Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

'Meccanismi di aggiornamento' del cervello possono creare falsi ricordi

Un nuovo studio mostra che il cervello può aggiornare o ‘modificare’ i ricordi mal formati con informazioni sbagliate, causando potenzialmente confusione, disturbi d'ansia come la PTSD e, in casi estremi, falsi ricordi.

La ricerca, pubblicata su Current Biology,...

Farmaci stampati in 3D: aiuto per chi prende più pillole al giorno, e potenziale salva-vita

Con l'invecchiamento della popolazione e l'aumento dei tassi di malattie croniche, un numero crescente di persone sta prendendo più pillole per diverse condizioni, spesso in momenti diversi della giornata. Prendere la pillola giusta al momento giusto può essere...

Dose bassa quotidiana di aspirina non riduce il rischio di demenza e declino cognitivo

Un'aspirina al giorno a basso dosaggio non ha ridotto il rischio di demenza, di lieve deterioramento cognitivo (MCI) o di declino cognitivo negli anziani sani senza precedenti eventi cardiovascolari, secondo nuovi risultati dello studio ASPirin in Reducing Events in the...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l'atrofia da Alzheimer'

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del cervello, così che le scansioni di queste aree possono distinguere la malattia da altri sottotipi di demenza.

Un nuovo studio ha esaminato con scansioni a risonanza magnetica (MRI)...

Valutare precisione della diagnosi non specialistica di Alzheimer e demenza

I fornitori di cure primarie, che comprendono infermieri di pratica avanzata (IPA) e assistenti del medico (AM), sono spesso il primo punto di cura per i pazienti che si presentano con preoccupazioni di perdita di memoria.

Mentre importanti iniziative negli Stati Uniti...

Caregiver e pazienti di demenza: come coltivare la spiritualità nella pandemia?

Il coronavirus ha tolto qualcosa a ogni persona, e l'isolamento sociale e la solitudine aggravano le situazioni, oltre a rendere il caregiving molto più complesso.

Per il caregiver di Alzheimer e la persona cara, il viaggio inaspettato e incerto con la malattia è cambiato,...

L'Alzheimer può farti perdere la memoria, ma non la tua personalità

Il mio nonno 93enne ha avuto di recente la diagnosi di demenza di Alzheimer. Aveva vissuto per conto suo da quando mia nonna è morta molti anni fa, e era diventato sempre più confuso e smemorato, dimenticando perfino di mangiare i pasti preparati per lui.

Fisicamente...

Progettato anticorpo che riconosce gli agenti patogeni dell'Alzheimer

Dei ricercatori hanno trovato un modo per progettare un anticorpo in grado di identificare le particelle tossiche che distruggono le cellule cerebrali sane, un progresso potenziale nella lotta contro il morbo di Alzheimer (MA).

Il loro metodo può riconoscere queste...

Il gene della demenza aumenta il rischio di infezione grave da COVID-19

Ricercatori dell'Università dell'Exeter e dell'Università del Connecticut hanno analizzato i dati provenienti dalla UK Biobank, e hanno trovato un rischio alto di infezione grave da COVID-19 tra i partecipanti di origine europea portatori di due copie difettose del...

Cerchi una soluzione per demenza o Alzheimer? Inizia da gratitudine e risorse per caregiver

I 40 milioni di caregiver non pagati di persone con demenza sono eroi in prima linea del COVID-19. Loro e i loro colleghi pagati hanno buone ragioni per essere particolarmente preoccupati per la salute. Le statistiche sono terrificanti: Otto persone su dieci che muoiono...

'La demenza non toglie il tuo essere umano, non ti rende stupido, non ...'

È tempo di parlarne.

La discussione sulla cura alle persone che vivono in strutture di assistenza a lungo termine non può più essere ignorata, né rinviata ad un altro giorno. Sentiamo da molto tempo le esperienze negative dei residenti nell'assistenza a lungo termine,...

Dopo il coronavirus, le case di riposo italiane hanno di fronte la lotta per sopravvivere

MILANO (Reuters) - Le case di cura in Italia, devastate dalla pandemia coronavirus che ha causato la morte di migliaia di residenti, devono affrontare pressioni finanziarie che minacciano di metterne molte fuori mercato e di creare una nuova crisi nell'assistenza agli...

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie, ma che possono anche causarle

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e per proteggerci. Ma molti di noi non si rendono conto che il cervello ha anche un sistema immunitario.

Le microglia, che sono le cellule del sistema immunitario del cervello,...

Due molecole marine possono essere terapia contro l'Alzheimer

Uno studio di ricerca interdisciplinare della Università di Barcellona ha identificato due potenziali candidati per il trattamento del morbo di Alzheimer (MA). Si tratta di due molecole marine (meridianina e lignarenone B), in grado di modificare l'attività...

Perché il riposo aiuta a riparare il tuo cervello, oltre al tuo corpo

Si parla spesso, e giustamente, di quanto è importante il sonno per la riparazione del nostro corpo. Senza riposo di qualità, il nostro corpo - e ancora più importante in questo momento, il nostro sistema immunitario - inizia a guastarsi.

Allo stesso tempo, il sonno...

Maria Shriver: cosa penso dell'Alzheimer e della salute delle donne

Maria Shriver è in missione per salvare la tua mente. La Shriver è giornalista americana premio Peabody, autrice prolifica, creatrice dei Minerva Awards, filantropo, e madre di quattro figli. Come ex First Lady della California (ex moglie di Arnold Schwarzenegger),...

Malattia che genera malattie: perché il diabete tipo 2 è legato a cancro e demenza?

In Australia, più di 1,1 milioni di persone attualmente hanno il diabete di tipo 2 (DT2), in Italia più di 3 milioni.

Una serie di complicazioni potenziali associate con la malattia implicano che un 45-enne con diagnosi di DT2 vivrà in media 6 anni in meno...

Nuovo legame intestino-cervello: la mucosa dell'intestino in aiuto ai disturbi cerebrali?

r
La mucosa è la prima linea di difesa contro i batteri cattivi nel nostro intestino; ma potrebbe anche essere parte della nostra difesa contro le malattie del cervello? Lo squilibrio batterico nell'intestino è collegato all'Alzheimer, all'autismo e ad altri disturbi...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene ** ANNULLATO **

Martedì, 09 June 2020 18:00 - 19:30
** ANNULLATO **
 
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole **ANNULLATO**

Martedì, 09 June 2020 20:30 - 22:00
** ANNULLATO **
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

[CA Pedemontano] La legge sul biotestamento ** ANNULLATO **

Giovedì, 18 June 2020 17:00 - 18:30
** ANNULLATO **
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Sollievo, Via Campagna 46, Loria (TV)

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene ** ANNULLATO **

Martedì, 07 July 2020 18:00 - 19:30
** ANNULLATO **
 
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole **ANNULLATO**

Martedì, 14 July 2020 20:30 - 22:00
** ANNULLATO **
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2020 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°