Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Esiste un legame tra la gengivite e l'Alzheimer?

Uno studio del 2016 condotto congiuntamente dall'Università di Southamptom e dal King's College di Londra ha riferito un legame tra la gengivite e tassi più alti di declino cognitivo nelle persone che sono nelle fasi iniziali del morbo di Alzheimer (MA).

La parodontite,...

Farmaci per migliorare apatia e attenzione: la memoria non è l'unico problema della demenza.

L'apatia e l'attenzione ridotta sono due dei problemi più comuni che sperimentano gli individui con morbo di Alzheimer (MA) e demenza. In questo secondo articolo della serie in tre parti, discutiamo di farmaci che possono aiutare per questi problemi. Parla con il tuo...

Problemi di sonno e Alzheimer sono collegati, ma quale viene prima?

Una nuova ricerca esplora i fattori patofisiologici che collegano i disturbi del sonno e il morbo di Alzheimer (MA). Una migliore comprensione di questa connessione può portare a potenziali strumenti diagnostici e terapeutici per il MA e altre malattie neurodegenerative...

Darce Fardy: Dorothea, la mia ancora nella vita

Questo articolo è offerto con un riluttante OK dalla donna di cui parla. I lettori noteranno che Dorothea ha un ruolo importante in tutti i miei articoli. Ho deciso di dedicarle questo, per dire di più su di lei.

Molto tempo fa, il mio amico John Lewis mi ha parlato...

Alluminio nell'acqua potabile legato all'Alzheimer da studio su 7.000 scozzesi

Livelli più elevati di alluminio e fluoruro nell'acqua potabile sono correlati all'insorgere della demenza, secondo uno studio innovativo su migliaia di abitanti scozzesi.

Le ricerche degli scienziati dell'Università di Edimburgo per esaminare i fattori ambientali...

Perché odio l'Alzheimer

Dire che odio un disturbo è un grosso problema per una terapeuta come me. Sono specializzata in disturbi della personalità e ho trovato bellezza e talento dove la maggior parte vede una disfunzione. Non odio nessun altro disturbo, anche quelli che tendono ad essere...

L'abuso verbale derivante dalla demenza deve essere gestito con determinazione e pazienza

Cara Carol: Mio padre è in una fase media/avanzata dell'Alzheimer. È stato duro per me e mia madre in molti modi, ma in questo momento posso dire che quello peggiore è l'abuso verbale di mio padre. Era sempre stato un uomo gentile e meraviglioso, quindi questo...

Trattare il diabete per combattere l'Alzheimer?

I pazienti in terapia per il diabete di tipo 2 potrebbero tenere a bada il morbo di Alzheimer (MA), secondo uno studio pubblicato il 4 marzo sulla rivista Diabetes Care.

Psicologi della University of Southern California hanno scoperto che i pazienti con diabete...

Anche i cervelli vecchi producono neuroni, forse c'è modo di proteggersi dall'Alzheimer

I resoconti sulla decrepitudine dei cervelli vecchi sono stati del tutto esagerati, secondo i ricercatori che lunedì hanno svelato dei risultati che contraddicono uno studio molto discusso del 2018 e supportano invece l'idea che la materia grigia umana sia in grado...

Rapporto Alzheimer 2009: qualche progresso dopo 10 anni?

Girando nel caos nel nostro garage quest'inverno, sono incappato in una scatola traboccante di artefatti dei miei quarant'anni da giornalista a Washington. Proprio davanti a me c'era la copertina di uno di quei rapporti di commissione rilegato di blu, il tipo che sta...

L'esercizio fisico ha il risultato di potenziare il cervello

Chi si allena per una maratona sa che i singoli episodi di allenamento si sommano nel tempo per ottenere un grande miglioramento della forma fisica.

Quindi, non dovrebbe sorprendere che anche i benefici cognitivi derivanti dagli allenamenti si accumulino per ottenere...

Il fumo provoca la demenza? Forse no, dice uno studio

È un fatto inconfutabile che fumare ti fa male. Uno studio dopo l'altro hanno dimostrato che il fumo aumenta il rischio di cancro, malattie cardiache, diabete, persino cecità.

Ma la demenza? Non così in fretta. Uno studio recente ha dimostrato che il fumo non è associato...

Trattamento della pelle con crema riparativa abbassa citochine legate all'Alzheimer

 
La pelle è l'organo più grande del corpo e gli scienziati della University of California di San Francisco e del San Francisco Veterans Administration (VA) Health Care System ritengono che sia la causa di un'infiammazione diffusa nel corpo legata a numerose malattie...

Cosa provoca le allucinazioni? Forse il cervello cerca di sostituire informazioni mancanti

Le malattie mentali colpiscono milioni di persone. Molte persone con disturbo bipolare, depressione, schizofrenia [e Alzheimer] soffrono di allucinazioni, la percezione di qualcosa che non è presente.

Dagli odori fantasma, all'udire voci e vedere cose che non ci sono,...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazioni

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie neurodegenerative nella fase iniziale, Kenneth S. Kosik, neurobiologo della University of California di Santa Barbara e i suoi collaboratori, hanno scoperto un meccanismo 'trattabile'...

Meno anni riproduttivi nelle donne legati a rischio più alto di demenza

Le donne che iniziano ad avere il ciclo tardi, arrivano alla menopausa prima o hanno avuto un'isterectomia possono avere un rischio più alto di demenza, secondo un nuovo studio pubblicato il 27 marzo 2019 su Neurology®.

Lo studio ha trovato un legame tra aumento del...

Proteine mal ripiegate: come sono controllate dai neuroni?

Le malattie neurodegenerative come l'Huntington, il Parkinson [e l'Alzheimer] sono associate a proteine mal ripiegate e aggregate. Dei ricercatori hanno scoperto un nuovo meccanismo usato dalle cellule per proteggersi.

La scoperta riguarda un complesso proteico che contrassegna...

Alzheimer: abbiamo capito male la causa?

All'inizio del 20° secolo, Alois Alzheimer descrisse per la prima volta un disturbo di perdita progressiva di memoria e confusione in una donna di 50 anni. Dopo la sua morte, ne esaminò il cervello e vide che era pieno di insoliti grumi proteici, chiamati placche. Più...

Memoria come caleidoscopio: ricordando, i pezzi si spostano ed emerge una nuova immagine.

Quando ero bambino, adoravo i caleidoscopi. Un semplice tubo riempito con pezzi di vetro colorato e specchi. Quando ruoti un caleidoscopio, i pezzi dell'immagine si muovono e si forma una nuova immagine. Sebbene le immagini siano nuove, usano gli stessi pezzi e sono simili.

La...

Le vitamine possono aiutare a prevenire la demenza? Nuova analisi trova prove limitate.

Un anziano su tre muore con il morbo di Alzheimer (MA) o un'altra forma di demenza. Quindi non sorprende che i ricercatori medici abbiano passato decenni alla ricerca di un modo per prevenire o trattare il declino cognitivo.

Una nuova revisione sistematica scarta un'opzione...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Martedì, 02 April 2019 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Caffé Alzheimer Montebelluna: Com'è difficile farsi aiutare!

Martedì, 09 April 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2018-2019

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 09 April 2019 20:30 - 22:00
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

[CA Prealpina] L'alimentazione come aiuto all'invecchiamento e al benessere nella demenza

Giovedì, 18 April 2019 17:00 - 18:30

Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Centro Polivalente 'La Roggia', Via Caozocco 10, S. Zenone degli Ezzelini

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Martedì, 07 May 2019 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Olio extra vergine oliva

L'olio ottenuto dai 1600 olivi delle coltivazioni Ca' Rossa permette all'Azienda Agricola Saporiti Angelo...

Prosecco Spumante

Il “Prosecco Spumante Extra Dry Ca’ Rossa” è ottenuto da uve “Prosecco Balbi” e “Prosecco...

I Mestieri di Venezia

I Mestieri di Venezia Storia, arte, devozione delle corporazioni dal XIII al XVIII secolo
Un viaggio...

Città delle Venezie - Collana completa

Città delle Venezie: Collana completa dei 9 volumi

Edizioni estratte dalla collana “Viaggio...

Collana VIAGGIO NELLE VENEZIE (completa)

Collana “Viaggio nelle Venezie”: otto volumi dedicati alla Terra veneta, finemente stampati, riuniti...

Città delle Venezie - Volumi singoli

Città delle Venezie
Edizioni estratte dalla collana “Viaggio nelle Venezie”
Un ricco corredo...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2019 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°