Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Mia madre perde i soldi e incolpa gli altri di averli rubati: è demenza?



Cara Mary, spero che tu mi possa aiutare con alcuni problemi che abbiamo con la mamma.

Vive nella sua casa in uno stato vicino. Mio fratello, che ha problemi coronarici, va a casa sua tutti i giorni, prepara i pasti, ripara ciò che serve, e si occupa...

Metà dei pazienti di Alzheimer hanno anche lesioni vascolari: per questo falliscono i farmaci?

Poiché l'Alzheimer (AD) è la causa principale di demenza, molte persone usano i due termini come sinonimi.

Ma il flusso sanguigno inadeguato al cervello, a causa di micro-infarti, mini-ictus o ictus, è un segno distintivo della malattia chiamata Deterioramento Cognitivo...

E' la rete fluttuante del cervello che ci fa pensare meglio

Negli ultimi 100 anni, gli scienziati hanno capito che diverse aree del cervello hanno scopi unici. Solo di recente si sono resi conto che l'organizzazione non è statica. Piuttosto che avere percorsi di comunicazione rigorosamente definiti tra le varie aree, il livello...

Trovata nuova proteina anomala che potrebbe contribuire allo sviluppo dell'Alzheimer

Una proteina patologica, individuata di recente nel cervello, può avere un ruolo nello sviluppo della demenza clinica da Alzheimer più importante di quanto si pensa, secondo uno studio condotto da ricercatori della Rush University.

I risultati dello studio, su quasi...

Come riesce il cervello a generare nuovi ricordi senza perdere quelli vecchi?

Scienziati della Columbia University hanno sviluppato un nuovo modello matematico che aiuta a spiegare come la complessità biologica permette al cervello umano di stabilire nuovi ricordi senza cancellare quelli vecchi, chiarendo come il cervello mantiene la fedeltà dei...

La caffeina potrebbe aiutare le donne anziane a evitare la demenza

Un'assunzione più alta di caffeina da parte di un gruppo di donne si è associata a probabilità minori di demenza o di decadimento cognitivo, secondo un nuovo studio pubblicato su The Journals of Gerontology, Series A: Biological Sciences and Medical Sciences.

In...

L'Alzheimer sta lentamente svelando i suoi segreti, e i 'geni di rischio' sono solo un pezzo del puzzle

Anche se le cause dell'Alzheimer rimangono un mistero, la ricerca genetica sta ora fornendo indizi su come si sviluppa la malattia. Sappiamo che delle mutazioni genetiche rare possono causare l'Alzheimer ad esordio precoce, ma nella forma più comune ad insorgenza tardiva...

Quando il gioco finto è reale per i pazienti di Alzheimer

Seduta accanto a una culla ben fatta, l'88-enne Vivian Guzofsky solleva una bambola vestita in pigiama da cucciolo. "Ciao bellissima", dice, ridendo. "Sei così carina".

La Guzofsky, che ha l'Alzheimer, vive in un settore protetto di memoria in una casa di...

Poche prove di benefici dei giochi di stimolazione mentale nella vita reale

Una revisione sistematica degli studi scientifici citati dalle società che vendono giochi di allenamento del cervello (come prova che i loro prodotti migliorano la cognizione nella vita quotidiana) non ha trovato prove convincenti a sostegno di queste affermazioni.

Anche...

Afasia primaria progressiva: rara forma di demenza che non fa più parlare le persone

Nel mondo ci sono diversi milioni di persone interessate dalla demenza, che è di molti tipi, come quella causata dall'Alzheimer o la demenza vascolare (che può essere causata da un ictus) o la demenza con corpi di Lewy.

Terry Jones, la star dei Monty Python, ha avuto...

Ricercatori sono riusciti a trasformare (nei topi) il gene dannoso APOE4 nella variante sana E3

 
 
Negli ultimi 20 anni i ricercatori si sono concentrati sui peptidi di amiloide-beta e sulla "placca" che generano nel cervello malato, come obiettivo principale della ricerca di Alzheimer. Ma è dolorosamente lento il ritmo di progresso di un trattamento...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte malattie caratterizzate da proteine ​​mal ripiegate e aggregate, e dall'infiammazione nel cervello. In oltre il 90 per cento dei casi, i medici e gli scienziati non sanno che cosa...

Identificato il 'boia' delle cellule cerebrali al lavoro su ictus, lesioni cerebrali e neurodegenerazioni

Nonostante ictus, lesioni e persino malattie neurodegenerative come l'Alzheimer abbiano un innesco diverso, sembra che della morte delle cellule cerebrali in tali malattie sia responsabile una stessa catena di eventi molecolari.

Ricercatori della Johns Hopkins dicono ora...

La ricerca fornisce la dimostrazione del legame biologico tra stress e obesità

I disturbi metabolici e quelli legati all'ansia costituiscono un onere sanitario significativo, e sono sotto i riflettori della ricerca attuale e degli sforzi terapeutici.

Anche se assumiamo intuitivamenteche questi due fenomeni siano sovrapposti, il collegamento non era...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 11 October 2016 20:30 - 22:00
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole (Sala Centro Sollievo)

Istruzioni d’uso per rendere piacevole e sicuro il momento del pasto

Giovedì, 20 October 2016 17:00 - 19:00
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria – Via Campagna, 46

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 08 November 2016 20:30 - 22:00
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole (Sala Centro Sollievo)

Prendersi cura del malato

Giovedì, 17 November 2016 17:00 - 19:00
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria – Via Campagna, 46

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto

Martedì, 22 November 2016 17:45 - 19:15
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Palazzo Celestino Piva, Via Piva, Valdobbiadene

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Il cuore non dimentica

"Il cuore non dimentica"
di Marisa Basso
In viaggio con mia madre e il “Signor Alzheimer”
Perchè...

Rosè Spumante

Il "Rosato Frizzante Ca' Rossa" è ottenuto da uve "Merlot" , da viti coltivate con il sistema sylvoz,...

Marginatore con gemma

Delineatori di margine (marginatori)
Segnalimite europeo bianco/rosso – con gemma di cm. 5x18, collocati...

Viaggio nelle Venezie - Padova

Immagini PadovaCollana Viaggio nelle Venezie Padova, Città tra pietre e acque
 
Un suggestivo viaggio alla scoperta...

I ricordi perduti

"I RICORDI PERDUTI"
di Giulia Basile
" ... ci sono dolori che nessuna penna è in grado...

Archetto antisosta

Archetto antisosta verniciato in rosso con dispositivo per lucchetto.
Il prezzo comprende l'IVA vigente.
Il...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2016 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°