Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Ciceroni non funzionanti: la causa comune alla radice di Alzheimer e altre neurodegenerazioni

La perdita della funzione motoria e dell'acutezza mentale associata alla malattia di Huntington potrebbe essere curabile ripristinando un processo cellulare di controllo della qualità, che i ricercatori della Duke University hanno identificato come un fattore chiave...

Anomalia della tau è alla base della degenerazione lobare frontotemporale, demenza di mezza età

La degenerazione lobare frontotemporale (FTLD) è un tipo di demenza caratterizzato da cambiamenti di personalità, disfunzioni del linguaggio e comportamento anormale.

Ha una insorgenza più precoce dell'Alzheimer, ed è associata ad un accumulo della proteina tau nelle...

Nuova scoperta potrebbe essere grande passo avanti per le malattie neurologiche

La scoperta di un nuovo meccanismo che controlla il modo in cui le cellule nervose del cervello comunicano tra loro, per regolare l'apprendimento e la memoria a lungo termine, potrebbe avere importanti benefici per capire come funziona il cervello e ciò che va storto...

Il farmaco sperimentale nelotanserin passa alla Fase3, ma restano questioni aperte

La Axovant ha dichiarato che il suo farmaco sperimentale nelotanserin ha superato un ostacolo iniziale nello studio di Fase II per la demenza da Corpi di Lewy, innescando la decisione di espandere il processo di fase media e ottenere il via libera per uno studio...

'Essere Umani': cultura attenta e creativa per pazienti e personale in ospedale

Il ricovero in ospedale, sia esso imprevisto o programmato, può essere un momento molto difficile per i pazienti e le loro famiglie. L'assistenza e il sostegno da parte del personale ospedaliero possono fare una differenza enorme, ma quando il personale ha di fronte...

I figli di portatori della mutazione C9ORF72 rischiano prima la demenza frontotemporale

 
 
La causa genetica più comune della demenza frontotemporale (FTD) e della sclerosi laterale amiotrofica (SLA) è una mutazione nel gene C9orf72.

Ricercatori della VIB (Vlaams Instituut voor Biotechnologie) e della University of Antwerp, diretti dalla Prof.ssa...

miR-29: la micromolecola anti-invecchiamento che inibisce il deposito di ferro nei neuroni


Più anziani diventiamo, più il cervello invecchia. Le capacità cognitive declinano e aumenta...

E' depressione o demenza? La scansione SPECT aiuta a distinguerle

Il paziente ha la depressione o un disturbo cognitivo (CD) come l'Alzheimer? O entrambi? Dal momento che entrambi i disordini hanno sintomi che si sovrappongono, come può il medico distinguerle per fare una diagnosi appropriata?

In un nuovo studio pubblicato sul Journal...

Studio: la terapia ormonale potrebbe non proteggere dall'Alzheimer

L'ultimo studio su terapia ormonale e Alzheimer non mostra alcuna relazione tra i farmaci e la possibilità di sviluppare la malattia in seguito. Alcuni studi precedenti avevano dimostrato che la terapia ormonale può aumentare il rischio di malattia, mentre altri avevano...

Trovate le prove di danni cerebrali da colpi di testa in ex calciatori

E' stata trovata la prova di Encefalopatia Traumatica Cronica (CTE), una causa potenziale di demenza causata da ripetuti colpi di testa, nel cervello di ex calciatori esaminati alla Queen Square Brain Bank dell'UCL.

Lo studio, finanziato dalla Drake Foundation...

Quello che non ti uccide, ti rende più forte

I biologi sanno da decenni che sopportare un breve periodo di stress lieve permette agli organismi semplici e alle cellule umane di sopravvivere meglio a un successivo stress più tardi nella vita.

Ora, gli scienziati del Sanford Burnham Prebys Medical Discovery Institute...

Altro farmaco sperimentale riesce a ridurre l'Alzheimer ... dei topi

Uno studio pubblicato sulla rivista Alzheimer's & Dementia ha cercato di capire se il composto AC253 può inibire una proteina "canaglia" chiamata amiloide.

La proteina si trova in gran numero nel cervello dei malati di Alzheimer e si sospetta che sia...

Anche il farmaco sperimentale della Merck va inserito nella catastrofe dell'Alzheimer

Dimentichiamoci dell'ennesimo farmaco potenziale per l'Alzheimer.

La Merck ha annunciato Martedì scorso che sta per chiudere il suo studio EPOCH dell'inibitore BACE verubecestat per Alzheimer da lieve a moderato, dopo che il comitato esterno di monitoraggio...

Può essere lo squilibrio di calcio nei neuroni a innescare l'Alzheimer

I mitocondri - talvolta chiamati 'centrale energetica della cellula' - sono piccole strutture che trasformano il cibo in energia, in 'carburante' per le cellule.

Nei mitocondri di una cellula cerebrale gli ioni di calcio controllano quanta energia viene prodotta per il...

La mezza età è il momento per ridurre il rischio di demenza

Le persone che vogliono ridurre il rischio di demenza in età avanzata devono iniziare a cambiare il proprio stile di vita in mezza età.

Il periodo critico per ottimizzare la salute del cervello nell'invecchiamento e prevenire la demenza è fino a 20 anni prima della...

Quattro cose che in genere gradiscono i pazienti in ogni fase dell'Alzheimer

Questo articolo si concentra sulle attività speciali per coinvolgere e divertire le persone che hanno l'Alzheimer o un'altra demenza.

Stabilire una connessione è essenziale per il benessere delle persone che vivono con la malattia. Ci sono delle attività speciali...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto

Martedì, 28 February 2017 17:45 - 19:15
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

L'amministratore di sostegno e il tutore legale - Caffè Alzheimer Montebelluna

Martedì, 14 March 2017 16:30
Ritroviamoci al Caffè
E' una iniziativa, organizzata dal Comune di Montebelluna e dalla...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 14 March 2017 20:30 - 22:00
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole (Sala Centro Sollievo)

Disturbi mentali e demenza: quali sono le differenze? - Caffè Azheimer Pedemontano

Giovedì, 16 March 2017 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Sede Associazione Alzheimer, Via Schiavonesca 13, Riese Pio X

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto

Martedì, 28 March 2017 17:45 - 19:15
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Localizzatore indossabile MICRO

Nuovo GPS Tracking “MICRO” che rivoluziona il settore sanitario. Le persone con Alzheimer, demenza...

Bobby piccolo

Cagnolino ottenuto da un asciugamano piccolo di spugna in puro cotone, dimensione 30x30 cm.
Disponibile...

I ricordi perduti

"I RICORDI PERDUTI"
di Giulia Basile
" ... ci sono dolori che nessuna penna è in grado...

Marginatore con gemma

Delineatori di margine (marginatori)
Segnalimite europeo bianco/rosso – con gemma di cm. 5x18, collocati...

Bobby grande

Cagnolino ottenuto da un asciugamano di spugna di puro cotone, dimensione 110 x 60 cm.
Disponibile...

Specchio rotondo

Specchio stradale rettangolare completo di palo di installazione.
Diametri disponibili 50 - 60 - 70...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2017 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°