Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Alzheimer: come cambia il cervello nel suo decorso?

Quali cambiamenti nel cervello sono causati dal morbo di Alzheimer (MA)? In che modo questi cambiamenti differiscono da quelli osservati nel normale processo di invecchiamento?

Ricercatori francesi e spagnoli hanno approfondito queste questioni analizzando oltre 4.000...

Le persone con Alzheimer hanno un rischio più elevato di ferite alla testa

Le persone con Alzheimer hanno un rischio di lesioni craniche superiore del 30% circa e un rischio di lesioni traumatiche cerebrali maggiore del 50% rispetto alle persone senza la malattia, secondo uno studio recente eseguito alla University of Eastern Finland.

Questo...

Il miglior cibo per il cervello può non essere un cibo

Tu, come me, probabilmente vuoi essere 'decisamente intelligente', evitare eventi avversi o malattie che potrebbero danneggiare il tuo cervello. Ma come puoi mantenere il tuo cervello sano, sveglio e funzionante in modo ottimale fino all'ultimo giorno?

Certo, devi nutrire...

Kirtan: la meditazione facile che può migliorare il tuo cervello

Se vivi su questo pianeta, probabilmente hai sentito dire che la meditazione fa bene. Le sue virtù sono esaltate da medici e professionisti della salute mentale per i suoi numerosi benefici positivi sul benessere emotivo e sulla salute fisica.

Ma, a meno che tu non...

Un oculista potrebbe diagnosticare l'Alzheimer prima che tu abbia sintomi?

Un rapido esame dell'occhio potrebbe un giorno consentire agli oculisti di controllare sia la prescrizione degli occhiali che la salute del cervello.

Uno studio su oltre 200 persone eseguito alla Duke University, pubblicato l'11 marzo sulla rivista Ophthalmology Retina,...

Fumo, pressione alta, diabete e obesità: tutti legati a un cervello malsano

I fattori che influenzano la salute dei nostri vasi sanguigni, come fumo, pressione e pulsazioni alte, obesità e diabete, sono collegati a cervelli meno sani, secondo una ricerca pubblicata ieri nell'European Heart Journal.

Lo studio ha esaminato le associazioni...

Per dimenticare si usa più energia cerebrale che per ricordare

La scelta di dimenticare qualcosa potrebbe richiedere più sforzo mentale che cercare di ricordarla, secondo quanto hanno scoperto i ricercatori dell'Università del Texas ad Austin attraverso le neuroscansioni.

Questi risultati, pubblicati sul Journal of Neuroscience,...

Curare la depressione con l'esecizio fisico

Diversi studi randomizzati controllati hanno dimostrato che nel trattamento della depressione l'esercizio fisico è efficace come i farmaci, in particolare rispetto al trattamento con antidepressivi di seconda generazione.

Il meccanismo di efficacia dell'esercizio può...

Prima prova che l'ippocampo umano è necessario per la pianificazione

Un gruppo di scienziati riferisce di aver trovato la prima prova che l'ippocampo umano è necessario per la pianificazione futura. La scoperta, pubblicata sulla rivista Neuron, collega il suo ruolo consolidato nella memoria con la nostra capacità di usare le conoscenze...

I funghi possono ridurre il rischio di declino cognitivo che precede la demenza

Un gruppo di ricerca della National University of Singapore ha scoperto che gli anziani che consumano più di due porzioni standard di funghi alla settimana possono avere il 50% di probabilità in meno di avere un 'lieve decadimento cognitivo' (MCI, Mild Cognitive Impairment).

'Porzione'...

In Italia si arriva a 75 anni per avere i problemi di salute di un 65enne medio

A che età ti ritrovi con le malattie di un 65enne medio?

C'è un divario di 30 anni tra i paesi con l'età più alta e quella più bassa, alla quale le persone sperimentano i problemi di salute di un 65enne, secondo un nuovo studio scientifico.

I ricercatori hanno...

Le ultime teorie nella ricerca sull'Alzheimer

Il morbo di Alzheimer (MA) è la forma più frequente di demenza ed è allo stesso tempo crudele e tragicamente comune. L'atto di scomparsa più lento e doloroso del mondo colpisce 35 milioni di persone nel mondo, e con la grande generazione dei boomer che sta raggiungendo...

Bisnonni o cugini con Alzheimer aumentano il nostro rischio per la malattia

Sappiamo che avere un genitore con il morbo di Alzheimer (MA) aumenta il rischio di una persona di sviluppare la malattia, ma una nuova ricerca, pubblicata il 13 marzo 2019 su Neurology®, suggerisce che anche avere parenti di secondo e terzo grado che hanno avuto...

Olfatto alterato può segnalare un declino cognitivo, ma un 'allenamento' può aiutare

Invecchiando, spesso abbiamo problemi con la nostra capacità di sentire gli odori (chiamata disfunzione olfattiva). Le persone anziane potrebbero non essere in grado di identificare un odore o differenziare un odore da un altro. In alcuni casi potrebbero non riuscire...

Segnalazione carente dell'insulina nel cervello legata all'Alzheimer

Gli scienziati continuano a trovare prove che collegano il diabete di tipo 2 con il morbo di Alzheimer (MA), la forma più comune di demenza. Tuttavia, si capisce poco del meccanismo con cui i due sono connessi.

Ora, i ricercatori del Joslin Diabetes Center, affiliato...

Dovresti avere una relazione quando il tuo partner è (molto) malato?

I caregiver che amano il loro coniuge malato, ma non possono occuparsi dei propri bisogni romantici, possono sentirsi prigionieri. Dovrebbero fare, come gli altri detenuti, brevi vacanze a causa del buon comportamento?
  L'ambivalenza emotiva del caregiver
"Quando...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massachusetts Institute of Technology (MIT) hanno dimostrato di poter migliorare i disturbi cognitivi e della memoria simili a quelli osservati nei pazienti con morbo di Alzheimer (MA).

Questo...

Le cellule di Schwann proteggono i neuroni dalla degenerazione

Ricercatori del Salk hanno scoperto, per la prima volta, che una proteina di coagulazione del sangue può, inaspettatamente, degradare i nervi, e che le cellule gliali di supporto ai nervi, incluse le cellule di Schwann, forniscono protezione.

I risultati, pubblicati...

Più vitamina D può migliorare la memoria, ma troppa può rallentare il tempo di reazione

Quanta vitamina D può aumentare la memoria, l'apprendimento e il processo decisionale degli anziani, e quanta è troppa?

Uno studio unico condotto alla Rutgers University ha rilevato che le donne anziane in sovrappeso e obese che hanno assunto più del triplo della...

Il cervello come rappresenta il tempo nei ricordi a lungo termine?

Il modo in cui codifichiamo i nostri ricordi coinvolge molte informazioni e gli scienziati conoscono già il modo in cui funziona la maggior parte di essi. Ma una dimensione sfugge ancora: il tempo.

Un nuovo studio eseguito all'Università di Toronto è un passo importante...

 

I prossimi eventi:

[CA Prealpina] Le demenze: inquadramento diagnostico e cenni sulle forme reversibili

Giovedì, 21 March 2019 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Casa Riese, Via don Gnocchi 5, Riese Pio X

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Martedì, 02 April 2019 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Caffé Alzheimer Montebelluna: Com'è difficile farsi aiutare!

Martedì, 09 April 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2018-2019

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 09 April 2019 20:30 - 22:00
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

[CA Prealpina] L'alimentazione come aiuto all'invecchiamento e al benessere nella demenza

Giovedì, 18 April 2019 17:00 - 18:30

Il Caffè Alzheimer è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione con l’Associazione...
Luogo : Centro Polivalente 'La Roggia', Via Caozocco 10, S. Zenone degli Ezzelini

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Viaggio nelle Venezie - Belluno

Immagini BellunoCollana Viaggio nelle Venezie Belluno, nel regno dele Dolomiti
 
Un viaggio nella «città...

Collana VIAGGIO NELLE VENEZIE (completa)

Collana “Viaggio nelle Venezie”: otto volumi dedicati alla Terra veneta, finemente stampati, riuniti...

Viaggio nelle Venezie - Treviso

Immagini TrevisoCollana Viaggio nelle Venezie Treviso, i luoghi del colore
 
Alla scoperta della città famosa per...

Città delle Venezie - Collana completa

Città delle Venezie: Collana completa dei 9 volumi

Edizioni estratte dalla collana “Viaggio...

Set 3 Bobby

Set di 3 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60, 40x60 e 30x30...

Viaggio nelle Venezie - Vicenza

Immagini VicenzaCollana Viaggio nelle Venezie Vicenza, la Provincia preziosa
 
Una città “preziosa” per i sontuosi...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2019 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°