Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Le persone con Alzheimer o demenza corrono un rischio più alto di abusi?

Secondo il National Center on Elder Abuse, si considera che gli anziani con demenza hanno un rischio più alto di abuso e abbandono rispetto a quelli della popolazione anziana in generale.

L'abuso degli anziani, nota il centro, è uno dei rischi per la salute pubblica...

Studio certifica che i conducenti con Alzheimer iniziale hanno 'auto-regolazione carente'

Guidare è un compito complesso che coinvolge abilità percettive, motorie e cognitive. Queste capacità possono essere influenzate all'inizio nei pazienti con morbo di Alzheimer (MA).

Tuttavia, essi continuano a guidare per un numero più alto di anni rispetto alle...

Blocco dell'enzima che scatena l'infiammazione potrà ridurre effetti dell'Alzheimer

L'infiammazione è una parte del processo di guarigione naturale del corpo, ma, quando diventa cronica, può portare al cancro, all'Alzheimer e ad altre condizioni. Gli inflammasomi - macchine molecolari a base di proteine ​​- innescano l'infiammazione in risposta...

I giochi per la mente non danno vantaggi alla mente

Un nuovo studio condotto da un gruppo di neuroscienziati della Western University ha smentito le affermazioni secondo cui diventare bravi in un gioco di allenamento del cervello può tradursi in prestazioni migliori in altri compiti cognitivi non allenati.

Questo studio,...

La demenza non mi ha rubato mia madre. Ha rivelato il suo sé più vero.

"Tua madre se n'è andata. Lei non è più qui". Questo è quello che mi dicevano le persone durante l'ultimo anno e mezzo di vita di mia madre, quando soffriva di demenza.

Lei sapeva che la sua mente stava svanendo ed è diventata estremamente ansiosa, incapace...

Ancora prove del collegamento intestino-cervello nell'Alzheimer

Una nuova ricerca fornisce ulteriori prove del fatto che il microbioma intestinale ha un ruolo nell'eziologia del morbo di Alzheimer (MA).

Lo studio ha trovato un'associazione tra i cambiamenti negli acidi biliari prodotti dal microbioma intestinale e i biomarcatori...

Pressione bassa, perdita di peso e glicemia alta in mezza età precedono la demenza

Gli individui con livelli elevati di glucosio nel sangue, pressione bassa (PA) e perdita di peso in mezza età hanno un rischio più alto di demenza in età avanzata, suggerisce una nuova ricerca pubblicata il 24 luglio su JAMA Psychiatry. Gli investigatori hanno...

Alla scoperta del nuovo Io: l'identità cambia dopo la diagnosi di demenza?

"Quando sono andata in pensione, all'inizio sembrava che ci sarebbero stati così tanti mercoledì vuoti; come tutti gli altri giorni della settimana. Ma non è stato così".

Per la natura stessa della mia diagnosi, il mio libro parla della perdita del vecchio e...

I gechi rigenerano parti del loro cervello: possono aiutarci a guarire il nostro?

Ricercatori dell'Università di Guelph (Canada) hanno scoperto il tipo di staminali che consente ai gechi di creare nuove cellule cerebrali, fornendo la prova che le lucertole potrebbero anche essere in grado di rigenerare parti del cervello dopo una lesione.

Questa...

Colpi di testa nel calcio sono più dannosi per il cervello femminile

Il cervello delle donne è molto più vulnerabile di quello degli uomini alle ferite da colpi di testa ripetuti al pallone da calcio, secondo un nuovo studio condotto dai ricercatori dell'Albert Einstein College of Medicine, che fa parte del sistema Montefiore.

Lo studio...

Caregiver familiari di persone con demenza: 9 su 10 dormono troppo poco

Secondo una nuova ricerca svolta all'Università di Buffalo, oltre il 90% delle persone che si prendono cura di un familiare con demenza sperimentano un sonno scadente. Lo studio ha rilevato che la maggior parte dei partecipanti ha avuto meno di 6 ore di sonno ogni notte,...

Grasso della pancia negli anziani collegato al decadimento cognitivo

Una nuova analisi di dati dello studio di coorte Trinity Ulster Department of Agriculture (TUDA), che comprende oltre 5.000 individui, ha rilevato che la misura del grasso della pancia (rapporto vita / fianchi) è associata a una funzione cognitiva ridotta negli...

La sauna frequente ha molti benefici per la salute

Il bagno di sauna è un'attività usata per piacere, per benessere e per relax.

Evidenze emergenti suggeriscono che, oltre al suo uso per piacere, il bagno di sauna può essere legato a diversi benefici per la salute.

Un nuovo rapporto pubblicato su Mayo Clinic Proceedings...

Squilibrio del pH nelle cellule cerebrali può contribuire all'Alzheimer

 
Scienziati della Johns Hopkins affermano di aver trovato nuove prove nelle cellule del cervello di topo cresciute in laboratorio, chiamate astrociti, che una radice del morbo di Alzheimer (MA) può essere un semplice squilibrio nella chimica acido-alcalina (pH)...

Studio dimostra che interpretare i compiti è cruciale per ricordarli, specialmente nel MCI

Hai mai fatto shopping e sei tornato a casa solo per scoprire che hai dimenticato di acquistare l'oggetto per cui eri uscito? Sapevi che stava per piovere, ma hai lasciato l'ombrello a casa? Sei uscito e hai lasciato il televisore acceso?

Tutti questi sono esempi di...

MicroRNA neuroprotettivi: sapendo come manipolarli, potremmo trattare l'Alzheimer

Il morbo di Alzheimer (MA) è una condizione neurodegenerativa sempre più diffusa che erode la memoria e altre funzioni cognitive. Mancano ancora trattamenti per questa malattia complessa, nonostante i ricercatori abbiano già scoperto le sue principali caratteristiche...

Test genetici: devo fare il test per il rischio di Alzheimer?

Grazie ai progressi dei test genetici, esiste ora un modo per i consumatori di testare il più importante fattore di rischio genetico per il morbo di Alzheimer (MA) ad esordio tardivo.

Il MA è una malattia neurodegenerativa progressiva e fatale che colpisce principalmente...

 

I prossimi eventi:

CA Pedemontano: Comunicazione possibile nelle demenze

Giovedì, 20 September 2018 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria, Via Campagna 46

CA Pedemontano: Spiegare la demenza dei nonni ai bambini

Giovedì, 18 October 2018 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria, Via Campagna 46

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Le virtù delle piante

Le virtù delle piante: Vis Naturae
L’antica storia delle proprietà vegetali, del loro uso nei regimi...

Bobby piccolo

Cagnolino ottenuto da un asciugamano piccolo di spugna in puro cotone, dimensione 30x30 cm.
Disponibile...

Orologio GPS

Localizzatore satellitare con funzioni di telefonia integrato in un orologio da polso. La migliore soluzione...

Marginatore con gemma

Delineatori di margine (marginatori)
Segnalimite europeo bianco/rosso – con gemma di cm. 5x18, collocati...

Set 2 Bobby

Set di 2 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60 e 40x60 cm.
Disponibile...

Città delle Venezie - Collana completa

Città delle Venezie: Collana completa dei 9 volumi

Edizioni estratte dalla collana “Viaggio...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2018 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°