Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Nascita di nuove cellule cerebrali è sottovalutata nell'Alzheimer

Gran parte della ricerca sulle cause sottostanti del morbo di Alzheimer (MA) si concentra sull'amiloide-beta (Aß), una proteina che si accumula nel cervello mentre la malattia progredisce. Le proteine ​​Aß in eccesso formano grumi o 'placche' che interrompono la...

Mappa di reti cerebrali rotte mostra perché si perde la parola nella demenza semantica

Scienziati della Northwestern University hanno individuato per la prima volta la posizione delle reti cerebrali disfunzionali che portano alla compromissione della produzione di frasi e della ricerca di parole tipica dell'afasia progressiva primaria (PPA), una...

Ci sono diritti per il caregiver?

Sì, ci sono, e in effetti Jo Horne, autore di Caregiving: Helping an Aging Loved One (Caregiving: aiutare un nostro amato che invecchia) ha composto un elenco di diritti specifici dei caregiver.

I diritti, elencati di seguito, offrono parole di convalida e di forza...

Non è mai troppo tardi per iniziare a fare esercizio fisico

Le persone anziane che non hanno mai preso parte a programmi di allenamento prolungato hanno la stessa capacità di costruire massa muscolare rispetto a maestri atleti altamente allenati di età simile, secondo una nuova ricerca effettuata all'Università di Birmingham.

La...

I sogni predicono la salute? La ricerca dice che possono prevedere una malattia anni prima.

"L'inizio di malattie e altri disturbi che stanno per visitare il corpo ... deve essere più evidente nello stato di sonno". —Aristotle, citato in Van de Castle, 1994
"Ci sono nervi che arrivano al cervello da ogni parte del corpo e trasmettono i segnali di una...

Ansia e depressione: perché i medici prescrivono giardinaggio invece che farmaci

Trascorrere del tempo all'aperto, prendersi del tempo fuori dal quotidiano per circondarsi di verde e di esseri viventi può essere una delle grandi gioie della vita, e ricerche recenti suggeriscono anche che fa bene al tuo corpo e al tuo cervello.

Scienziati hanno scoperto...

Demenza: cosa possono fare le persone religiose

“Oh Signore mio Dio! Quando, con grande meraviglia, considero tutte le opere compiute dalle tue mani, vedo le stelle, sento il potente tuono, è evidente la tua potenza in tutto l'universo".

Questa è la prima strofa di un inno scritto nel 1899 da Stuart K. Hines....

Come puoi aiutarti a combattere l'Alzheimer

Ci sono diverse cose che puoi fare per ridurre il rischio di trovarti con il morbo di Alzheimer (MA), secondo un esperto.

"Le persone pensano che il MA sia una malattia interamente genetica, ma il più delle volte non lo è", ha affermato il dott. Charles Duffy,...

Effetto della dieta sui batteri intestinali può aiutare a ridurre il rischio di Alzheimer

Potrebbe una certa dieta influenzare il microbioma intestinale - i batteri buoni e cattivi che vivono nel tratto gastrointestinale - in un modo che può ridurre il rischio di morbo di Alzheimer (MA)? Secondo i ricercatori della Wake Forest School of Medicine, questa è...

Scienziati collegano 'ormone della fame' alla memoria in studio sull'Alzheimer

Gli scienziati dell'Università del Texas di Dallas hanno trovato prove che suggeriscono che la resistenza alla grelina (l'«ormone della fame») nel cervello, è collegata ai disturbi cognitivi e alla perdita di memoria associati al morbo di Alzheimer (MA).

I...

Trovato un nuovo promettente obiettivo per combattere l'Alzheimer

A volte più una persona cerca di risolvere un problema apparentemente semplice, più le cose peggiorano. E si scopre che questo vale anche per le cellule: tentare di compensare ciò che inizia come una carenza o disfunzione minore può diventare un disastro.

Nel caso...

Nuove info su demenza, rischio, riduzione del rischio e traduzione in pratica

A livello globale, i casi di demenza stanno aumentando ad un tasso superiore al 20% all'anno. La maggior parte di questi casi si trova in paesi a reddito basso e medio. In una edizione ad accesso libero del Journal of Alzheimer's Disease curata dall'International...

Gran parte dei pazienti di demenza non riceve diagnosi o cure specialistiche (solo in USA?)

Nel primo grande studio che ha esaminato le diagnosi di demenza degli anziani americani nel tempo, i ricercatori hanno scoperto che la stragrande maggioranza non incontra mai uno specialista in demenza, che viene invece diagnosticata e curata in modo schiacciante da non...

Studio collega gli apparecchi acustici a minore rischio di demenza, depressione e cadute

Gli anziani che ottengono un apparecchio acustico per una nuova diagnosi di perdita di udito hanno un rischio più basso di ricevere la diagnosi di demenza, depressione o ansia per la prima volta nei successivi tre anni e un rischio più basso di soffrire di infortuni...

Alzheimer preclinico: ricercatori mettono in guardia dai sovra-trattamenti

Il morbo di Alzheimer (MA) è una delle diagnosi più temute, in parte perché non esistono farmaci efficaci per fermarlo o rallentarlo. Ma i nuovi sforzi per trovare trattamenti che evitano la demenza, prima che compaiano i sintomi, sollevano importanti domande sul 'sovra-trattamento'...

Linguaggio: ecco un'abilità che non si deteriora con l'età

Quando Toni Morrison è morta lo scorso 5 agosto, il mondo ha perso una delle voci letterarie più influenti. Ma la Morrison non era un mostro letterario. Ha pubblicato il suo primo romanzo, The Bluest Eye, quando aveva 39 anni. E il suo ultimo God Help the Child...

Psicobiotici: un concetto emergente nella cura mentale

Gli psicobiotici sono una classe di probiotici, caratterizzata di recente, che influenza la funzione cerebrale attraverso vie immunitarie, neuronali e metaboliche. Scoperte recenti della ricerca suggeriscono che alcuni psicobiotici possono migliorare i sintomi di ansia,...

Il futuro del controllo mentale: elettronica a maglie potrebbe curare l'Alzheimer?

Di recente, Charles M. Lieber ha assistito per la prima volta a un intervento chirurgico al cervello. Insieme a Jung Min Lee, post-dottorato del suo laboratorio, e Shaun Patel, membro di facoltà della Harvard Medical School e del Massachusetts General Hospital, hanno...

L'intelligenza artificiale in medicina solleva preoccupazioni legali ed etiche

L'uso dell'intelligenza artificiale in medicina sta generando grande eccitazione e speranza per i progressi nei trattamenti.

Il termine Intelligenza Artificiale (IA) si riferisce generalmente alla capacità dei computer di imitare l'intelligenza umana e di apprendere....

Emicrania è un fattore di rischio per demenza e Alzheimer

Le emicranie potrebbero aumentare il rischio di sviluppare demenza, incluso il morbo di Alzheimer (MA), secondo gli autori di uno studio pubblicato sull'International Journal of Geriatric Psychiatry, che ha coinvolto 679 canadesi over-65 non affetti da demenza.

I...

 

I prossimi eventi:

[CA Prealpina] Istruzioni d’uso per affrontare la 'cura' del proprio caro a casa

Giovedì, 19 September 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria (TV), via Campagna 46

Camminata per la Mente a Riese

Domenica, 06 October 2019 09:00 - 12:00
L'Associazione Alzheimer ONLUS con il Freewalker Team di Crocetta (TV) e la Prealpina-Residenze per...
Luogo : Piazza Vittoria 10 (dietro il Municipio), 31039 Riese Pio X, Treviso
Associazione Alzheimer 335 6367080 - Free Walker Team 392 1095593

[CA Prealpina] Aspetti legali ed economici: sostegno al reddito e amministratore di sostegno

Giovedì, 17 October 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria (TV), via Campagna 46

[CA Prealpina] Limite alle cure, eccesso terapeutico, eutanasia: quali le differenze?

Giovedì, 21 November 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Casa Riese, Via don Gnocchi 5, Riese Pio X

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2019 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°