Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Ridefinire amore e coraggio in un tempo di costrizione

Alla foce di Hingham Harbor, appena a sud di Boston, si può sentire lo sbattere ordinato delle drizze contro gli alberi in alluminio delle barche a vela lanciate all'inizio della stagione. Un vento freddo soffia da sud-est, e l'urto delle navi contro il bacino ha il...

'Papà con demenza mi marca stretto e disturba il mio lavoro da casa'

Cara Carol: Mio padre ha la demenza e vive con me da tre anni. Nel primo anno, avevo cominciato a percepire che non sarebbe stato più sicuro in casa da solo, quindi avevo cercato un reparto di terapia della memoria in una delle strutture di vita assistita della...

Non rinuciare alle interazioni: 6 consigli per tenere impegnati i pazienti con demenza

Una persona che convive con una diagnosi di demenza non deve rinunciare alle attività che gradisce. Al contrario, molte attività possono essere adattate alle capacità della persona, per aiutarla a fiorire nel suo viaggio e tenerla in contatto con la famiglia e gli...

Indizi sull'invecchiamento nella mappa dei collegamenti delle cellule cerebrali

Sono state create da ricercatori delle immagini impressionanti di circa cinque miliardi di connessioni tra le cellule cerebrali, mappando nei minimi dettagli i cambiamenti che avvengono nell'intera vita in tutto il cervello dei topi.

Le immagini colorate di tutto il...

Identificata nuova forma di Alzheimer ad esordio molto precoce

Ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer (MA) che colpisce le persone fin dai 40 anni, si presenta con sintomi atipici, e colpisce una parte diversa del cervello di solito non associata con il MA.

Nel loro studio, i ricercatori descrivono...

Due nuovi progetti italiani per studiare l'asse microbiota-intestino-cervello

Si chiamano DIANA e PEGASO, nomi mitologici entrambi “figli” di MINERVA (ERC 2016), i due nuovi progetti finanziati rispettivamente dal recente bando Proof-of-Concept dell’ERC (European Research Council) e dal bando italiano MIUR FARE, dedicato ai vincitori di progetti...

Sviluppata, anche da ricercatori italiani, sinapsi artificiale che lavora con le cellule viventi

Nel 2017, i ricercatori della Stanford University hanno presentato un nuovo dispositivo che imita il processo di apprendimento neurale efficiente ed a basso consumo energetico del cervello. Era una versione artificiale di una sinapsi (lo spazio attraverso cui transitano...

Troppo alcol può causare effetti simili alla demenza, e i due sono spesso confusi

In Gran Bretagna, il 21% delle persone ora beve più alcol di prima della pandemia, secondo un sondaggio recente. Questo segue un aumento del 31% delle vendite di alcol all'inizio del blocco.

Poiché pub e ristoranti sono stati costretti a chiudere i battenti,...

La salute del cervello richiede una relazione molto stretta tra neuroni e vasi capillari

Il cervello e i vasi sanguigni circostanti hanno uno stretto rapporto: i capillari forniscono sostanze nutritive alle cellule neuronali affamate di energia.

I ricercatori del Max Planck Institute di Friburgo (Germania) hanno ora scoperto che le cellule dei vasi sanguigni...

Diluire il plasma ringiovanisce i tessuti e inverte l'invecchiamento dei topi

Nel 2005, ricercatori della University of California di Berkeley hanno fatto la scoperta sorprendente che generare gemelli siamesi da topi giovani e meno giovani, in modo tale che essi condividano sangue e organi, può ringiovanire i tessuti e invertire i segni del tempo...

Scoprire come funziona il cervello attraverso la matematica

Accelerare i progressi nel campo delle neuroscienze ci sta aiutando a capire il quadro macro (come si comportano gli animali grandi e quali aree del cervello sono coinvolte nel determinare questi comportamenti) e anche quello micro (come interagiscono molecole, neuroni...

Nuova indicazione del collegamento tra Alzheimer e diabete

Gli ammassi ​​patologici di proteine sono caratteristici di una serie di malattie, come il morbo di Alzheimer (MA), il Parkinson, e il diabete di tipo 2.

Scienziati del Forschungszentrum Jülich, della Heinrich Heine University Düsseldorf (HHU), e della Maastricht...

Dove c'è ottimismo e speranza, c'è una cura futura

Ottimismo e speranza sono gli elementi chiave per combattere qualsiasi condizione di salute. I medici e i rappresentanti dei pazienti sanno che una persona ha più probabilità di recuperare da un infortunio, o di battere una malattia come il cancro, quando prevalgono...

Nell'Alzheimer si deteriora la comunicazione tra due aree del cervello durante il sonno

Un nuovo studio eseguito da ricercatori della Florida State University può aiutare a rispondere ad alcune delle domande più sconcertanti che circondano il morbo di Alzheimer (MA), una malattia incurabile e progressiva che colpisce milioni di famiglie in tutto il mondo.

Aaron...

Combinando tratti di stile di vita sano si può ridurre sostanzialmente l'Alzheimer

La combinazione di stili di vita più salutari è stata associata con un rischio notevolmente inferiore di morbo di Alzheimer (MA) in uno studio che ha incluso i dati di quasi 3.000 partecipanti alla ricerca.

Coloro che hanno aderito a quattro, o tutti i cinque, comportamenti...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene ** ANNULLATO **

Martedì, 07 July 2020 18:00 - 19:30
** ANNULLATO **
 
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole **ANNULLATO**

Martedì, 14 July 2020 20:30 - 22:00
** ANNULLATO **
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

[CA Pedemontano] Il linguaggio della persona con demenza

Giovedì, 17 September 2020 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : c/o Distretto Sanitario, Via Toniolo 2, Vedelago (TV)

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2020 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°