Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Accumulo cerebrale di ferro collegato al declino cognitivo dell'Alzheimer

Con la risonanza magnetica, dei ricercatori hanno scoperto che l'accumulo di ferro nello strato esterno del cervello è associato ad un deterioramento cognitivo delle persone con morbo di Alzheimer (MA), e il loro studio è pubblicato sulla rivista Radiology.

Ricerche...

La stimolazione cerebrale profonda non aumenta il rischio di demenza

C'è una buona notizia per le persone con Parkinson [per lo meno per quelle più giovani, e con sintomi più lievi]: un nuovo studio, pubblicato il 1 luglio 2020 on line su Neurology®, dimostra che la stimolazione cerebrale profonda non aumenta il rischio di...

'Dove sono le chiavi?' e altre scelte fondate sulla memoria, sondate nel cervello

La maggior parte di noi conosce quella sensazione di cercare di recuperare un ricordo, che però non arriva subito. Forse stai guardando una commedia romantica con quella famosa attrice caratterista che interpreta sempre la migliore amica e ti ritrovi incapace di ricordare...

Farmaco per asma può essere un potenziale trattamento di Alzheimer

Un nuovo studio rivela che il salbutamolo, farmaco comune per l'asma, può essere un trattamento potenziale per il morbo di Alzheimer (MA), la forma più diffusa di demenza, che colpisce 47 milioni di persone in tutto il mondo, con una prevalenza destinata a...

Antiossidanti nell'ictus ischemico acuto per ritardare l'insorgenza dell'Alzheimer

Attualmente siamo di fronte ad un'epidemia di demenza, le stime mostrano che entro il 2050 circa 131 milioni di persone ne saranno colpite. Ogni 7 secondi un paziente viene diagnosticato in tutto il mondo.

Poiché le forme comuni di demenza si verificano negli anziani,...

«Quella caregiver professionale si sta legando troppo a papà?»

Cara Carol: Mio padre ha in casa dei caregiver, presi da un'agenzia, per diverse ore al giorno, perché io e mia sorella lavoriamo a tempo pieno e non possiamo stare con lui. Questi caregiver sono bravi in genere, quindi siamo soddisfatti di loro e entusiasti...

Cos'è il documento 'Five Wishes' (5 desideri)?

Five Wishes (5 Desideri) è una direttiva anticipata originariamente introdotta nel 1996 solo per la Florida. Creata da Jim Towey e dalla no-profit da lui fondata, Aging with Dignity (invecchiare con dignità), unisce il testamento biologico e la procura per l'assistenza...

Proteine anomale nell'intestino potrebbero contribuire allo sviluppo dell'Alzheimer

Un nuovo studio pubblicato su The Journal of Physiology ha dimostrato che l'accumulo di proteine mal ripiegate nell'intestino potrebbe contribuire allo sviluppo dei sintomi di tipo Alzheimer nei topi. Ciò potrebbe suggerire un nuovo approccio terapeutico per il...

Scansioni cerebrali possono prevedere la perdita di memoria dell'Alzheimer

I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno ripreso con scansioni la proteina tau nel cervello dei pazienti con morbo di Alzheimer (MA), dimostrando che la quantità e la diffusione della tau sono un predittore della perdita di memoria futura.

Le scansioni...

Cosa sono le funzioni cognitive?

Nella ricerca sulla salute psicologica, un tema cruciale è la capacità di una persona di pensare, altrimenti nota come funzione cognitiva. Le funzioni cognitive sono varie abilità, diverse ma correlate, che coinvolgono l'apprendimento e la capacità di risolvere i...

Invertito il deterioramento cognitivo dovuto all'età in un modello animale

La fragilità e il declino immunitario sono due caratteristiche principali della vecchiaia. Ricercatori dell'Università di Berna e della clinica universitaria di Berna ora dimostrano in un modello animale che questi due disturbi correlati all'età possono essere fermati,...

Steatosi epatica non alcolica provoca neuroinfiammazione di tipo Alzheimer

Una ricerca guidata da Ayan Mondal, ricercatore post-dottorato del laboratorio del professore associato Saurabh Chatterjee, ha rivelato la causa che sta dietro il legame precedentemente stabilito tra la 'steatosi epatica non alcolica' (riclassificata di recente come...

Il COVID-19 provoca carenza di ossigeno al cervello

Gli effetti di COVID-19 sul cervello sono sia innegabili che sconcertanti. Più ne sappiamo, più ampie appaiono le implicazioni.

A metà maggio, ho pubblicato un post per esplorare la prima ricerca pubblicata (ref. 1), che mostrava un collegamento tra COVID-19 e sintomi...

Lavoro alla scrivania possibile protezione dal declino della cognizione in vecchiaia

Le persone che lavorano in posti di lavoro che richiedono meno attività fisica (in genere lavori da ufficio e da scrivania) hanno un rischio minore di cognizione carente in seguito, rispetto a quelle il cui lavoro è più fisicamente attivo, secondo una nuova ricerca...

Deterioramento uditivo e visivo legato a rischio elevato di demenza

Gli anziani con un deterioramento sia uditivo che visivo (doppio deterioramento sensoriale) hanno avuto un rischio significativamente più alto per la demenza in un recente studio pubblicato su Alzheimer's & Dementia: Diagnosis, Assessment & Disease Monitoring.

Nello...

Come colpisce il cervello il coronavirus

Dopo sei mesi di pandemia COVID-19, stiamo ancora imparando cosa può fare la malattia. Ci sono ora rapporti dettagliati di malattie del cervello che emergono sia nelle persone con malattia polmonare relativamente mite, sia in quelli gravemente malati, che anche in quelli...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole **ANNULLATO**

Martedì, 14 July 2020 20:30 - 22:00
** ANNULLATO **
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

[CA Pedemontano] Il linguaggio della persona con demenza

Giovedì, 17 September 2020 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : c/o Distretto Sanitario, Via Toniolo 2, Vedelago (TV)

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2020 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°