Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Devo chiedere una valutazione cognitiva al mio medico durante l'esame fisico?

Secondo un rapporto pubblicato a marzo 2019 dall'Alzheimer's Association, l'82% degli anziani ritiene importante controllare il proprio pensiero e la propria memoria, e circa il 94% dei medici di base ritiene importante valutare il decadimento cognitivo dei pazienti dopo...

Cosa si intende con il termine 'demenza mista'?

Demenza mista (DM) è un termine usato quando un individuo ha più di un tipo di demenza.

Più di solito, il termine è usato quando a qualcuno è stata diagnosticato il morbo di Alzheimer (MA) e la demenza vascolare, ma può anche riferirsi a una combinazione di MA e...

Come si formano e svaniscono i ricordi: il lavoro di gruppo dei neuroni

Perché riesci a ricordare il nome del tuo migliore amico d'infanzia che non vedi da anni ma dimentichi facilmente il nome di una persona che hai incontrato appena un momento fa? In altre parole, perché alcuni ricordi restano stabili per decenni, mentre altri svaniscono...

I caregiver di persone con demenza perdono diverse ore di sonno

I caregiver delle persone con demenza perdono tra le 2,5 e le 3,5 ore di sonno settimanali perché restano svegli e per la difficoltà ad addormentarsi, un fatto negativo per se stessi e potenzialmente per coloro che ricevono le loro cure, affermano ricercatori della...

Lo stress in mezza età è causa di demenza nelle donne anziane?

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia neurologica irreversibile e progressiva che alla fine rende i malati incapaci di vivere in modo indipendente. Uno dei sintomi cardinali del MA è la perdita di memoria e infine il completo declino cognitivo. Purtroppo non è...

Ecco come la mutazione 'australiana' porta all'Alzheimer

 
Un team di scienziati dell'Istituto di Fisica e Tecnologia di Mosca (MIPT) e dell'Istituto di chimica bioorganica Shemyakin-Ovchinnikov (IBCh RAS) ha studiato una mutazione genetica ereditaria per scoprire i meccanismi molecolari generali che possono portare sia...

Portatori del marcatore genetico dell'Alzheimer hanno molte difficoltà a usare le conoscenze recenti

Gli adulti portatori di un gene associato a un rischio più elevato di morbo di Alzheimer (MA) hanno avuto difficoltà ad accedere alle conoscenze acquisite di recente, anche se non hanno mostrato alcun sintomo di problemi di memoria, secondo uno studio congiunto tra...

Astrociti del cervello hanno un ruolo primario nella memoria a lungo termine

Ricercatori dell'Istituto Salk hanno scoperto che le cellule a forma di stella chiamate astrociti aiutano il cervello a stabilire ricordi duraturi. Il nuovo lavoro aumenta il crescente numero di prove che gli astrociti, a lungo considerati semplicemente cellule...

Nuove prove che gli ottimisti vivono più a lungo

Dopo decenni di ricerca, un nuovo studio collega ottimismo e vita più lunga.

Ricercatori della Boston University (BU), del VA Boston Healthcare System e di Harvard, hanno scoperto che le persone con più ottimismo hanno maggiori probabilità di vivere più a lungo e...

Il cervello trova un ordine nel mare di caos

In che modo il cervello trova ordine in un mare di rumore e caos? I ricercatori dell'EPFL Blue Brain Project hanno trovato la risposta a questa vecchia domanda usando tecniche di simulazione avanzate per studiare il modo in cui i neuroni si parlano tra loro mentre sono...

Dieta ricca di grassi in utero protegge il nascituro dall'Alzheimer ... nei topi

Una dieta ricca di grassi può comportare rischi per la salute, ma per le future mamme, può fare la differenza quando si tratta di prevenire il morbo di Alzheimer (MA) per i loro bambini.

In un rapporto pubblicato online il 26 agosto sulla rivista Molecular Psychiatry,...

Cervello di portatori di geni di MA cambia a 20 anni: perché non dovremmo preoccuparci

Gli sviluppi drammatici nella ricerca sulla genetica e la disponibilità di test commerciali di genetica ci hanno posto in una posizione molto moderna: ora possiamo scoprire (rapidamente, facilmente ed economicamente) se possediamo personalmente fattori di rischio genetico...

Test di tracciatura oculare può prevedere chi svilupperà l'Alzheimer

Una nuova ricerca ha scoperto che con la tecnologia di tracciamento oculare potrebbe essere possibile prevedere se le persone con lieve decadimento della memoria e del pensiero svilupperanno il morbo di Alzheimer (MA).

Il dott. Thom Wilcockson, della Loughborough University,...

Tornare indietro nel tempo: in che modo il cervello riproduce i ricordi per noi?

La maggior parte delle persone è interessata alla memoria, soprattutto se ricorda il passato o se conosce qualcuno che soffre di Alzheimer. Ma la maggior parte non ha davvero pensato a come fare a produrre un ricordo nel cervello.

Ero così anchi'io. Anche da studentessa,...

Trovata possibile origine prenatale per l'Alzheimer

La scoperta del nuovo ruolo per un gene associato a disturbi dello sviluppo neurologico e neurodegenerativi trova una possibile origine prenatale per il morbo di Alzheimer (MA), secondo uno studio pubblicato di recente sulla rivista Molecular Psychiatry.

La proteina,...

I massaggi possono aiutare con la demenza? Ecco come.

Un vecchio cliente è seduto nella mia sala di trattamento, le lacrime le cadono in grembo, sbriciola un fazzoletto fradicio, incapace di parlare per minuti mentre lotta per descrivere cos'è la vita quotidiana nel prendersi cura del coniuge con demenza.

Poiché sono...

Il matrimonio può evitarci la demenza?

Demenza e stato civile potrebbero essere collegati, secondo un nuovo studio eseguito alla Michigan State University, che ha scoperto che le persone sposate hanno meno probabilità di subire la demenza mentre invecchiano.

Dall'altra parte, i divorziati hanno circa il...

Identificato il gene collegato al bisogno di dormire meno

La genetica dei ritmi circadiani è stata ben studiata negli ultimi anni, ma si sa molto meno di altri tipi di geni che hanno un ruolo nel sonno, in particolare quelli che regolano la quantità di sonno richiesta dal nostro corpo.

Ora, studiando una famiglia con diversi...

Alzheimer: c'è una risposta immunitaria protettiva nel cervello?

Ricercatori del Centro Tedesco per le Malattie Neurodegenerative (DZNE) e dell'Institute for Stroke and Dementia Research (ISD) della Ludwig-Maximilians-Universität München (LMU) hanno scoperto che una proteina chiamata TREM2 può avere un effetto mitigante sul decorso...

DHEA e testosterone per declino cognitivo e demenza

Il deidroepiandrosterone (DHEA) è un 'pro-ormone' o precursore del testosterone e di altri ormoni presenti naturalmente nel corpo. Il DHEA ha molti ruoli importanti nel corpo e nel cervello, come la modulazione di cognizione, memoria, appetito, funzione immunitaria,...

 

I prossimi eventi:

[CA Prealpina] Istruzioni d’uso per affrontare la 'cura' del proprio caro a casa

Giovedì, 19 September 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria (TV), via Campagna 46

Camminata per la Mente a Riese

Domenica, 06 October 2019 09:00 - 12:00
L'Associazione Alzheimer ONLUS e il Freewalker Team di Crocetta (TV) organizzano Domenica 6 ottobre...
Luogo : Piazza Vittoria 10 (dietro il Municipio), 31039 Riese Pio X, Treviso
Associazione Alzheimer 335 6367080 - freewalkerteam.it 392 1095593

[CA Prealpina] Aspetti legali ed economici: sostegno al reddito e amministratore di sostegno

Giovedì, 17 October 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria (TV), via Campagna 46

[CA Prealpina] Limite alle cure, eccesso terapeutico, eutanasia: quali le differenze?

Giovedì, 21 November 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Casa Riese, Via don Gnocchi 5, Riese Pio X

 

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2019 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°