Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Cosa si è detto la scorsa settimana nel Mondo dell'Alzheimer

Ecco di seguito gli aggiornamenti della scorsa settimana del sito www.alzheimer-riese.it.

Nuovi contributi inseriti:

Gotta negli anziani legata a rischio più alto di demenza

I risultati di uno studio presentato ieri all'Annual European Congress of Rheumatology (EULAR 2018) suggeriscono che la gotta è associata ad un rischio più elevato del 17-20% di demenza tra gli anziani (1).

La gotta è una condizione molto comune. È causata da depositi...

Come affrontare lo stigma della demenza

 
Oggi si parla piuttosto apertamente di infezioni sessualmente trasmissibili. L'abuso di droga e l'alcolismo non fanno più notizia, in particolare tra le celebrità. Perfino il cancro - una volta chiamato "la grande C" - è ora trattato liberamente nei media da...

Sorpresa per l'effetto di richiamo dei ricordi generato dall'altalena

La Salem Home sta raccogliendo fondi per acquistare più altalene da giardino accessibili ai disabili. Il personale dice che l'altalena ha una capacità unica di sbloccare i ricordi e di aprire anche gli ospiti più chiusi.

"A volte i residenti vanno avanti e iniziano...

Valutare non solo economicamente le opzioni per l'assistenza di Alzheimer

Un rapporto pubblicato all'inizio del 2018 dall'Alzheimer's Association ha dichiarato che il costo annuale dell'assistenza agli americani con morbo di Alzheimer (MA) aveva raggiunto i 277 miliardi di dollari. Inoltre, l'associazione dice che ci sono più di 5,7 milioni...

Glia: cellule spesso trascurate sono la chiave di apprendimento e memoria

Le cellule gliali circondano i neuroni e forniscono supporto; più o meno come il personale ospedaliero e gli infermieri supportano i medici per portare avanti le operazioni senza intoppi. Queste cellule spesso trascurate, che includono oligodendrociti e astrociti, sono...

Ecco perchè dovremmo mettere più soldi nella ricerca di Alzheimer

Ad aprile, il Congressional Budget Office ha riferito che il deficit di bilancio annuale degli Stati Uniti raggiungerà $ 1 trilione entro il 2020. Questa è una traiettoria preoccupante, ma nessuno a Washington sembra preoccuparsi abbastanza da smettere di spendere...

Il trattamento chiave anti-demenza forse non funziona, ma continua a farlo

Un nuovo studio sorprendente ha scoperto che l'esercizio fisico, un trattamento standard per la demenza, non fa nulla per fermare il peggioramento della malattia nei pazienti.

Alle persone con demenza vengono spesso prescritti regimi di esercizio ad alta intensità per...

La solitudine è nel territorio del caregiving, ma non deve esserlo

Tra le molte risposte che ho ricevuto in questa rubrica sul caregiving, ci sono due parole che sembrano dominare la mia casella di posta: "unico" e "solo".

"Sono stata l'unica caregiver di mio marito per nove anni mentre combattevamo il cancro alla prostata ..."...

Con l'età si deteriorano anche i muscoli: perchè?

L'aspettativa di vita media è al massimo storico, e in aumento. Questo però comporta la crescita delle malattie del sistema nervoso legate all'età, come l'Alzheimer e le altre forme di demenza. Tuttavia, tali degenerazioni patologiche non riguardano solo il cervello....

Stimolazione cerebrale profonda è promettente per over-65 con Alzheimer lieve

Un'analisi per gruppo di età dei dati dello studio ADvance ha dimostrato che i partecipanti di età oltre i 65 anni continuano a trarre il maggior beneficio dalla "stimolazione cerebrale profonda" del fornice (DBS-f), come osservato nei dati dei risultati...

Derivati dalle piante possono ridurre il rischio di demenza?

Una nuova ricerca apparsa sull'European Heart Journal dice che l'ipertensione nella mezza età aumenta il rischio di demenza più tardi nella vita.
Gli scienziati hanno scoperto che una lettura di 130 o più nella pressione sistolica (il numero più alto nella...

10 segnali inaspettati di possibile demenza precoce da conoscere

Uno dei fatti tristi della vita è purtroppo che, invecchiando, arriva la possibilità di un peggioramento della salute e di molte malattie diverse. Una delle più spaventose è il morbo di Alzheimer (MA), una forma comune e grave di demenza che si traduce in perdita...

Cambio di abitudini alimentari può essere tra i primi segni di demenza frontotemporale

I sintomi e i segni della demenza tendono a legarsi a un cambiamento nelle abilità di una persona, rendendola meno capace di svolgere i compiti prima familiari. Tuttavia questi sintomi possono variare a seconda dei tipi di demenza.

La demenza frontotemporale,...

Stai iniziando un nuovo capitolo nella tua vita?

Pietre miliari come la laurea, il fidanzamento, il matrimonio, un nuovo bambino, un lavoro, una promozione o il trasferimento in un luogo da sogno, sono sviluppi entusiasmanti e felici. Ma questi sviluppi possono anche portare enormi transizioni e cambiamenti nella tua...

L'integrità dei sensi contribuisce a mantenere la cognizione nell'invecchiamento

Un team internazionale di scienziati ha sviluppato un nuovo modo di individuare a casa il declino cognitivo legato all'età, usando un test che chiede alle persone di rilevare suoni e flash sul proprio computer o telefono.

Sviluppato da ricercatori di Svizzera e Regno...

Raro studio in vivo mostra la forte influenza dei nodi cerebrali deboli sulla memoria

La nostra capacità di imparare, ricordare, risolvere problemi e parlare sono tutte funzioni cognitive legate a diverse parti del nostro cervello.

Se i ricercatori potessero identificare come quelle parti del cervello comunicano e scambiano informazioni tra loro, i medici...

Annunciata una svolta per la cura dell'Alzheimer in forma di integratore

Una nuova e rivoluzionaria ricerca di un team di Waterford (Irlanda) ha identificato una combinazione unica di nutrienti per rallentare la progressione del morbo di Alzheimer (MA).

Lo studio di 18 mesi, pubblicato nell'edizione di giugno del Journal of Alzheimer's Disease,...

Dubbi sulla 'cura dell'Alzheimer' annunciata da ricercatori irlandesi

Ieri scienziati irlandesi hanno suscitato speranze per i malati con morbo di Alzheimer (MA), quando hanno affermato che una formula nutrizionale complessa potrebbe essere la chiave per la malattia devastante. Il loro esperimento preliminare ha trovato che una combinazione...

Come possono i datori di lavoro aiutarci a bilanciare lavoro e caregiving

I familiari che ci assistono sono tutti intorno a noi, ma spesso sono invisibili. Almeno 44 milioni di persone sono caregiver non pagati negli Stati Uniti.
  Doppie responsabilità al lavoro
Tre quarti di questi caregiver familiari hanno un lavoro ma si sforzano...

Stress e cuore: come sono collegati?

C'è una precisa connessione tra lo stress e il cuore. Abbiamo tutti bisogno di un po' di stress nella nostra vita per poter funzionare. Ad esempio, la paura e lo stress ci aiutano a reagire quando ci troviamo in situazioni pericolose, e lo stress dovuto alle scadenze...

 

I prossimi eventi:

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Altivole

Martedì, 10 July 2018 20:30 - 22:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di Auto-Mutuo-Aiuto...
Luogo : Centro Sociale, Via Roma 21, Altivole

Gruppo Auto-Mutuo-Aiuto Valdobbiadene

Venerdì, 27 July 2018 19:00 - 20:30
Riscoprirsi risorsa tra persone unite dallo stesso problema, partecipando ai Gruppi di...
Luogo : Ex direzione didattica delle scuole elementari, Valdobbiadene

CA Pedemontano: Comunicazione possibile nelle demenze

Giovedì, 20 September 2018 17:00 - 18:30
Il Caffè Alzheimer Pedemontano Itinerante è un servizio che la Casa di Soggiorno Prealpina, in collaborazione...
Luogo : Centro Sollievo di Loria, Via Campagna 46

 

Il sito propone l'acquisto online di vari prodotti, un atto di solidarietà che aiuta la continuità dei servizi offerti a malati e famigliari. Ecco alcuni prodotti scelti in modo casuale:

Marginatore con gemma

Delineatori di margine (marginatori)
Segnalimite europeo bianco/rosso – con gemma di cm. 5x18, collocati...

I ricordi perduti

"I RICORDI PERDUTI"
di Giulia Basile
" ... ci sono dolori che nessuna penna è in grado...

Monti azzurri

I Monti Azzurri: Atlante dei Colli Euganei
La particolare ubicazione, la genesi vulcanica, i diversi...

Set 2 Bobby

Set di 2 cagnolini ottenuti da asciugamani di spugna in puro cotone, dimensioni 110x60 e 40x60 cm.
Disponibile...

Bracciale GPS anti-rimozione

Nuovo GPS Tracking “WEAR3” che rivoluziona il settore sanitario. Le persone con Alzheimer, demenza...

Localizzatore indossabile WEAR2 + smartphone

Nuovo GPS Tracking “WEAR2” che permette alle persone con Alzheimer, demenza, autismo e altri disturbi...

Clicca per accedere alla sezione «Acquisti solidali».

 


L'associazione assiste i malati di Alzheimer, i loro famigliari e i caregivers con servizi gratuiti. Puoi decidere di supportarci in questa azione quotidiana associandoti,  inviando una donazione o destinando un lascito.
Grazie in anticipo.


Non vuoi più ricevere questa newsletter? Clicca qui.

Manda questa e-mail a un amico

Prego non rispondere a questa email generata automaticamente; per comunicazioni usare il modulo dei contatti.


2010-2018 © Associazione Alzheimer onlus - Riese Pio X°