Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Disturbi metabolici nel cervello aggravano e prevedono la patologia di Alzheimer

A Neuroscience 2019, il meeting annuale della Society for Neuroscience, sono state presentate ricerche che ci permettono di capire meglio i processi metabolici nel cervello, in particolare le perturbazioni derivanti dalle malattie neurodegenerative, con importanti implicazioni...

Declino cognitivo e parodontite

Il funzionamento cognitivo e la demenza possono essere influenzati notevolmente dalle condizioni della salute orale, secondo la tesi proposta dalla ricercatrice Helena Nilsson dopo aver partecipato ad uno studio globale unico sull'invecchiamento.

“La parodontite è...

Come si stabilizzano i nostri ricordi mentre dormiamo

Gli scienziati del Centro Interdisciplinare di Ricerca in Biologia (CNRS / Collège de France / INSERM) hanno dimostrato che le onde delta emesse mentre dormiamo non sono periodi generalizzati di silenzio, durante i quali la corteccia riposa, come si dice da...

Cosa dovrebbero sapere gli uomini per essere caregiver di Alzheimer?

In genere, il compito di caregiving (occuparsi di qualcuno) ricade sulle donne. Tuttavia, sempre più uomini stanno assumendo ruoli assistenziali, e si sentono molto impreparati per questo. Secondo il Banner Alzheimer’s Institute, circa il 45% dei mariti assiste le...

I giardinieri della notte: cellule immunitarie ri-cablano e riparano il cervello nel sonno

La scienza ci dice che nel nostro cervello avvengono molte cose buone mentre dormiamo: consolidamento di apprendimento / memoria e rimozione dei rifiuti cellulari, tra le altre.

Una nuova ricerca dimostra per la prima volta che importanti cellule immunitarie chiamate microglia...

Studio su gemelli riconferma che ciò che fa bene al cuore fa bene al cervello

Ricercatori della Emory University ci stanno dando il doppio dei motivi per prestare attenzione alla nostra salute cardiovascolare, mostrando in uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease che la buona salute del cuore può corrispondere a...

Studio rivela il rischio di demenza degli ex calciatori professionisti

Uno studio fondamentale condotto all'Università di Glasgow ha dato delle grandi intuizioni sugli esiti di salute dell'intera vita di ex calciatori professionisti.

Nella ricerca pubblicata ieri sul New England Journal of Medicine e finanziata dalla Football Association...

Come pensare meglio: alcuni consigli che non richiedono grandi sforzi

Diventare un pensatore migliore potrebbe sembrare scoraggiante. Dopo tutto, l'intelligenza, almeno come misurata dal test di intelligenza, si è dimostrata abbastanza resistente al miglioramento. Vedi ad esempio, questa revisione della letteratura.

Anche se la potenza...

Biogen/Eisai chiedono alla FDA l'approvazione per un farmaco di Alzheimer

Biogen/Eisai hanno annunciato oggi che chiederanno alla FDA l'approvazione per commercializzare il farmaco aducanumab, un trattamento sperimentale per il morbo di Alzheimer (MA) precoce, a seguito di una nuova analisi che ha mostrato una riduzione del declino clinico...

Figli di persone con demenza ricevono la diagnosi prima dei loro genitori

La probabilità di una persona di sviluppare la demenza è influenzata dalla storia familiare, dalle varianti di alcuni geni, e da condizioni mediche come le malattie cardiovascolari e il diabete. Ma sappiamo meno dei fattori che influenzano il momento in cui sorgeranno...

Identificato un meccanismo neurale per creare e consolidare la memoria

Il ricordo di episodi specifici è la base della memoria autobiografica, ma non sappiamo come il cervello struttura l'esperienza per ricordarla nel lungo periodo. Un team dell'Università di Barcellona (UB) e del Bellvitge Biomedical Research Institute ha individuato...

Pensiero esteso: può esserci pensiero al di fuori della mente?

Otto ha il morbo di Alzheimer, e non riesce a ricordare tanto bene le cose. Per andare in giro, tiene un taccuino nella tasca posteriore. Quando vuole sapere come raggiungere un certo luogo per pranzare, semplicemente tira fuori il suo taccuino e guarda dove l'ha scritto....

Far fronte allo stress del caregiving camminando nella natura

Ho scritto più volte in questo blog dei benefici del cammino. Camminare è una forma perfetta di esercizio fisico. Da 10 a 30 minuti di cammino, 3/5 volte alla settimana, può fare una differenza significativa nel proprio benessere.

Camminare è anche una grande risorsa...

Forse la carne rossa non fa così male al tuo cervello

L'obiettivo è fare tutto ciò che possiamo per prevenire la demenza. Molte cose possono contribuire a questo, ma è chiaro che non vogliamo patire i danni cerebrali di un ictus. E ci possono essere delle cose da fare per ridurre il rischio di un ictus.

È giunto il...

E' la sovraproduzione della proteina TNFα la vera causa dell'Alzheimer?

Ricercatori della University of Otago in Nuova Zelanda hanno fatto una scoperta importante per capire il ruolo di una particolare proteina nel mettere in pericolo la memoria nel morbo di Alzheimer (MA), che potrebbe portare a un trattamento più efficace in futuro.

Il...

Influenzare i ritmi del cervello per trattare l'Alzheimer

Negli anni da quando il suo laboratorio ha scoperto che esponendo topi modello del morbo di Alzheimer (MA) a luce intermittente, alla frequenza di un ritmo cruciale del cervello, si può arginare la patologia della malattia, la neuroscienziata Li-Huei Tsai del MIT e il...

Dobbiamo prendere con cautela le notizie su un trattamento per l'Alzheimer

 
Un farmaco che rallenta il progresso del morbo di Alzheimer (MA) potrebbe essere sia una manna per l'umanità e una fonte di enormi utili per l'azienda che lo ha sviluppato.

Ecco da dove nasce l'ascesa vertiginosa delle azioni della Biogen, una società di biotecnologie...

Maria Carillo: 'Arriveremo a una svolta per l'Alzheimer'

Ho passato tutta la mia carriera a interessarmi dei misteri del cervello: come è fatto, come funziona e che cosa accade quando non funziona. Il morbo di Alzheimer (MA) è stato l'obiettivo primario della mia vita professionale, da quando era una giovane ricercatrice...

Nuovo agente attiva ‘elimina-rifiuti’ nei neuroni, smaltendo proteine tossiche nei topi

Neuroscienziati della Georgetown University dicono di aver sviluppato e testato un agente che riduce l'accumulo di proteine ​​tossiche in modelli animali sia di Parkinson che di morbo di Alzheimer (MA), e migliora il comportamento cognitivo e motorio.

Il team ha...

C'è rischio più alto di guai finanziari anche prima della diagnosi di Alzheimer

Una persona nelle prime fasi dell'Alzheimer, prima della diagnosi formale, ha di fronte un elevato rischio di esiti finanziari avversi, una probabile conseguenza del processo decisionale compromesso quando gestisce il denaro, oltre che di sfruttamento e truffe da altri.

Questa...

 

I prossimi eventi:

[CA Montebelluna] La memoria e le funzioni cognitive: come si comporta la nostra mente

Martedì, 12 November 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2019-2020

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna, Largo Dieci Martiri 1, 31044 Montebelluna (TV)

Camminata per la Mente sul Montello

Domenica, 17 November 2019 09:00

Passeggiata di circa 11 km lungo le postazioni di difesa sul fiume Piave fino alla fondazione Jonathan,...
Luogo : Ritrovo / partenza: Campo sportivo Santa Croce del Montello (TV)

[CA Prealpina] Limite alle cure, eccesso terapeutico, eutanasia: quali le differenze?

Giovedì, 21 November 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Casa Riese, Via don Gnocchi 5, Riese Pio X

[CA Montebelluna] Film: “Florida”

Martedì, 10 December 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2019-2020

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna, Largo Dieci Martiri 1, 31044 Montebelluna (TV)

[CA Prealpina] Riflessioni sul valore della famiglia come rete di supporto

Giovedì, 19 December 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Casa Riese, Via don Gnocchi 5, Riese Pio X

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2019 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°