Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

La struttura di collegamento a nanotubi sfida il concetto stesso di cellula

Le cellule del nostro corpo hanno la capacità di parlare l'una con l'altra proprio come fanno le persone.
Questa comunicazione consente ai vari organi di lavorare in modo sincrono, il che a sua volta ci consente di eseguire la notevole gamma di compiti quotidiani.

Uno...

L'esercizio fisico può migliorare la cognizione riducendo il flusso sanguigno cerebrale negli anziani

L'esercizio fisico altera il flusso sanguigno cerebrale e migliora le prestazioni cognitive negli anziani, sebbene non nel modo in cui si potrebbe pensare.

Un nuovo studio pubblicato dai ricercatori della University of Maryland sul Journal of Alzheimer's Disease...

Invecchiamento danneggia le cellule di supporto del cervello, non i neuroni direttamente

L'invecchiamento può causare danni alle cellule di supporto nella sostanza bianca, che a sua volta può portare a danni [ai neuroni] nella sostanza grigia dell'ippocampo, secondo un nuovo studio eseguito all'Università di Cardiff.

La scoperta offre ai ricercatori una...

Apnea del sonno crea lacune nei ricordi della vita

Una nuova ricerca ha dimostrato che le persone con apnea del sonno lottano per ricordare i dettagli dei ricordi delle loro vite, rendendoli potenzialmente vulnerabili alla depressione.

L'apnea ostruttiva del sonno (OSA), che si stima colpisca più di 936 milioni di...

Meditazione e yoga sono utili per i caregiver di Alzheimer?

Gli effetti fisici, emotivi e psicologici di prendersi cura di una persona cara con il morbo di Alzheimer (MA) o altra demenza hanno un grande costo personale. Se non si sa regolare, il caregiver può compromettere la sua salute.

Ricerche preliminari indicano che le...

Resa pubblica la mappa più completa mai fatta del cervello di Alzheimer

 
Uno studio delle differenze tra cervello sano e quello con morbo di Alzheimer (MA) ha prodotto il più grande insieme di dati del suo genere, che il team di ricercatori guidati dal dott. Richard Unwin all'Università di Manchester, ha reso ora disponibile gratuitamente...

Sesso, auto, denaro e demenza: comportamenti rischiosi all'inizio del declino cognitivo.

 
Come bilanciare libertà e sicurezza per le persone con demenza, in particolare nei settori rischiosi del sesso, della guida e del denaro?

Nel 2014, Henry Rayhons, un 78enne dello Iowa, è stato arrestato perché avrebbe fatto sesso con sua moglie. Ferma un attimo:...

Diagnosi di demenza: quando dirlo agli altri?

I post-it erano diventati uno strumento essenziale per Dale Rivard. Come assistente veterano dell'avvocato di stato di Grand Forks/North Dakota, Dale ha scoperto che faceva sempre più affidamento sui biglietti autoadesivi per rintracciare i molteplici dettagli associati...

I 3 cibi da mangiare ogni giorno che secondo la neuroscienza prevengono l'Alzheimer

Se sappiamo che una cosa è vera, questa è che una buona alimentazione può essere la risposta a molti dei nostri problemi comuni di salute. L'obesità e le malattie cardiache, ad esempio, sono le principali cause di morte negli Stati Uniti e la nutrizione può spesso...

Integratori di vitamine o minerali non prevengono la demenza [studio]

Un'ampia rassegna di studi non ha trovato prove concrete che gli integratori di vitamine e minerali siano efficaci nel prevenire il declino cognitivo o la demenza.

La meta-analisi, pubblicata nel Cochrane Database of Systematic Review, comprendeva 28 studi con oltre...

Alzheimer: nonostante i fallimenti, c'è speranza per un trattamento entro il 2025

Nonostante il recente fallimento del farmaco crenezumab della Roche, il team della ProMIS Neurosciences rimane fiducioso di trovare nel prossimo decennio un trattamento che modifichi la malattia.

I trattamenti neurodegenerativi sono particolarmente difficili da sviluppare,...

'Il sé non è completamente perso nella demenza', sostiene una nuova revisione di studi

In passato, quando gli studiosi riflettevano sull'impatto psicologico della demenza, si sono spesso riferiti alla perdita del 'sé' in termini drammatici e devastanti, usando un linguaggio come il 'disdegno del sé' o la 'disintegrazione' del sé.

In una nuova recensione...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta rete di vasi sanguigni nel cervello. Alcune di queste alterazioni possono anche contribuire al declino cognitivo correlato all'età nelle persone senza demenza. Tuttavia, i modi in...

Nessuna associazione tra trazodone e riduzione del rischio di demenza

In un ampio studio basato sulla popolazione del Regno Unito, Ian Wong e colleghi dell'Università di Hong Kong e dell'University College di Londra, NON hanno trovato un'associazione statisticamente significativa tra l'antidepressivo trazodone e un rischio ridotto...

Il cervello delle donne appare tre anni più giovane di quello dei maschi

Il tempo usura in modo diverso il cervello delle donne e quello degli uomini. Mentre il cervello tende a ridursi con l'età, gli uomini diminuiscono più velocemente delle donne. Il metabolismo del cervello rallenta quando le persone invecchiano e anche questo può differire...

7 modi per battere l'alto costo della sedentarietà

Quali sono i costi sanitari associati alla sedentarietà? Secondo diversi nuovi studi pubblicati su The Lancet, sono almeno $ 67 miliardi all'anno, circa $ 54 miliardi dei quali rappresentano i costi medici diretti. E questo non include i costi della morte prematura.

I...

I semplici cambiamenti dietetici che riducono il rischio di Alzheimer

Questo è il primo di una serie di post sui trattamenti complementari e alternativi del morbo di Alzheimer (MA) e altri tipi di demenza. Qui vediamo la relazione tra la dieta e il rischio di MA. Post futuri esamineranno le evidenze per i prodotti erboristici, altri integratori...

L'istruzione può non proteggere dalla demenza come si è pensato finora

Studi precedenti hanno suggerito che avere un livello di istruzione più alto può proteggere il cervello dalla demenza in una certa misura, fornendo una 'riserva cognitiva' che respinge la malattia. Ma i risultati erano contrastanti e un nuovo studio, pubblicato il 6...

Farmaco per l'HIV potrebbe trattare i disturbi associati all'Alzheimer

Un nuovo studio ha scoperto che un farmaco per l'HIV riduce significativamente l'infiammazione legata all'età e altri segni di invecchiamento nei topi.

Il progetto di ricerca collaborativa, i cui risultati sono stati pubblicati mercoledì 6 febbraio sulla rivista...

I criceti in letargo potrebbero fornire nuovi indizi sull'Alzheimer

I criceti siriani sono roditori dai peli dorati spesso tenuti come animali domestici. Il freddo e l'oscurità possono far andare in letargo gli animali per 3-4 giorni alla volta, intervallati da brevi periodi di attività.

Sorprendentemente, i tratti di letargo di queste...

 

I prossimi eventi:

Caffé Alzheimer Montebelluna: un nuovo linguaggio da imparare

Martedì, 12 February 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2018-2019

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Martedì, 05 March 2019 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Caffé Alzheimer Montebelluna: il sostegno del fisioterapista

Martedì, 12 March 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2018-2019

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Martedì, 02 April 2019 18:00 - 19:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Scuola Primaria, Via San Venanzio Fortunato 32, Valdobbiadene (TV)

Caffé Alzheimer Montebelluna: Com'è difficile farsi aiutare!

Martedì, 09 April 2019 16:30
Ritroviamoci al Caffè
"Demenze ... non solo Alzheimer" 2018-2019

E' una iniziativa, organizzata...
Luogo : Biblioteca Comunale di Montebelluna

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Set 3 Bobby

Set di 3 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60, 40x60 e 30x30...

Viaggio nelle Venezie - Vicenza

Immagini VicenzaCollana Viaggio nelle Venezie Vicenza, la Provincia preziosa
 
Una città “preziosa” per i sontuosi...

Bassano

Bassano: Immagini senza tempo.
Un’eccezionale raccolta di immagini storiche e cortoline d’epoca...

Bracciale GPS anti-rimozione

Nuovo GPS Tracking “WEAR3” che rivoluziona il settore sanitario. Le persone con Alzheimer, demenza...

I Mestieri di Venezia

I Mestieri di Venezia Storia, arte, devozione delle corporazioni dal XIII al XVIII secolo
Un viaggio...

Paletto pedonale

Paletto parapedonale verniciato bianco con 2 fasce rinfrangenti rosse.
Diametro 6 cm, altezza 120 cm....

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2019 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°