra cervello e sistema immunitario potrebbe aiutare a spiegare l'Alzheimer

Le evidenze emerse di recente, che il sistema immunitario del corpo interagisce direttamente con il cervello, potrebbero portare a una nuova comprensione di malattie che vanno dalla sclerosi multipla all'Alzheimer.

Un team ha riferito martedì sulla rivista online eLife...

La demenza frontotemporale costa quasi il doppio dell'Alzheimer [studio]

Secondo un nuovo studio, la degenerazione frontotemporale (FTD), la demenza più comune per le persone al di sotto dei 60 anni, impone un onere economico molto più grave dell'Alzheimer alle famiglie.

Lo studio, che apparirà nell'edizione di Neurology del 14 Novembre,...

Un buon sonno notturno è la tua migliore difesa dalla demenza

Non sarebbe incredibile vedere il futuro e immaginare di non dimenticare mai un nome, non perdere le chiavi, non ripetersi o non avere mai bisogno di affidarsi a persone care che si prendono cura di te? Immagina di poter continuare a fare tutte le cose che ti piacciono...

Come assicurare una morte confortevole ai più anziani, con o senza demenza

I più anziani hanno più probabilità di morire confortevolmente in una casa di cura o a casa propria, rispetto alla morte in un ospedale, suggerisce un nuovo studio effettuato all'Università di Cambridge. Eppure, mentre si riferisce che la stragrande maggioranza di...

L'interazione sociale ha un ruolo primario nella gestione della demenza

Demenza è un termine 'ombrello' che indica un disordine progressivo dell'età, presente principalmente negli anziani. È associato al deterioramento della memoria, della cognizione, del comportamento e alla diminuzione della loro capacità di svolgere le attività della...

Gli occhi hanno le informazioni per rilevare un eventuale Alzheimer

Degli scienziati australiani sospettano che le proteine ​​coinvolte nella cecità possono causare anche l'Alzheimer, dopo aver trovato segnali precoci di demenza negli occhi delle persone.

Un team di ricerca guidato da ricercatori australiani dice di aver identificato...

Discoteca silenziosa offre ai malati di demenza benefici mentali sorprendenti

Una discoteca silenziosa evoca solitamente immagini di ventenni fanatici di techno hard-core in un festival, ma ora anche dei pazienti di demenza stanno portando le cuffie con grande successo.

Per la prima volta al mondo, la discoteca silente è usata come terapia per...

Demenza, il manuale del metodo Teci in prima nazionale a Catanzaro

La data del 14 ottobre segna un traguardo importante per la Ra.Gi. Onlus, perché dopo anni di studi, ricerche, osservazioni verrà presentato in prima nazionale, nella Sala Consiliare di Palazzo De Nobili a Catanzaro, il manuale “Il corpo nella demenza: la Terapia Espressivo...

 

I prossimi eventi:

L'importanza della relazione e del contatto: il nurturing touch (incontro pratico) - Caffè Alzheimer Pedemontano

Giovedì, 19 October 2017 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Via Campagna 46, Loria

La terapia occupazionale: il fare insieme per dare senso alla giornata di una persona malata di demenza - Caffè Alzheimer Pedemontano

Giovedì, 16 November 2017 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Via Campagna 46, Loria

Consapevolezza e accettazione della malattia: i benefici della Mindfulness - Caffè Alzheimer Pedemontano

Giovedì, 21 December 2017 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Sede Municipale – Piazza 13 Martiri, Cavaso del Tomba

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Bobby piccolo

Cagnolino ottenuto da un asciugamano piccolo di spugna in puro cotone, dimensione 30x30 cm.
Disponibile...

Viaggio nelle Venezie - Volume introduttivo

Viaggio nelle Venezie Volume introduttivo - Nuova edizione 2012
«Sartie di navi, distese...

Coppia terminali x rallentatori 3M

I rallentatori di velocità sollecitano il veicolo in transito, imprimendogli un'accelerazione verticale...

Paletto pedonale

Paletto parapedonale verniciato bianco con 2 fasce rinfrangenti rosse.
Diametro 6 cm, altezza 120 cm....

Viaggio nelle Venezie - Treviso

Immagini TrevisoCollana Viaggio nelle Venezie Treviso, i luoghi del colore
 
Alla scoperta della città famosa per...

Specchio rotondo

Specchio stradale rettangolare completo di palo di installazione.
Diametri disponibili 50 - 60 - 70...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2017 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°