Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Scoperto meccanismo molecolare della memoria a lungo termine

Ricercatori dell'Università di Basilea hanno scoperto un meccanismo molecolare che ha un ruolo centrale nella memoria integra a lungo termine. Questo meccanismo è anche coinvolto nella perdita fisiologica di memoria in vecchiaia.

Molte forme di vita, dai vermi agli...

Intelligenza artificiale può prevedere l'Alzheimer dall'esame della retina

Una forma di intelligenza artificiale progettata per interpretare una combinazione di immagini retiniche è stata in grado di identificare con successo un gruppo di pazienti con morbo di Alzheimer (MA) diagnosticato, suggerendo che l'approccio potrebbe essere usato un...

Scoperto meccanismo che regola l'espressione di molecole cruciali delle neurodegenerazioni

Le malattie neurologiche del cervello come la demenza, l'autismo e la schizofrenia sono ora un problema sociale in crescita. Ciononostante, gli studi sulla loro causa definitiva sono ancora insufficienti. Un team di ricerca del POSTECH ha identificato da poco il meccanismo...

Identificati meccanismi che causano l'accumulo di proteine nell'Alzheimer

Un team di ricercatori della Case Western Reserve University ha compiuto un passo importante verso la comprensione dei meccanismi coinvolti nella formazione di grandi grumi di proteine tau, un segno distintivo del morbo di Alzheimer (MA) e di molti altri disturbi neurodegenerativi.

Le...

Farmaco inverte il declino mentale dell'età in pochi giorni (nei topi)

Solo poche dosi di un farmaco sperimentale possono invertire il declino legato all'età nella memoria e nella flessibilità mentale dei topi, secondo un nuovo studio di scienziati della University of California di San Francisco. Il farmaco, chiamato ISRIB, ha già dimostrato...

Nuovi test identificano cambiamenti precoci dell'Alzheimer prima dei sintomi

Ricercatori dell'Università di Göteborg in Svezia, insieme ai colleghi del Centro Ricerca Beta di Barcellona in Spagna, del Centro medico dell'Università di Lubiana in Slovenia e dell'Università di Parigi, hanno trovato nuove forme di proteina tau che diventano anomale...

Alcol legato a calo della salute del cervello, dalla culla alla tomba

Le prove degli effetti dannosi dell'alcool sulla salute cerebrale sono convincenti, ma ora degli esperti hanno delineato tre fasi cruciali della vita, nelle quali gli effetti dell'alcol sono probabilmente massimi.

Nello studio pubblicato su BMJ, ricercatori australiani...

Rete nascosta di enzimi responsabile della perdita di sinapsi nell'Alzheimer

Un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA) eseguito da scienziati dello Scripps Research ha rivelato una cascata biochimica finora sconosciuta nel cervello, che porta alla distruzione delle sinapsi, le connessioni tra le cellule nervose responsabili della memoria e della...

Nuovo marcatore di Alzheimer, all'inizio della malattia, potrebbe aprire fronti terapeutici

Ricercatori della Case Western Reserve University hanno identificato un nuovo obiettivo nello sviluppo del morbo di Alzheimer (MA), che potrebbe portare a terapie focalizzate sul trattamento precoce della condizione neurodegenerativa.

La scoperta aiuta a rafforzare un...

Caregiver di demenza: come gestire le festività nella pandemia

Con l'aumento dei casi Covid-19, molti caregiver stanno cercando il modo di gestire le feste con un parente con demenza o morbo di Alzheimer (MA). I Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (USA) suggeriscono che le persone non facciano viaggi, per limitare...

Accesso visitatori a strutture per persone con disturbi mentali, disabilità fisiche, psichiche e sensoriali

“Il Comitato Tecnico Scientifico ha approvato una Circolare che regola l’accesso dei familiari delle persone con disturbi mentali, con disabilità fisiche, psichiche e sensoriali nelle strutture residenziali loro dedicate. Un documento, dunque, che riconosce il diritto...

Biomarcatori del sonno e rischio di Alzheimer

La carenza di sonno è un problema di salute pubblica: circa 50-70 milioni di adulti negli Stati Uniti hanno un disturbo relativo al sonno (ref. 1). Secondo il sondaggio Vital Health Survey dei CDC, che studia i comportamenti di 76.669 adulti, quasi il 30% di loro riferisce...

È utile per chi ha l'Alzheimer sottoporsi a un trattamento psicologico?

"Alcuni esperti mettono la psicoterapia sullo stesso piano del trattamento con farmaci. Altri dicono che ci sono prove che è ancora più efficace nelle fasi iniziali". Questo è scritto in un rapporto pubblicato su everydayhealth.com dal dott. Christopher Callahan,...

Nuova forma di tau trovata nel liquido spinale indica la fase dell'Alzheimer

Una nuova forma di una proteina del morbo di Alzheimer (MA), trovata nel fluido che circonda il cervello e il midollo spinale, indica in quale stadio della malattia si trova una persona, e traccia i grovigli di tau nel cervello, secondo uno studio di ricercatori della...

Alzheimer Europe delinea la visione futura della politica per la demenza nell'UE

A un seminario online del Parlamento europeo, ospitato da Sirpa Pitikäinen, MEP (Finlandia), Alzheimer Europe ha lanciato il nuovo rapporto 'Demenza come priorità europea - una panoramica politica', che fa il punto sulla politica per la demenza a livello UE e definisce...

 

I prossimi eventi:

** ANNULLATO ** [CA Pedemontano] Diamo voce alle famiglie

Giovedì, 17 December 2020 17:00 - 18:30
** EVENTO ANNULLATO **
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina,...
Luogo : Villa Carraro, Via Schiavonesca 13, Riese Pio X (TV)

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2020 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°