Cosa c'è di nuovo nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa c'è di nuovo nel Mondo dell'Alzheimer

Buongiorno
Ecco di seguito gli aggiornamenti del sito www.alzheimer-riese.it. Clicca sul titolo per leggere tutto l'articolo.

L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito. Grazie in anticipo.


Vittorina Zanon: 8 Marzo - La forza delle donne, viaggio nel mondo dell'Alzheimer e ritorno

Insolitamente.jpg Che l’Alzheimer preferisca le donne è presto detto ... e non perché i loro neuroni sono più accattivanti o meno resistenti.

A dire il vero vi è una maggiore incidenza di malattia legata perlopiù alla confermata longevità del sesso femminile e quindi a un’elevata...

Basso assorbimento di zucchero nel cervello sembra esacerbare l'Alzheimer

Basso assorbimento di zucchero nel cervello sembra esacerbare l'AlzheimerFoto: ShutterstockUna carenza della proteina responsabile del trasporto del glucosio attraverso la barriera emato-encefalica, che protegge il cervello, sembra intensificare gli effetti neurodegenerativi dell'Alzheimer, secondo un nuovo studio sui topi effettuato alla Keck School of Medicine...

Il GPS del cervello non si ferma mai: nemmeno nel sonno profondo

Il GPS del cervello non si ferma mai: nemmeno nel sonno profondoI ricercatori del Langone Medical Center della New York University hanno scoperto che le cellule cerebrali che aiutano a percepire la direzione sono elettricamente attive durante il sonno profondo come lo sono durante il tempo di veglia e ricevono segnali visivi e vestibolari...

Identificato nuovo obiettivo nella lotta all'Alzheimer e alla sclerosi multipla

Identificato nuovo obiettivo nella lotta all'Alzheimer e alla sclerosi multiplaDi norma, le cellule del cervello note come microglia (verde) circondano le placche di Alzheimer (blu) per aiutare ad eliminarle, assieme ad altri detriti cellulari, dal cervello. Ma le microglia qui sopra mancano di una proteina chiave coinvolta in questo processo. Si pensa che tale proteina possa essere un obiettivo di trattamento per l'Alzheimer, la sclerosi multipla e altri disturbi neurologici che la nuova ricerca ha collegato alla proteina. (Fonte: Yaming Wang / Bernd Zinselmeyer)Evidenziando un potenziale bersaglio per il trattamento della sclerosi multipla (SM) e dell'Alzheimer, una nuova ricerca suggerisce che l'innesco di una proteina presente sulla superficie delle cellule del cervello può aiutare a rallentare la progressione di queste e altre...

 


Il sito propone l'acquisto online di una serie di prodotti molto interessanti, per i quali il produttore riconosce un piccolo contributo all'Associazione Alzheimer. Ogni acquisto da parte tua diventa un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2015 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°