Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Buongiorno

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it. Clicca sul titolo per leggere tutto l'articolo.

Ricercatori riescono a riparare gli assoni dei neuroni malati, con una distruzione minima di tessuto

Le reti neurali sviluppate in laboratorio hanno la capacità di sostituire le tracce assonali perse nel cervello dei pazienti con gravi ferite alla testa, con ictus o con malattie neurodegenerative e possono essere introdotte in tutta sicurezza e con una minima distruzione...

Le persone con demenza possono migliorare se imparano ad autogestirsi

Uno studio ha scoperto che la frequenza a sessioni di gruppo settimanali per l'«autogestione», che incoraggiavano la socializzazione, la discussione, la soluzione dei problemi e la definizione degli obiettivi, ha favorito l'indipendenza e ha promosso il sostegno sociale...

Studio non trova legami tra anestesia e MCI in vecchiaia, solo per le operazioni prima dei 60 anni

Uno studio della Mayo Clinic, su persone che hanno ricevuto l'anestesia per un intervento chirurgico dopo i 40 anni, non ha trovato alcuna associazione tra l'anestesia e lo sviluppo di decadimento cognitivo lieve più tardi nella vita. Il decadimento cognitivo lieve (MCI)...

La capacità della memoria umana è 10 volte maggiore di quello che si pensava

Ricercatori e collaboratori del Salk Institute hanno acquisito una visione cruciale della dimensione delle connessioni neurali, fissando la capacità del cervello di memorizzare di gran lunga oltre le stime comuni.

Il nuovo lavoro risponde anche alla vecchia questione...

La diagnosi di demenza può essere alterata dai precedenti problemi di lettura del paziente

Diagnosticare correttamente l'Alzheimer rimane una sfida per i professionisti medici. Ora, un nuovo studio pubblicato sul Journal of Alzheimer, rivela un nuovo indizio per possibili diagnosi errate.

Lo studio ha scoperto che gli anziani con una storia di problemi...

Stress cronico e ansia danneggiano il cervello e preparano alla demenza

Una ricerca di revisione scientifica avverte che dobbiamo trovare il modo di ridurre lo stress cronico e l'ansia nella vita altrimenti può aumentare il nostro rischio di sviluppare la depressione e persino la demenza.

La revisione, guidata dal Rotman Research Institute...

Nuovo test per prevedere il rischio di demenza nello studio del medico di base

Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista BMC Medicine, potrebbe essere possibile valutare il rischio di demenza analizzando le informazioni raccolte durante le visite di routine dal medico di famiglia.

I ricercatori della University College di Londra hanno sviluppato...

L'esposizione a una tossina ambientale può portare all'Alzheimer

Gli indigeni Chamorro che vivono sull'isola di Guam nel Pacifico (un territorio degli Stati Uniti) hanno portato gli scienziati a una scoperta importante; una tossina ambientale, presente in alcuni terreni e laghi dell'isola, può aumentare il rischio di Alzheimer e di...

La migliore lezione che ho appreso come caregiver di Alzheimer

L'assistenza all'Alzheimer aveva cominciato a farsi sentire. Ero esausta, ma finalmente una lampadina si è accesa nella mia testa: se non cambio qualcosa, sarò preda dello stress. In quel caso chi si prenderà cura di mia madre Peg?

Non si può addolcire l'impegno che...

I due tipi di benefici dello yoga per l'Alzheimer

Il Fattore di Crescita Nervoso (NGF) è una proteina che protegge i neuroni del cervello ed è significativamente ridotta nelle persone con Alzheimer.

Ora per la prima volta, una ricerca innovativa rivela che il NGF può essere aumentato con la respirazione yoga.

L'Alzheimer...

Guidare l'auto aiuta il morale degli anziani e contrasta la demenza

Guidare l'auto può contribuire a proteggere milioni di anziani dai sintomi della demenza come pure respingere i segni fisici dell'invecchiamento, secondo una nuova ricerca.

Lo studio dice che mettersi al volante è un modo per scongiurare il declino cognitivo, in quanto...

Capire perchè alcune persone sviluppano l'Alzheimer, e altre no

L'Alzheimer colpisce milioni di persone, ma non esiste una cura e un vero test per la diagnosi fino alla morte, quando un esame del cervello può rivelare le placche amiloidi che sono una caratteristica rivelatrice della malattia.

È interessante notare che gli stessi...

5 consigli tra i più cruciali ai caregiver di Alzheimer

In tutto il mondo, milioni di persone sono caregiver di Alzheimer per i propri cari, che sono speciali nella loro vita. Questa è una grande responsabilità, e una impresa difficile per qualsiasi individuo.

Purtroppo, tanti di loro non hanno alcuna formazione di caregiver...

Il paziente di Alzheimer nella casa di riposo

Nel tardo autunno del 2015 l'Alzheimer (AD) di mia moglie è stato complicato da gravi problemi di ansia, costringendomi ad assumere 24/7 aiutanti personali (PDA-Personal Daily Aides), perchè Clare potesse rimanere nel reparto di demenza della sua struttura di vita assistita.

Quando...

Demenza a Corpi di Lewy: una malattia sottovalutata

Friedrich Heinrich Lewy era un neurologo tedesco nato nel 1885 che si è trasferito negli Stati Uniti nel 1934 per fuggire alla Germania nazista. Ha vissuto e lavorato negli Stati Uniti, fino alla morte nel 1950.

Nel 1912, mentre studiava il morbo di Parkinson (all'epoca...

Black-out nel cervello: una nuova prospettiva sulla complessità dell'Alzheimer

L'Alzheimer punta incessantemente le grandi reti del cervello che supportano la formazione di nuovi ricordi.

E' tuttavia ancora misterioso il motivo per cui la malattia colpisce selettivamente le reti del cervello relative alla memoria e come questo problema si lega alle...

L'aromaterapia può dare benefici al paziente di Alzheimer?

Essenzialmente, l'aromaterapia è l'uso di oli vegetali aromatici, compresi gli oli essenziali, per migliorare il benessere psicologico e/o fisico.

Il termine può essere fuorviante perché non è usato necessariamente l'aroma, ma si tratta piuttosto dell'effetto che hanno...

Nuove informazioni sulle cause della perdita di orientamento nella demenza

All'Università di Exeter sono stati eseguiti 2 studi, ognuno dei quali ci porta un passo più avanti verso la comprensione dell'insorgenza della demenza, e apre potenzialmente la strada a future terapie. Entrambi gli studi, finanziati in parte da Alzheimer's Research...

 

Gli eventi dei prossimi giorni:

Lo yoga della risata: terapia complementare

Martedì, 02 February 2016 04:30pm - 06:30pm
Ritroviamoci al Caffè
"Il cuore resta anche quando si perde la ragione ...
impariamo...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna
Vedi descrizione evento

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto

Martedì, 09 February 2016 08:30pm - 10:00pm
Ogni 2° martedì del mese si riunisce il Gruppo AMA (Auto-Mutuo-Aiuto)
dalle 20:30 alle 22:00
nella...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole (TV)
Associazione Alzheimer onlus - Cell. 329 4511952 - 0423 750324

Film: "E SE VIVESSIMO TUTTI INSIEME?"

Giovedì, 18 February 2016 08:30pm
Nell'ambito del Caffè Alzheimer di Montebelluna:
GIOVEDI' 18 FEBBRAIO 2016 ALLE 20:30
NELL'AUDITORIUM...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna
Vedi descrizione evento

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Città delle Venezie - Volumi singoli

Città delle Venezie
Edizioni estratte dalla collana “Viaggio nelle Venezie”
Un ricco corredo...

Viaggio nelle Venezie - Belluno

Immagini BellunoCollana Viaggio nelle Venezie Belluno, nel regno dele Dolomiti
 
Un viaggio nella «città...

Localizzatore indossabile MICRO + smartphone

Nuovo GPS Tracking “MICRO” che permette alle persone con Alzheimer, demenza, autismo e...

Bobby piccolo

Cagnolino ottenuto da un asciugamano piccolo di spugna in puro cotone, dimensione 30x30 cm.
Disponibile...

Coppia terminali x rallentatori 3M

I rallentatori di velocità sollecitano il veicolo in transito, imprimendogli un'accelerazione verticale...

Rosè Spumante

Il "Rosato Frizzante Ca' Rossa" è ottenuto da uve "Merlot" , da viti coltivate con il sistema sylvoz,...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2016 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°